pannolini invernali Jessica

34.7K 74 2 Writer: pizzajoe123 di pizzajoe123
di pizzajoe123 Segui Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia
Invia Invia ad un amico Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia

Era morto se l'inverno, durante le vacanze invernali per noi liceali. Io e il mio migliore amico eravamo decisamente stanchi della scuola ma eravamo ancora annoiati, mi sentivo particolarmente improduttivo.


Bene mentre guardavo fuori dalla finestra informazioni il paesaggio ricoperto di neve che mi colpiva, era così ovvio. La pala da neve è così facile in questo periodo dell'anno. Mandai immediatamente un sms alla mia amica Sasha se avrebbe spalato la neve. All'inizio sembrava riluttante, ma quando ho menzionato la quantità di denaro che poteva essere fatta, ci è arrivata.

Ci siamo incontrati al parco a circa un isolato di distanza. Abbiamo portato le pale da neve e siamo stati preparati con stivali, pantaloni e giacche invernali e tanti strati di vestiti. Era così vecchio che indossavo 2 mutande. Così abbiamo iniziato, andando di casa in casa, quasi tutte le persone che erano a casa ci hanno pagato gentilmente per spalare i loro cortili e guidare strade. Alcune ore dopo stavo iniziando a stancarmi un po '. Mentre spingevamo le morbide sponde se la neve si accumulava in mucchi, ho sentito un forte dolore nella regione della pancia inferiore. Ho premuto le mani contro di me per sopprimere il dolore. Shasta mi notò mentre lo facevo e disse

Stai bene Jessica ?? '

Ho detto: 'Sì, è solo un crampo'


Ho continuato il mio lavoro ignorando l'impulso di costruire il numero 2. Presto mi sono reso conto che dovevo andare davvero male in bagno. Ho detto,

Perché non ci prendiamo una pausa, devo usare il bagno come sempre?


Sasha disse: 'Cmon, abbiamo appena iniziato, quindi casa, non possiamo andarcene'

Va bene, va bene, ma sbrigati, 'dissi impazientemente.


Quando abbiamo finito, abbiamo ottenuto i soldi e siamo partiti camminando su per la collina fino a casa mia. Sasha andò in un'altra direzione verso casa sua, lasciandomi a camminare per 1/4 di miglio fino a casa mia. Mentre mi avvicinavo al mio nero, sentii un altro dolore nell'intestino. Sentii la cacca che cercava di scappare ma mi strinsi forte. Pochi passi dopo sapevo che non ce l'avrei fatta. Sentii il mio spasmo dello sfintere e mi piegai in avanti, proprio lì in mezzo alla strada, mentre sentivo un carico caldo di cacca molliccia che scorreva sulle mie mutandine. La mia faccia era calda e arrossata per l'imbarazzo e quasi non potevo credere a quello che avevo appena fatto. Rimasi lì congelato, spaventato di fare un passo. Alla fine l'ho fatto. Ho sentito il caldo carico spostarsi nelle mutandine mentre camminavo. Quando sono tornata a casa, mia madre ha visto la mia faccia e ha percepito che qualcosa non andava. Lei disse,
'Che cosa succede?'

Dissi con lieve esitazione: 'mamma mi sono fatto la cacca per caso'