The Cellar

STAI LEGGENDO


The Cellar

orrore

Per mesi l'estate è intrappolata in una cantina con l'uomo che l'ha presa - e altre tre ragazze: Rose, Poppy e Violet. I suoi fiori perfetti e puri. La sua famiglia. Ma i fiori non possono sopravvivere a lungo tagliati dal sole e il tempo sta per scadere ...

#arresto #corpi #cantina #capitolo #trifoglio #copertina #Morte #fiore #fiori #odiare #orrore #ospedale #rapire #uccidere #coltello #Lewis #giglio #amore #mamma #omicidio #nuovo #polizia #papavero #princessharley #pubblicato #rosa #Continuazione #estate #opera



The Cellar - Chapter One

3M 35.2K 32.2K Writer: natashapreston di natashapreston
di natashapreston Segui Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia
Invia Invia ad un amico Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia

THE CELLAR sarà PUBBLICATO il 1 ° marzo 2014! Questa versione rimarrà su Wattpad, ma il libro raffinato e riscritto due volte sarà disponibile su Amazon, Barnes and Noble, The Book Depository e molti altri, oltre che nei negozi negli Stati Uniti e in Canada. L'e-book è disponibile sulla maggior parte degli e-reader.

Non succede mai nulla nella città di Long Thorpe, cioè fino a quando il sedicenne Summer Robinson scompare senza lasciare traccia. Nessuna indagine familiare o di polizia può rintracciarla.


linksadss

Trascorrendo mesi nella cantina del suo rapitore con diverse altre ragazze, Summer viene a sapere del passato offensivo di Colins e i suoi pensieri sulle sue vittime sono la sua famiglia ... i suoi fiori perfetti e puri.

Ma i fiori non possono sopravvivere a lungo tagliati dal sole e il tempo sta per scadere ...

esto es letras de piano gospel

Copyright 2012 Natasha Preston

-----

Capitolo primo

Estate

Sabato 24 luglio 2010

sharrkan x yamuraiha

Guardando fuori dalla finestra, mi sono trovato faccia a faccia con il cielo grigio opaco. Le nuvole pesanti l'hanno fatto sembrare troppo scuro per l'estate, ma nemmeno quello avrebbe potuto spezzare il mio umore felice stasera. I GCSE erano finalmente finiti e non avrei dovuto sostenere un altro esame fino al prossimo anno. Stavo celebrando la mia libertà uscendo con i miei amici per un concerto locale.

Ehi, a che ora parti? chiese il mio ragazzo, Lewis, mentre si lasciava entrare nella mia stanza e si sedeva in fondo al mio letto.

Tra mezz'ora circa. Sto bene? Ho guardato indietro al mio riflesso nello specchio e ho aggrottato le sopracciglia. I miei capelli non sono mai finiti come l'ho immaginato nella mia testa. Lewis fece un sorrisetto e alzò gli occhi dietro di me. 'Sai che posso vederti allo specchio, vero?' Ho preso in giro.

Sei bellissima. Come sempre ', rispose. 'Sei sicuro di non voler che ti lasci stanotte?'

Sospirai. Il club sociale in cui si teneva il concerto era a malapena due minuti a piedi. Potrei farlo nel sonno. 'No grazie, sto camminando bene. A che ora parti?'

Si strinse nelle spalle. 'Ogni volta che i tuoi fratelli pigri sono pronti. Sei sicuro? Possiamo darti un passaggio lungo la strada. '

Va bene, sul serio! Ora me ne vado, e se stai aspettando che Henry si prepari, ci vorrà un po '.

Di notte non dovresti camminare da solo, estate.

Ho sospirato di nuovo e ho sbattuto la spazzola sul comò, ma non migliorava comunque l'aspetto dei miei capelli. 'Lewis, vado in giro da solo per anni. Andavo da e per la scuola ogni giorno e lo farò di nuovo per la sesta forma. Questi- 'Ho schiaffeggiato le gambe per enfatizzare-' funziona perfettamente bene '.

me oriné el pañal

Lui fece un sorrisetto, i suoi occhi pervertiti mi scivolarono sulle gambe. 'Hmm, posso vederlo.'

Sorridendo, lo spinsi sul letto e mi sedetti in grembo. 'Puoi mettere via la tua maglietta iperprotettiva e baciarmi?' Lewis ridacchiò quando le sue labbra incontrarono le mie. Eravamo stati insieme per quattordici mesi ed ero completamente pazzo di lui.

Avevo iniziato a piacermi quando avevo undici anni e un giorno era tornato a casa con Henry dopo le prove di calcio. Essendo così giovane, ho pensato che fosse solo una sciocca cotta, come quella che avevo anche su Usher in quel momento, e non ci ho pensato. Ma quando quattro anni dopo mi regalò ancora farfalle, sapevo che era qualcosa di più.

La storia continua di seguito

Storie promosse

Ti piacerà anche