Steven Universe Vore Stories Accettare richieste

STAI LEGGENDO


una vez sexo asami

Steven Universe Vore Stories Accettare richieste

fanfiction

Un assortimento di Vore Stories che coinvolgono SU e il suo ricco cast di personaggi. Tutta la digestione e il varo duro sono non fatali e sono aperto a fare il voro sia femminile che maschile. Prendo anche richieste, quindi dimmi cosa ti piacerebbe vedere nella storia

#ametista #erotico #granato #strato #perla #peridoto #quarzo rosa #Steven Universe #Would #voredigestion



Una perla affamata

1.8K 5 1 Writer: thiccwriter di thiccwriter
di thiccwriter Segui Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia
Invia Invia ad un amico Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia

Pearl si è comportato in modo strano oggi. Era come una giovane adolescente ubriaca dopo una notte di forti bevute. Camminando stranamente intorno alla casa sulla spiaggia di Crystal Gem, lanciandosi ai suoi compagni di squadra Crystal Gem. 'Oh, Garnet, sei così sexy oggi! Y-Fai qualcosa con i tuoi capelli? Pearl si lanciò contro l'alta gemma della fusione, sfoggiando il suo grande corpo, mentre Garnet rimase lì a dare il suo caratteristico aspetto monotono. 'Perla, devi calmarti. Cos'hai che non va?' chiese la gemma alta. 'Oh, i granati sono cattivi con me!' gridò Pearl, ovviamente giocando in giro e si girò sul divano per sdraiarsi.

'Che succede con Pearl?' chiese Steven che entrò in casa dopo un paio d'ore di appendere con Connie. 'Perle è stata una vera strana, è stata così tutto il pomeriggio, è come se la avessimo ubriacata o qualcosa del genere,' disse Ametista, accarezzando la testa dei ragazzi mentre entrava in casa. Granato quindi si avvicinò alle due gemme corte. 'Steven, ho bisogno che tu guardi Pearl, penso di sapere cosa sta succedendo con lei e me e Ametista dobbiamo cercare la soluzione.' Steven era un po 'confuso. Qualcosa non andava in Pearl? Era qualcosa con la sua gemma? Forse è stata una strana malattia che è successa solo a Pearls. 'Aspetta, cos'è Garnet?' Garnet quindi zittì il ragazzo mettendogli un dito sulle labbra. 'Non posso dirtelo con Pearl nella stanza, conchiglia fuori di testa, anche nello stato in cui è adesso.' Steven annuì. Stava solo guardando Pearl; quanto potrebbe essere difficile.

'Va bene, Ametista, vieni, abbiamo una missione da svolgere, Steven, credo che tu possa fare bene da solo, ti amo,' Garnet fece un cenno al ragazzo sul filo di ordito. 'Sì, buona fortuna Stevie, ne avrai bisogno,' rise Ametista mentre si allontanavano in un lampo di luce blu. Che cosa avrebbe dovuto significare, pensò il ragazzo. Lo scrollò di dosso rapidamente. Non sarebbe stato così difficile, Pearl era già sdraiata sul divano con gli occhi finti. Forse le serviva solo un pisolino. 'Ehi, Pearl, ti senti bene?' disse il ragazzo preoccupato.

Il viso che Pearl gli diede gli fece fremere lungo la schiena. Il suo sorriso sembrava intrigante, e i suoi occhi a forma di uovo scintillarono mentre fissava il contatto visivo, con un sopracciglio alzato. 'Oh, Steeevieeee ...' Pearl si sedette sul divano e allungò le braccia verso il ragazzo, quasi come se stesse aspettando un abbraccio. 'Vieni qui e siediti con la mamma ...' La sua voce era dolce ma simile a un gatto, gli faceva sentire come se fosse la sua mamma zuccherata, che non era troppo lontana dalla verità. Esitante, Steven si avvicinò alla donna gemma alta e agile, e si arrampicò sulle sue ginocchia, le mani che giocherellavano tra loro mentre arrossiva. 'Mmmm ...' Pearl gli avvolse le braccia agili e lo strinse forte, piantando il naso tra i suoi capelli neri e gonfi. All'improvviso, Steven sentì l'odore della parte superiore della sua testa. Pearl sentì un lungo odore di Steven, assorbendo il suo profumo da ragazzo. 'Oh Steven, hai un odore così dolce, quasi come rose', Pearl gli fece sobbalzare delicatamente la parte superiore della testa. 'Uh, grazie Pearl,' disse nervosamente il ragazzo.

