Storie di piantagioni

STAI LEGGENDO

haïkus sur les amis

Storie di piantagioni

Fiction storica

Una serie di storie interrazziali sulla piantagione di Antebellum.

haïkus sur les amis
Lecteur Hetalia X Yandere

#Antebellum #blackfemale #inseminazione #interrazziale #amore #piantagione #gravidanza #romanticismo #schiavo #schiavitù #whitemale

Lecteur Hetalia X Yandere
fait un bruit retentissant

Storia di John Childs

941 2 0 Writer: Jokeman99 di Jokeman99
    di Jokeman99 Segui Condividi
    • Condividi via e-mail
    • Segnala la storia
    Invia Invia ad un amico Condividi
    • Condividi via e-mail
    • Segnala la storia

    John Childs ricordò la prima volta che incontrò il signor Harken. Era l'inizio della primavera del 1819 e lavorava come mano per il sorvegliante. John non pensava a lui e gli prestava poca attenzione. Per John era solo un'altra mano assunta. Sebbene fosse una mano bianca assunta, era ancora trattato come tale. John non sapeva della dura disciplina di cui godeva quando il signor Franks se ne andò. Quando il signor Franks fu trasferito nella piantagione di cotone, il signor Harken subentrò come sorvegliante.

    John ora stava cavalcando sul retro di una carrozza con suo padre e il signor Harken. La Glenwood Plantation non stava andando così bene nelle ultime tre stagioni ed era pronta a vendere alcuni immobili. John ora aveva diciotto anni e suo padre voleva che partecipasse all'attività della famiglia. Il viaggio è durato quasi due ore. Doveva ascoltare i resoconti di Mr. Harkens sugli attacchi di Cherokee e su come gli schiavi dovevano essere trattati. John fece del suo meglio per ignorarlo poiché sembrava essere uno di quelli che trovavano colpa in tutto.

    Quando finalmente la carrozza si fermò, Colby aprì la porta mormorando su come sembrava che il posto fosse gestito da un gruppo di animali selvatici. John sapeva che suo padre ascoltava Colby, mentre crescevano insieme. Colby era il miglior schiavo di suo padre. Nessuno dubitava davvero di come il padre di John lo trattasse come un amico piuttosto che come uno schiavo comune. Anche Colby non ha mai fatto errori e si sarebbe assicurato che gli altri schiavi fossero in fila. Sebbene Colby non abbia mai frustato nessuno, la sua parola era potente quanto la frustata dei Soprintendenti. Nessuno osava mettere in discussione la sua lealtà, poiché la sua posizione spesso irritava il signor Harken a non finire.

    I proprietari della piantagione salutarono tutti, accettarono Colby che rimase con la carrozza. John camminò con suo padre per i motivi e osservò come la piantagione era caduta in rovina. La grande casa aveva bisogno di una mano di vernice e le assi della veranda erano tutte allentate. John si diresse verso i campi, mentre suo padre parlava con il proprietario sulla veranda fatiscente.

    La facile passeggiata tra le colture primaverili è stata piacevole. Notò come anche i campi di cotone sembravano essere trascurati. C'erano alcuni schiavi in ​​giro, ma quel giorno non si stava facendo un vero lavoro. Quando arrivò a una radura vide una schiava solitaria. Stava camminando attraverso un piccolo campo di fiori selvatici. Ogni pochi passi si chinava per raccoglierne un po '. Camminò verso John con in mano un assortimento misto di fiori di campo colorati. Sembrava avere circa la sua età e non aveva i vestiti degli schiavi sul campo. Era una ragazza minuta, che a malapena si schiariva un metro e mezzo. Non doveva essere stata una mano di campo, il viso e le mani non mostravano segni di ciò, notò John.

    Quando era a pochi passi da John, riuscì a distinguere la tristezza nei suoi lineamenti. Era piuttosto attraente e l'odore dei fiori che teneva non faceva che aumentare il suo fascino. John pensava di avere una bellezza su se stessa anche se camminava come se fosse morta al mondo. Il suo viso sembrava troppo giovane per essere così doloroso. Riuscì a sollevare la testa quando gli passò accanto. Con un lieve cenno verso l'alto, fece il più piccolo dei sorrisi prima che il suo sguardo cupo tornasse.

    John finì la sua passeggiata, ma non riuscì a pensare a nient'altro che al sorriso luminoso che gli mostrò. Quando tornò nella grande casa vide suo padre e il signor Harken che ispezionavano un gruppo di schiavi. Erano tutti in fila mentre venivano colpiti e picchiati. Suo padre e il signor Harken scesero la fila di schiavi e chiamarono i prezzi. John sapeva che questa era l'offerta di suo padre per comprarli. Nessuna delle offerte era neppure del prezzo di mercato. John immaginava che suo padre stava per viziare il proprietario e probabilmente rivendere gli schiavi di cui non aveva bisogno. John voleva ridere quando arrivarono le offerte e furono accettate dal proprietario.

