Racconti erotici +18

STAI LEGGENDO



Racconti erotici +18

Casuale

Qui ci saranno storie di ogni genere, alcune saranno mie e altre tratte da Internet. +18, non mi prendo in carico se sei minorenne, lo leggi a tuo rischio e pericolo. Linguaggio esplicito Tutti i diritti sui rispettivi proprietari.

#amore #bisessuale #erotico #immaginario #gay #dritto #relazioni #relatoseroticos #sessualità



Non acconsentito

35.7K 159 7 Writer: magicco di magicco
di magicco Segui Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia
Invia Invia ad un amico Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia

Era un lunedì mattina, quando mi svegliai erano già le 9:00, mia zia era andata a fare la spesa e suo marito al lavoro.

Ero in vacanza, ma mia zia mi ha fatto svegliare presto per pulire la casa. Anche mezzo addormentato scesi in cucina e preparai un cereale per colazione.


barras y melodías nombres de snapchat

Mentre facevo colazione, camminavo per la mia solita casa quando camminavo come un cereale, aprii la porta scorrevole del patio e uscii per contemplare il giorno.

Verso una giornata di sole con qualche nuvola, l'erba era piacevole sotto i miei piedi nudi, anche il calore del sole era piacevole per me e il vento mi spostava leggermente i capelli.

Improvvisamente ho sentito che qualcuno mi stava guardando, mi sono girato alla mia sinistra ed era uno dei miei vicini.



Questo vicino di casa è nuovo nel quartiere, aveva due settimane da vivere nella casa accanto, era un ragazzo alto, almeno 45 anni, caratteristiche afroamericane, occhi neri, niente capelli e braccia un po 'piene, un po' marcate con bella.

Mi ha guardato attentamente ed è stato qualcosa che mi ha disturbato. Lo guardai per un momento e lo salutai involontariamente, lui ricambiò il saluto con un sorriso e vidi che i suoi denti erano gialli.

-Ciao ragazza, buongiorno, come ti sei svegliato oggi-mi disse mentre si avvicinava al recinto che divideva i nostri cortili.

-amm ciao, buongiorno ... grazie ... hehehe -he ha restituito il saluto più finto al mondo. -E 'stato un ragazzo che non mi è piaciuto per niente, non sapevo perché, c'era qualcosa che non mi piaceva.

-Vedo che ti svegli-mi disse mentre mi guardava su e giù -Mi piace il tuo pigiama da ragazza, guardi alcune belle gambe -quando l'ho sentito, mi sono reso conto che ero uscito nel patio solo in una grande e vecchia canotta.

Lasciai cadere la ciotola di cereali sull'erba e andai immediatamente nella casa rossa della vergogna. Sono andato in camera mia e mi sono sdraiato per un po '. Una volta che la vergogna è passata, mi sono tolta la camicia da notte, lasciando solo in collant.

Mi sono messo di fronte allo specchio e ho iniziato a guardarmi, ero completamente spettinato dopo essermi alzato.

Dato che i miei capelli sono lunghi e castani, mi piace indossarli sciolti. Continuai a guardarmi e notai che i miei capezzoli cominciavano a diventare duri perché faceva un po 'freddo nella mia stanza.

Jack Gilinsky imagina lindo

Alla fine ho indossato una camicetta nera senza maniche, sotto un reggiseno rosa, pantaloncini di jeans corti e scarpe da ginnastica nere.

Adoro indossare i pantaloncini poiché mi consente di sfoggiare le gambe. Dopo tutto, ho dovuto pulire la casa e volevo sentirmi a mio agio.

códigos de ropa de la escuela secundaria roblox

Quando scesi le scale sentii bussare alla porta, pensai che fosse mia zia che stava tornando dallo shopping e aveva bisogno di aiuto, quindi aprii la porta senza chiedere chi fosse.

Tuttavia, non era mia zia a giocare se non il mio vicino di prima. Rimasi sulla porta senza dire nulla finché non parlò.

-Ciao vicino, tua zia è a casa? -Mi chiedevo mentre mi guardavo come prima.

-No, mi dispiace, è andato a fare shopping - ho risposto quasi all'istante.

- Mi lasci andare, vado a prendere del latte.

-Certo che non può succedere -Ho risposto quasi ridendo del modo arrogante in cui lo diceva -se vuoi che il latte vada al mercato vicino.

'Vicino, non fare così, fammi entrare', disse entrando in casa mia.

'Vicino ... non puoi venire a casa mia in quel modo, per favore, esci o dovrò parlare con la polizia.' La mia voce era alta e spaventata.

Storie promosse

Ti piacerà anche