Pearl girò la faccia di Stevens verso di lei con la mano sul mento. Il ragazzo le sorrise, guardandola profondamente negli occhi. Rimasero così fissandosi a vicenda per un bel po 'di tempo. Alla fine, Steven ruppe il silenzio per rivolgersi all'elefante nella stanza: 'Hey Pearl, perché ti sei comportato in modo così strano?' Pearl fece un largo sorriso al ragazzo e si avvicinò all'orecchio destro. Poteva sentire il suo respiro caldo su di esso, che formicolava il ragazzo. 'Uh P-Pearl ...' balbettò il gemma. 'Vuoi davvero conoscere piccola ...' sussurrò così teneramente. 'Beh ... è solo che ...'

All'improvviso, Pearl strinse forte il ragazzo e si leccò i denti con la sua lunga lingua bluastra. 'Ho fame!' Uh oh, pensò il ragazzo. Pearl non era mai stata così feroce. Ha bloccato il ragazzo sul divano, spingendolo forte ma non dannosamente nel cuscino. 'W-Wha, hai fame, ma Pearl, pensavo non avessi mangiato?' Proprio in quel momento, Steven ebbe una realizzazione, che lo fece arrossire con tensione. Aveva fame di LUI! Non lo mangiava da molto tempo e pensò che la sua fame stesse prendendo il sopravvento sulla sua logica. Aspettare! Quindi granato e ametista se ne andarono perché ...

'Ehi, aspetta che Garnet e Ametista se ne siano appena andati così puoi mangiarmi da solo?' Pearl si leccò le labbra fissando il ragazzo. 'Chi se ne frega dove sono andati! Ciò che conta ora è il mio pranzo! VOI!' Piantando un grande bacio veloce sulla guancia di Stevens, finalmente Pearl gli inchiodò le braccia ai fianchi e lo sollevò così facilmente. 'W-Wait Pearl!' in preda al panico il ragazzo, prima che potesse dire altro, Pearl si ficcò la testa in bocca. Iniziò a succhiarlo, tirandogli le spalle in bocca. La saliva bluastra copriva il piccolo gemma, aveva un odore dolce e caldo, ma Steven continuava a imbavagliarlo perché ce n'era tanto. Perla gemette al sapore di Stevens, ogni suo senso era al massimo. Chiuse gli occhi per divertirsi. Steven affondò più in profondità nella sua gola, solo la sua vita rimase al di fuori del corpo di Perle. Pearl non lo teneva più aggrappato, inclinò la testa per continuare a ingoiare il ragazzo. Steven stava cominciando a entrare nell'intestino di Pearls, era ancora un po 'teso, anche se prima era stato in quella stanza blu e squish.

Con un paio di potenti sorsi accanto all'alta gemma bianca, le gambe di Stevens furono bevute e inghiottite. Il suono che emise le fece sembrare che avesse semplicemente bevuto degli spaghetti. 'Oh mie stelle! Steven piccola, rendi così felice questa vecchia gemma! Pearl le accarezzò delicatamente la pancia ormai estesa. Era stretto in tenuta di perle. È stato un po 'scomodo. Pearl si lasciò cadere sul divano, sollevò la camicia e lasciò che il suo nuovo ventre di Steven si stendesse tra le sue gambe. La donna gemette mentre Steven cercava di situarsi nella sua nuova casa appiccicosa, piccoli grumi si riversavano sulla grande palla di carne. 'Ahhh mi sento meglio ora, grazie Steven. Immagino da quando non ho mangiato un essere umano da un po ', quindi sono diventato un po' strano. Steven si rilassò nel soffice stomaco blu delle perle, le sostanze calde coprivano la sua robusta cornice. 'Um, sei il benvenuto, Pearl, non vorrei che tu avessi fame, ma dovevi davvero mangiarmi?' Steven spinse un po 'il suo ventre stretto, facendo rompere Pearl.

