Slave Girl of Gor

3.1K 5 0 Writer: aroles1020 di aroles1020
di aroles1020 Segui Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia
Invia Invia ad un amico Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia

Mi sdraio sull'erba calda. Potevo sentirlo, le calde e individuali lame verdi, separate, delicate, sulla mia guancia sinistra; Li sentivo sul mio corpo, sul mio stomaco e sulle cosce. Ho allungato il mio corpo, le dita dei piedi. Io ero assonnato. Non volevo svegliarmi. Il sole era caldo sulla mia schiena, anche caldo, quasi a disagio. Mi sono rannicchiato più in profondità nell'erba. La mia mano sinistra è stata estesa. Le mie dita toccarono lo sporco caldo tra i fili d'erba. I miei occhi erano chiusi. Ho resistito all'avvento della coscienza. Non volevo emergere dal letto. La coscienza sembrava venire lentamente, debolmente. Non volevo emergere dal letto. Volevo prolungare il calore, la piacevolezza. Ho mosso leggermente la testa. Il mio collo sembrava avere un peso; Sentii il lieve tintinnio, un leggero movimento, di pesanti maglie di metallo.



pañal por mi tia

Non l'ho capito.

Ho spostato di nuovo la testa, assonnato, gli occhi chiusi, nella sua posizione originale. Ancora una volta ho sentito il peso, circolare, pesante, sul mio collo; di nuovo udii il piccolo suono, l'agitazione, semplice e concreta, dei collegamenti heavy metal.



Ho aperto gli occhi, a metà strada, tenendoli quasi chiusi contro la luce. Ho visto l'erba, verde e vicina, ogni lama che sembrava larga, sfocata nella sua vicinanza. Le mie dita scavarono nella calda terra. Ho chiuso gli occhi. Ho iniziato a sudare. Devo uscire dal letto. Devo fare colazione, affrettarmi a lezione. Deve essere tardi. Devo sbrigarmi.

Ricordavo il tessuto che mi scivolava sulla bocca e sul naso, i fumi, la forza dell'uomo che mi aveva trattenuto. Mi ero dimenato, ma ero stato tenuto nella sua presa, indifeso. Ero terrorizzato. Avevo cercato di non respirare. Avevo lottato, ma inutilmente. Ero terrorizzato. Non sapevo che un uomo potesse essere così forte. Era paziente, senza fretta, in attesa che io respirassi. Ho provato a non respirare. Quindi, i polmoni ansimanti, indifesi, avevano finalmente inalato, profondamente, disperatamente, aspirando i fumi acuti e strangolanti nel mio corpo. In un istante, soffocando nei fumi orrendi e ostinati, incapace di espellerli, incapace di evitarli. Malato, avevo perso conoscenza.



Mi sdraio sull'erba calda. Potevo sentirlo sul mio corpo. Devo uscire dal letto. Devo fare colazione e affrettarmi a lezione. Sicuramente deve essere tardi. Devo sbrigarmi.

Ho aperto gli occhi, vedendo i fili d'erba a pochi centimetri dal mio viso, spalancati. Aprii delicatamente la bocca e sentii l'erba sfiorarmi le labbra. Mi misi in una lama e sentii il succo dell'erba sulla lingua.

Ho chiuso gli occhi. Devo svegliarmi. Mi sono ricordato della veste della forza dell'uomo, dei fumi.



niños percy jackson

Le mie dita scavarono in profondità nella terra. L'ho graffiato. Sentii lo sporco sotto le unghie. Sollevai la testa e rotolai urlando, risvegliato, aggrovigliato nella catena, nell'erba. Mi sono seduto in posizione verticale. In un attimo mi sono reso conto di essere nudo. Il mio collo indossava il suo peso attorno; la pesante catena, attaccata al colletto, cadde tra il mio seno e sopra la mia coscia sinistra.

No! No!' Ho pianto. 'No!'

Balzai in piedi urlando. Il peso delle catene dipendeva dal colletto, pesantemente, con grazia. Sentii il colletto tirato giù, contro la mia clavicola. La catena ora passava tra le mie gambe, dietro il polpaccio sinistro, poi si sollevava. L'ho tirato selvaggiamente. Ho provato a sollevare il colletto sopra la testa. L'ho girato, ho cercato di nuovo di sollevarlo, sopra la mia testa. Mi sono grattato la gola, ferendola. Il mio mento era forzato; Vidi il cielo luminoso, azzurro con le sue nuvole sorprendentemente bianche. Ma non potevo scivolare il colletto. Mi ha adattato da vicino. Solo il mio mignolo potevo spingere tra il suo peso e il mio collo. Gemetti. Non è stato possibile far scivolare il colletto. Non era stato fatto scivolare. Irrazionalmente, follemente, nella mia coscienza nient'altro che la mia paura e la catena, mi voltai per fuggire, e caddi, ferendo le gambe, aggrovigliato nella catena. Io, in ginocchio, afferrai la catena, la tirai, piangendo. Ho cercato di indietreggiare, in ginocchio; la mia testa è stata spinta crudelmente in avanti. Ho tenuto la catena. Era lungo circa tre metri. Si estendeva a un anello pesante e una piastra fissata in una grande roccia di granito, irregolare, ma circa dodici piedi in larghezza e profondità, circa dieci piedi in altezza. La placca, con il suo anello, era attaccata vicino al centro della roccia, bassa, a circa un piede sopra l'erba. Apparentemente la roccia era stata perforata e la piastra fissata con quattro bulloni lineari. Potrebbero aver attraversato l'intera larghezza della roccia ed essere stati aggrappati dall'altra parte. Non sapevo. In ginocchio tirai la catena. Ho pianto. Ho gridato. Ho tirato di nuovo la catena. Mi sono fatto male alle mani; non si muoveva di un quarto di pollice. Sono stato fissato alla roccia.

Storie promosse

Ti piacerà anche