Si arricciò il naso e ...

1.4K 2 0 Writer: bigwords da bigwords
di macroparole Segui Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia
Invia Invia ad un amico Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia

Okay, abbiamo ancora quattro gettoni tra di noi, cosa vuoi fare? Chiesi, l'ultima frase che si squittiva mentre correvo veloce le mie parole. Dio, rallenta, mantieni la calma.



Non mi dispiace ', rispose, basta che non siano di nuovo le autoscontri

Oh beh, allora dovrà essere la casa dei fantasmi, sorrisi, a meno che tu non voglia andare due volte sullo skelter



Si arricciò il naso al pensiero delle altezze e poi mi esaminò con sospetto prima di prendere una decisione, okay.

Lasciò cadere i suoi due gettoni in mano e tirò giù la maglietta ai bordi. Camminammo lentamente verso la strega sbucciata dalla vernice, ridendo della vecchia che stava raccontando la fortuna. Quando arrivammo alla vecchia baracca di legno, abbiamo consegnato i gettoni rimanenti a un uomo con la barba lunga che indossava la camicia rossa dei parchi. Certo, puoi sempre stringermi la mano se ti spaventi, le sussurro nell'orecchio, i suoi capelli dorati mi solleticano la pelle.


Ridacchiò e si appoggiò all'indietro per lasciare che l'uomo abbassasse la barra di fronte a noi, improbabile. Probabilmente finirò per avere la tua faccia sepolta nel mio braccio. Mi sorrise mentre mi diede una pacca sul braccio, ma non preoccuparti. Sarò qui per consolarti

Ho riso e il carrello ha iniziato a muoversi, ho guardato in basso prima che la luce svanisse; la sua mano destra era a soli 6 cm di distanza dalla mia e riposava leggermente sul suo ginocchio, sentii l'impulso improvviso di toccarla, di sentire la sua pelle morbida contro la mia. Ho stretto le mani e le ho tenute in grembo, cosa stavi pensando? non puoi semplicemente afferrarle la mano senza motivo. Sospirai e ascoltai lo scricchiolio delle ruote dei carrelli. Una luce verde si illuminò mentre le particelle di polvere danzavano sopra di noi, all'improvviso qualcosa cadde in avanti e cercò di nascondere un sussulto che era fuggito accanto a me. Ma quasi altrettanto rapidamente della luce era di nuovo nero come la pece e il carrello dei vagabondi si fece lentamente strada lungo i binari.

Strinsi più forte le dita mentre cominciavano a sentirsi irrequiete, volevo così tanto solo sentire la sua pelle contro la mia. Dovevo smettere di pensare. Ho lasciato le dita; permettendo loro di allungarsi mentre le luci ci illuminavano. Un attimo dopo ho sentito un colpo contro il mio braccio, Ehi ha sussurrato, sei ancora lì? gho abbastanza motivo per me. Mi morsi le labbra incapace di impedire l'emergere di un sorriso.



pobre ana english

Ho trovato la sua mano e le ho dato una stretta, sì, io- ho iniziato, ma sono stato interrotto da una fredda raffica di vento che ci ha attaccato da entrambe le parti mentre un altro ghoul si è lanciato di fronte a noi. Mi afferrò il braccio mentre una luce bianca lampeggiava alcune volte e poi si spense di nuovo.

Mentre i nostri occhi si regolavano, sentii allentarmi la presa sul braccio mentre il suo pollice iniziava a disegnare nervosamente piccoli cerchi sulla mia pelle. Il formicolio mi è volato via mentre un altro gruppo di luci brillava rabbiosamente ma, preoccupato, ero concentrato sulla mia mano, ha iniziato a muoversi. Lo sollevai e lo misi di nuovo sul suo; calmando il suo pollice in movimento. Prendendola per mano tra le mie, la alzai sulle labbra; baciandole delicatamente le nocche.

Alzò gli occhi, la sorpresa nei suoi occhi si scioglieva in qualcosa di tenero. per favore non schiaffeggiarmi, per favore non schiaffeggiarmi. Cautamente mi accarezzò la guancia.

Quindi, senza preavviso, mi ha girato la testa e l'ha avvicinata alla sua. Si sporse in avanti, le sue labbra quasi toccarono le mie. Inclinai la testa e mi chiesi se colmare il divario, ma non lo congelai nella paura di rovinare il momento. Dai, sciocco, fai qualcosa. Mi guardò, i suoi occhi chiazzati brillarono mentre un'altra luce tintinnava sopra di noi. La sua lingua sgattaiolò fuori e si bagnò le labbra.

Nervosamente, le tirai indietro i capelli e me lo ficcai dietro l'orecchio; il mio polso si è accelerato, questo è. Ho iniziato a colmare il divario ma ho fatto una pausa appena prima che potessero incontrarsi, ahh wim-, come ho sentito le sue dita sulle mie labbra. Espirai desiderando di vedere il nostro respiro mescolarsi nell'aria oscura. L'altra mano mi stava ancora toccando la pelle, le dita appena sotto la mascella. toccò le nostre fronti insieme prima di sospirare e allontanarsi.

Il carrello si era fermato, ma eravamo ancora al buio. Deve aver smesso di funzionare, disse, evitando il mio sguardo. Rimasi seduto, guardando dritto davanti a me, il mio cervello stava ancora cercando di capire cosa fosse appena successo, non credo che fosse lontano, potremmo anche camminare fino alla fine della pista.

Sono uscito dal carrello e mi sono trascinato dietro di lei, seguendo la luce dello schermo del suo telefono per guidarmi. Ehi siamo andati così lontano dalla fine che ha chiamato. La sua luce si spense e un attimo dopo sentii, Aha! leggero! Ho seguito rapidamente, cercando di recuperare.

Mentre uscivo dal tunnel, la trovai a parlare con l'uomo con la camicia rossa da prima. Devo ripararlo allora, l'ho sentito dire mentre camminavo verso di loro, mi guardò e annuì, mi dispiace per la tua ragazza e tu hai dovuto aspettare, chiamerò qualcuno nella ragazza immediatamente. la mia mente ha salvato la parola e ho sospirato sapendo che i suoi echi si ripetono per il resto della serata - ha iniziato a negarlo. Oh um non stavano insieme, rispose lei, il dito che puntava su di me e io. Dai, dissi, tirandole il gomito.

L'uomo scrollò le spalle e lei mi salutò mentre iniziava a camminare oltre a me, chiacchierando pigramente per riempire l'imbarazzo. Ma presto le sue parole caddero in aria e volarono via, lasciando solo il suono vuoto delle nostre scarpe per terra e il tramonto davanti. La mia mente girava, desiderando ardentemente le parole giuste per iniziare a tuffarmi dalla mia bocca. Alla fine mi sono girato verso di lei:

Che cos 'era questo. Là dietro. Ho chiesto, cercando di raddrizzare il tremore che stava minacciando il limite delle mie parole.

juegos de corazón morado

Lei pronunciò il mio nome, la sua voce era costantemente intrisa di toni tenui; un quasi supplichevole attraversò, 'Per favore. Dont '.