'Urp! Certo che dovevo andare dolcezza, tu e Connie siete i miei pasti umani preferiti, ora rilassatevi e lasciami fare a modo mio. ' Steven mise il broncio nella pancia, ma gemiti forti iniziarono a formicolare le orecchie. 'Um Pearl, la tua pancia si sta facendo terribilmente calda e bagnata,' Pearl si strofinò la pancia brontolona. Non le piaceva davvero far passare il cibo attraverso il suo sistema, ma passare carne umana attraverso di lei era quasi paradisiaco. 'Bene, questo è quello che succede al dolcezza del cibo, dovresti sapere ormai, ci sei già stato prima di uno sciocco,' disse Pearl mentre faceva uscire un altro rutto, questa volta Steven l'ha resa piuttosto gassosa.

I fluidi digestivi iniziarono a inzupparlo, una fitta zuppa di blu-verde cominciò a cuocere il ragazzo e le pareti dello stomaco iniziarono a costringerlo. 'Perla, pance che iniziano a scaldarsi ... Perla ... PERLA ...' Steven cominciò ad affondare nel ventre di Perle. La gemma bianca sorrise contenta solo mentre si accarezzava, ascoltando il ragazzo sciogliersi nella sua pancia. Presto Pearl si addormentò, la voce borbottata di Stevens si mescolò ai gemiti e le chiazze della sua pancia furono come una ninna nanna per lei. La pancia di Perle, schiacciata, schiacciata e liquefatta forma di Stevens, il calore consumava i suoi sensi mentre la loro fusione aveva pieno effetto. Presto divenne nient'altro che poltiglia nell'intestino di Pearls, il suo grasso corporeo si disperde in tutto il corpo di Pearls, aggiungendo un po 'di grasso in più al seno e ai fianchi.

Dopo un paio d'ore, Garnet e Amethyst tornarono con la spesa. Garnet guardò Pearl, che esibiva un po 'di pancia in pancia e alcune tette e un sedere notevolmente più grandi. Nel mezzo del suo ventre c'era una gemma di quarzo rosa lucido. 'Beh, sembra che fossimo troppo tardi,' borbottò Garnet. Forse avremmo dovuto portarlo con noi, pensò l'alta gemma rossa. Pearl finalmente notò che i due entrarono e li salutò con la mano, 'ciao Garnet, Ametista, sei tornato.' Ametista si arrampicò sul divano con lei e iniziò a colpire il nuovo ventre squishy di Pearls, ridacchiando una tempesta. 'Siamo andati a prenderti un po 'di carne fresca in modo che le tue voglie si calmino', ha detto Garnet. '-Ma sembra che tu avessi già un po 'di carne, vero? Perlato?' rise Ametista mentre spingeva più a fondo nel ventre vibrante di Perle. 'Oooh Ametista, non mi colpire così tanto che potrei ... potrei ...' * BURP! * Con un bel ronzio dal suono di soda, Pearl fece a pezzi un panno rosso, una graziosa maglietta con una stella gialla al centro. 'Hahaha, ho delle lacrime su di lui dopo che ricresce, va bene Pearl,' ride Ametista, scivolando sulla maglietta, ancora inzuppata di acidi dello stomaco delle Perle. Pearl rise della stupidità dei suoi amici viola, 'Naturalmente Ametista, Steven è una gemma gustosa.'