The Bimbo's Choker, A Bimbofication Story, Part 1

25.4K 40 5 Writer: modernromeo24 di modernromeo24
di modernromeo24 Segui Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia
Invia Invia ad un amico Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia

Nathan lasciò che il suo sguardo si spostasse verso l'orizzonte mentre la sua mente iniziava a vagare, permettendosi di rilassarsi sulla sua camminata verso casa dal lavoro. Ha iniziato a pensare al suo lavoro in studio legale e al modo in cui lo aveva sognato sin da bambino.


Nathan ha continuato questo percorso di pensieri, passando alla sua ragazza, Emily. Aveva sempre immaginato che sarebbe finito con, beh, un bimbo. Qualcuno che potesse competere con il suo appetito sessuale e concentrarsi sul piacere per una volta. Qualcuno lo succherebbe con le sue enormi labbra e sembrerebbe fantastico in un bikini con enormi protesi mammarie. Poteva sentirsi iniziare a diventare duro, rivisitando questa fantasia fin troppo familiare.

Un clacson fece tornare Nathan alla realtà, e gli venne improvvisamente in mente Emily e la loro scarsa vita sessuale. 'Immagino sia così che vanno le relazioni moderne,' sospirò Nathan.



Alzò la testa, rendendosi conto di essere andato troppo lontano per un paio di strade. 'Merda' imprecò Nathan sottovoce.

Mentre si voltava per correggere la rotta, un negozio scuro attirò la sua attenzione. Sembrava un altro banco dei pegni squallido, ma Nathan si sentì attratto da esso. Aveva intenzione di farsi un regalo per Emily.


Una piccola campana suonò mentre apriva la porta e Nathan vide una donna di mezza età dietro il bancone che leggeva una rivista. Aveva i capelli scuri e lunghe unghie finte, e indossava un top attillato che enfatizzava il seno e masticava un pezzo di gomma. Continuò a leggere la sua rivista, non interessata al ragazzo che era appena entrato.

La stanza era piena di scaffali e scaffali di merci indesiderate. I boa di piume incontrarono cellulari rotti e libri di seconda mano. Sul bancone c'era una teca di vetro che sembrava contenere dei gioielli.


E mentre Nathan si voltava per andarsene, vide i suoi occhi attratti da un girocollo di velluto nero che era quasi nascosto dietro una serie di bicchieri. Senza pensare, allungò la mano e lo raccolse. Era essenzialmente una sottile striscia di tessuto di velluto con una chiusura d'argento. Ma Nathan aveva una strana sensazione riguardo al girocollo. E non era sicuro di poter lasciare il negozio senza informarsi.

Nathan lo portò al bancone, chiedendo il prezzo.


La signora alzò gli occhi dalla sua rivista - tabloid, dall'aspetto di essa - e guardò il girocollo, distrattamente masticando la sua gomma. '$ 20', disse, abbassando già lo sguardo sulle pagine colorate.

abdullah shoaib poesía

Nathan tirò fuori il portafoglio e pagò.

Fu solo quando uscì dalla porta che si rese conto che in realtà non c'era una buona ragione per entrare lì per comprare qualcosa. Scuotendo la testa mentre camminava, pensò: 'Beh, almeno farà un buon regalo per Emily. Forse stasera ci riuscirò persino a fare sesso. Ha ripercorso i suoi passi, arrivando finalmente a casa poco prima delle 19:00.

Quando Nathan aprì la porta, chiamò: 'Ciao tesoro! Sono tornato!'


Udì Emily rispondere dalla zona giorno. 'Hey! Cosa ti ha fatto perdere così tanto tempo! Ho quasi dovuto cucinare da solo! '

Nathan scosse la testa mentre si toglieva le scarpe. Non sono davvero dell'umore giusto per cucinare. Andiamo e basta. ' Si diresse verso la camera familiare, sedendosi sul divano. Emily era seduta a terra, appoggiata a un cuscino a giocare a Xbox.

Nathan iniziò a togliersi le scarpe mentre Emily continuava il suo gioco. Guardò la sua fidanzata di lunga data, che indossava pantaloni della tuta e una canotta. Sembrava ancora estremamente attraente nei suoi abiti poco lusinghieri. Lei era 5 4 ', magra, con seno di coppa b. I suoi capelli castano scuro oscurarono i suoi occhi marrone scuro mentre si concentrava completamente sulla TV.

Disse Nathan, mettendo le scarpe accanto al divano. 'Com'è stata la tua giornata?'

Rispose Emily. 'Il lavoro è lavoro. Oggi sono tornato a casa alle 5, quindi non è poi così male. Voi?'

Storie promosse

Ti piacerà anche