    John si avvicinò e sussurrò a suo padre. 'Ce n'era un altro nei campi che sembrava anche buono. Potrebbe essere un bene per la casa.

    John sentì quindi suo padre menzionare il proprietario dello schiavo che vedeva così depresso nel campo. Il proprietario ha sorpreso John rifiutando l'offerta del padre. Suo padre era una piantatrice di successo per un motivo. Sapeva come gestire le situazioni e rendere possibili le migliori offerte. Era un negoziatore accorto e lo aveva dimostrato a John in molte occasioni, e oggi era uno di loro. Il padre di Johns si offrì quindi di non comprare nulla e aspettare che la banca tenesse l'asta, dicendo che i prezzi dell'asta sarebbero stati molto più economici. Il proprietario cedette e annuì, accettando il prezzo basso.

    John, il signor Harken e suo padre lasciarono la piantagione con più schiavi di quanto avessero anticipato di acquistare. Colby fu lasciato per riportare gli schiavi con il cavallo di scorta. A Colby fu spesso permesso di vagare liberamente all'interno della contea poiché tutti sembravano conoscere le sue libertà. Ora era responsabile dei nuovi schiavi e si assicurava che tornassero alla piantagione.

    Il signor Harken era ora l'autista del pullman. Il padre di John stava sorridendo alla nuova scorta di schiavi che aveva appena preso a un prezzo. Suo padre poi disse a John come gli altri piantatori non avrebbero acquistato da lui a causa delle voci sul focolaio di vaiolo nella sua piantagione. Sembrava che suo padre stesse spiegando di più sulle spese delle piantagioni come se un giorno sarebbe stato responsabile. John si sedette semplicemente e lasciò che suo padre parlasse di ciò che aveva pianificato di fare con i nuovi schiavi, era solo felice di non aver sentito le storie orribili del signor Harken.

    Il giorno seguente John si svegliò al suono degli schiavi delle piantagioni che si radunavano per vedere Colby tornare indietro con la dozzina di nuovi schiavi. John si vestì e andò a guardare mentre il signor Harken e Colby assegnavano lavori e alloggi. Poi la vide, la ragazza che vide nei campi. Aveva ancora uno sguardo cupo su di lei. Seguì senza parole Colby mentre le mostrava la cabina in cui ora avrebbe vissuto.

    John era felice che le fossero state consegnate le cabine degli artigiani e degli schiavi domestici. Gli altri schiavi furono portati nelle cabine degli schiavi sul campo più lontano dalla casa principale. Dato che era solo lei, non doveva condividere la cabina con nessuno. John non aveva idea di quando avrebbe condiviso la cabina o se l'avrebbe mai condivisa. Sapeva che suo padre era severo nei confronti degli schiavi che spostavano cabine o dormivano in un posto dove non dovevano.

    Nel momento in cui entrò nella sua nuova cabina, John desiderava così tanto presentarsi. La sua indole cupa lo infastidiva più di quanto non gli permettesse. Per lui era un peccato che una ragazza così carina fosse così triste. Potrebbe essere l'idea di un nuovo posto e l'ignoto le ha rubato il sorriso. John aveva deciso, si sarebbe presentato. Prima che potesse parlare con lei, fu chiamato per incontrare il suo tutor.

    John si risentì per il fatto che suo padre insisteva sul fatto che i tutor venissero nella piantagione solo per lui. John voleva frequentare il college, ma suo padre lo voleva ancora nella piantagione. L'unica ragione per cui riuscì a capire era che suo padre sarebbe rimasto senza famiglia. Sua madre ha rifiutato di vivere nella piantagione fino alla fine della stagione del raccolto. Rise sempre della sua incapacità di gestire il calore e l'umidità. John ha spesso cercato di rimanere più avanti nella stagione, ben dopo che entrambi i suoi genitori sono andati a casa d'estate.

    ***

    La giornata sembrava trascinarsi. Prima che John se ne rendesse conto, il sole era tramontato e non aveva ancora incontrato il nuovo schiavo. Era deluso; non sapeva nemmeno il suo nome. Quando John finì le sue faccende, fu finalmente in grado di scappare e scendere nelle cabine degli schiavi. Tenendo solo una lanterna, si diresse verso la fila di cabine. Erano vicini alla casa e mantenuti in ottime condizioni. Sebbene agli schiavi non fosse permesso di vagare per la piantagione in un determinato momento, ad alcuni era permesso se il loro lavoro lo permettesse. Colby andava spesso in giro per assicurarsi che non ci fossero problemi. Gli schiavi preferiscono parlare con lui rispetto al signor Harken.

    Quando la sua cabina fu visibile, vide anche il signor Harken che si dirigeva lì. Il cuore di John cadde. Riuscì a scorgere un sorriso sinistro di Harkens nella luce fioca della sua lanterna. John sapeva esattamente per cosa ci sarebbe andato. Ha accelerato il ritmo per arrivarci proprio prima di lui.

