Yu-Gi-Oh! Yaoi!

4.1K 84 16 Writer: PrinceorPrincess di PrinceorPrincess
di Princeor Prince Segui Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia
Invia Invia ad un amico Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia

Yami era seduto accanto al suo piccolo aibou, che stava ridendo e chiacchierando con la banda.
'Hey ragazzi! Che ne dici se giochiamo tutti alla verità o osiamo? Disse Joey con un sorriso sfacciato.
Tutti tranne Kaiba, che fissavano un muro con le braccia incrociate, adoravano l'idea. Tutti sorrisero e accettarono di suonare.
'Va bene, vado per primo, Tristan, verità o coraggio?' Chiese Joey ancora con un largo sorriso.
'Umm osa.' Tristan rispose.
'Va bene, anche io ti sfido ...' Joey fece una pausa e scrutò la stanza, poi fece un largo sorriso. '-Kiss Duke.'
'CHE COSA!!! Io non sono gay!!' Urlò Tristan, le sue guance diventarono rosso rosato. Duke sbuffò e alzò gli occhi al cielo.
'Oh, andiamo Tristano, tutti sanno che sei in amore con il duca.' Scherzò Joey. Tutti tranne Kaiba, ridacchiarono.
'No!' Tristan urlò le sue guance diventando rosse come un peperone.
'Tristan, ti ho visto uscire con lui una settimana fa al parco. Entrambi stavi sdraiato sull'erba, a mezzanotte, mangiando l'un l'altro a faccia in giù. ' Yami dichiarò, sorrise e appoggiò la testa sulla sua mano. La faccia di Tristans divenne ancora più rossa, il che sembrava impossibile.
'Dannazione, Tristan smette di essere timido.' Duca seccato alla fine disse. Afferrò il viso di Tristans e batté le labbra contro Tristans. Rimasero fuori per un po 'finché Joey non li tirò via l'uno dall'altro.
'Bene, Tristan è il tuo turno.' Disse Joey. Christan era solo coccole vicino al duca, con le dita intrecciate.
'Beh, verità o osa Joey.'
'Dare'. Joey disse come prima che Tristan potesse persino pronunciare le parole.
'Beh, ti sfiderei a baciare Kaiba .... ma ti piacerà molto. Quindi per avermi messo in imbarazzo, ti sfido anche a baciarti ............. Yugi. ' Yami teneva la mano di Yugis e si irrigidì all'istante quando sentì quelle parole. Strinse la mano di Yugis facendola sussultare, ma Yami era pazzo di accorgersene.
Come osa Tristan anche solo pensare a una cosa del genere! Perché mai oserebbe dire a Joey di baciare MIO Aibu! Le sue labbra sono mie e solo mie! E non permetterò ad altre labbra di avvicinarsi a loro !!

Yami calmarsi è solo una sfida.
Yugi rispose telepaticamente ai pensieri furiosi di Yamis.
'Sì, ​​ma il tuo MIO aibou! E sapere uno tranne me è forte baciarti! Urlò Yami. Tutti lo fissarono scioccati. Ma Yami era il più scioccato, il suo viso impallidito e si alzò e uscì dalla stanza. Corse giù dagli sguardi e uscì dal negozio di giochi, lasciando Yugi sbalordito e ancora cercando di capire cosa fosse appena successo.
'Wow, Yugi, non pensavo che si sarebbe arrabbiato così tanto per il coraggio. Mi dispiace.' La faccia di Tristan divenne offuscata dalla colpa.
'Questo sta diventando noioso, vieni cucciolo, dove andare a casa.' Disse Seto e trascinò via Joey prima che potesse dire qualsiasi cosa.
'Ehi, dove andrò anche io.' Disse Duke e si alzò in piedi.
'Ehi scusa ancora Yugi.'
E proprio così tutti lasciarono il negozio di giochi / casa, lasciando Yugi, che fissava il suo letto.


Yami si precipitò lungo il marciapiede laterale e diede un calcio a un bidone della spazzatura. Quindi si appoggiò a una parete del vicolo, seduto per terra.
'Dannazione, dannazione, dannazione !!!!' Urlò Yami. Abbassò lo sguardo in grembo. Non volevo dirlo ad alta voce ... Non so nemmeno perché mi sono arrabbiato così tanto in primo luogo. Era solo un semplice coraggio ....... ma per qualche motivo l'ho perso.
'È sbagliato se penso che sei caldo quando sei pazzo?' Yami alzò lo sguardo e vide Yugi. La sua faccia stava diventando rossa, probabilmente per la domanda che aveva appena posto. Yami scosse la testa scherzosamente e ridacchiò.
'Vieni qui tu!' Tirò Yugi in grembo e lo baciò appassionatamente. Gli occhi di Yugis si spalancarono ma lentamente si chiusero mentre si scioglieva nel bacio. Yami leccò il labbro inferiore di Yugis implorando l'ingresso, voleva scusarsi profondamente per il suo comportamento, con la sua lingua. Yugi gli concesse felicemente l'accesso, accettando le scuse, aprendo la bocca e dando a Yami un sacco di spazio da esplorare. E per essere sicuro di dimostrarlo davvero, anche lui ha mosso un po 'contro di lui. Entrambe le loro lingue erano nella bocca dell'altro, entrambi gemevano. 'Beh, sembra che Yami si sia calmato.' Sussurrò Joey a Tristan.
Tristan ridacchiò piano.
'Sì.'