Limoni di Tsukune Moka

778 3 0 Writer: leon1115 di leon1115
di leon1115 Segui Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia
Invia Invia ad un amico Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia

Sessione di studio


A / N: Ecco un limone one-shot con Tsukune e Moka di Rosario + Vampire.

Questo è il mio primo limone quindi fammi sapere come ho fatto. In questo modo ho potuto incorporare i limoni nelle altre mie foto.



Spero vi piaccia!

reacción de bts a que tenga náuseas matutinas

FYI


Le parole GRASSETTO nella storia sono Inner-Moka che parla a Outer-Moka

Sentendo bussare alla sua porta, Moka saltò eccitata e chiuse la distanza alla porta con un balzo. Si aspettava che la sua amica, Tsukune fosse alla porta, lo aveva invitato a studiare per un esame. In preparazione per questa piccola sessione di studio, Moka aveva tirato fuori tutte le soste; aveva fatto copie dei suoi appunti da condividere con Tsukune, aveva molti snack per tenerli concentrati e, per finire, Kurumu era detenuto e Yukari-chan era impegnato con la scuola, dando loro l'intima sessione di studio che Moka voleva.


Moka aprì la porta e sorrise mentre osservava il suo compagno di studio. Anche lui sorrideva e Moka non poté fare a meno di arrossire mentre respirava il suo profumo; il profumo dell'unico essere umano che frequentava la Youkai Academy per i mostri. Moka continuò a stare vicino alla porta, i suoi lunghi capelli rosa che cadevano sul suo bel viso nascondendo leggermente i suoi occhi verdi alla vista mentre introdusse Tsukune nella sua stanza. Moka non solo era bella e intelligente, ma era anche estremamente gentile; abbastanza gentile da prendersi il tempo di aiutarlo a studiare! La fissò in faccia prima che i suoi occhi cadessero sul rosario che portava al collo. Era l'unica cosa di Moka a cui Tsukune doveva abituarsi; il fatto che Moka fosse un vampiro.

Ogni volta che il rosario è stato rimosso, si trasforma in un vampiro perché è terrificante e potente poiché la Moka esterna è timida e gentile. Tsukune non riuscì a credere alla sua fortuna mentre entrava nella sua stanza degli amici. Tsukune era nella media in ogni modo; dai suoi capelli castani e gli occhi di topo alla sua media C media, l'unica cosa che lo distingueva era la sua volontà di sopportare un boccone di tanto in tanto quando Moka diventava troppo assetata. Questo in parte perché Moka era l'unico dell'Accademia a sapere di essere umano, ma soprattutto perché Tsukune era infatuato di lei e non poteva assolutamente dirle di no.


Grazie per avermi passato, Moka-san! Ho davvero bisogno di tutto l'aiuto che posso ottenere. ' Tsukune disse, togliendosi lo zaino e appoggiandolo sul pavimento.

Moka salutò i suoi ringraziamenti con un sorriso. 'No, davvero, Tsukune! Piacere mio! Se farai meglio a metà, sarai felice e anche questo mi renderà felice! '

Per alcuni minuti l'unica cosa che dissero furono 'Moka-san' e 'Tsukune' mentre la coppia continuava a sorridere e si fissavano. Alla fine, il loro momento di amore-colomba fu interrotto dal suono di un campanello a microonde.

Oh! Ci abbiamo fatto degli spuntini! Cinguettò Moka, mentre posava sul tavolo due bevande e una ciotola di popcorn e si sedeva. 'Immagino che dovremmo iniziare a studiare allora.' Disse arrossendo ancora una volta mentre Tsukune si sedeva accanto a lei; abbastanza vicino da farle sentire il suo respiro superficiale. Moka si girò verso di lui e il suo sguardo vide una vena sul suo collo. Il battito cardiaco iniziò ad accelerare più a lungo guardava il suo collo, così scosse la testa e cercò di concentrarsi sul compito da svolgere; insegnare la storia di Tsukune.


Dopo un po ', l'attenzione di Tsukunes stava iniziando a svanire. Moka-san era un ottimo tutor, ma la sua testa era piena di fatti casuali e tutti gli snack erano finiti. Tsukune sapeva che anche Moka stava sbiadendo. Continuava a perdere il filo dei suoi pensieri e lui notò anche che gli stava dando uno strano sguardo laterale.

Di ', Moka-san, andrebbe bene se ci prendessimo una pausa? Sento che la mia testa esploderà! '

Moka si scrollò di dosso qualsiasi sogno ad occhi aperti sul sangue di Tsukunes. 'Oh! Sì, scusa Tsukune! Non volevo sovraccaricarti!

Storie promosse

Ti piacerà anche