    Quando John raggiunse la sua porta di legno intagliata, fece la sua richiesta al signor Harken. 'Non mi aspettavo di vederti da queste parti a quell'ora.'

    Sputare qualcosa prima di pensare. 'Sto solo controllando i nuovi negri. Il tuo Pa sa che sei qui fuori?

    'Più o meno lo stesso che sa che sei qui fuori.' John rispose con un tono forte. Non aveva mai parlato prima con il signor Harken. Sapeva solo che il signor Harken avrebbe fatto qualcosa di sbagliato al nuovo schiavo.

    John girò la testa, terminando la conversazione prima che il signor Harken potesse rispondere, e aprì la porta della cabina. Mentre John entrava, vide il nuovo schiavo in piedi sulla soglia come se sapesse che sarebbe entrato. Mentre entrava per chiudere la porta, lei andò verso il lettino nell'angolo e si sedette. Lo sguardo sul suo viso era quello di paura, panico e solenni dimissioni.

    John distolse la sua attenzione da lei per scrutare fuori dalla piccola finestra. Sorrise a se stesso, il suo piccolo stratagemma funzionò e il signor Harken si ritirò al suo posto. Quando la luce fioca del sorvegliante svanì in lontananza, capì che aveva vinto una piccola vittoria.

    John si voltò quando sentì parlare una voce sommessa e sommessa. 'Mi avrai?'

    A John non piaceva la paura nei suoi occhi mentre lo guardava: 'Sono qui solo per non toccarti.' Ha detto di alleviare le sue paure.

    'Sto solo immaginando che tu arrivi qui prima di lui, o che tu ti alterni con me.'

    'Nessuno si alternerà con te. Sono venuto qui per esserne sicuro.

    'Quindi mi venderai per qualcun altro?' Disse con un sospiro.

    John le si avvicinò con le mani in un gesto calmante. 'Mio padre non ti venderà e il signor Harken non ti avrà.'

    Si alzò in fretta mentre qualcosa di simile alla paura le lampeggiava sul viso. 'Sei il figlio di Massas. Non lo sapevo. Pensavo fossi solo un altro sorvegliante. Ho visto il modo in cui mi guardavi e mi volevi con gli altri. Solo pensando che mi volevi come tuo.

    John ricambiò il sorriso quando sapeva di essere stato catturato. La stava fissando ieri abbastanza ovviamente. 'Mi chiamo John Childs.' Disse tendendo la mano: 'Mi dispiace di averti fissato così. Mi chiedevo solo perché fossi così triste.

    Abbassò lo sguardo sulla sua mano, diffidente nei confronti del gesto formale. Lei lo guardò e mise la sua piccola mano nella sua, 'Mr. Laurens mi ha chiamato Jasmine ', ha detto,' la mia Pa mi ha chiamato Michael perché voleva un ragazzo. Cambialo in Michaela quando nascerò. A Massa non piaceva, così mi chiamò Jasmine come i fiori nei campi.

    John estrasse la sedia dall'unico tavolo della stanza per sedersi di fronte a lei. 'Posso chiamarti Michaela se vuoi?'

    Jasmine rise mentre si sedeva di fronte a lui sul letto. 'Sii un po' tardivo per questo visto che tutti mi conoscono come Jasmine. Non importa, il signor Laurens non pensa che mi dia un nome da ragazza bianca. Suppongo che ne abbia uno su di lui.

    John sorrise a Jasmine mentre il suo corpo sembrava rilassarsi dal parlare. 'Posso chiederti perché eri così triste?'

    Gli occhi di gelsomino si spalancarono mentre si apriva. 'Pa è stata venduta quando il signor Laurens ha ricevuto la notifica bancaria. Si sbarazza di tutte le vecchie mani di campo. Spero di sapere dove è andato.

    John si alzò e si sedette accanto a lei, mettendole il braccio intorno per confortarla. 'Chiederò a Colby se può scoprire dove è stato venduto. Conosce tutte le piantagioni della contea. Scommetto che può trovare il tuo Pa. '

    Jasmine sollevò lo sguardo mentre sorrideva brevemente. 'Lo faresti per me?'

    John si alzò per andarsene. Mentre se ne andava, le disse. 'Domani farò la prima cosa.' John si alzò per andarsene, 'Non dirlo a nessuno. Non portarlo nemmeno a Colby. Se scoprisse che è per te, penserà che otterrai idee sulla corsa. '

    Jasmine annuì con la testa d'accordo. John e Jasmine si scambiarono un sorriso mentre usciva dalla cabina. John tornò tranquillamente a casa cercando di non svegliare suo padre o nessuno degli altri schiavi. Quando raggiunse la sua stanza, guardò fuori dalla finestra per un po 'per vedere se poteva sorvegliare la sua cabina. Anche se non riusciva a vedere nulla, l'idea di proteggerla lo faceva sentire in pace.

    ***

    John si svegliò al suono di una piantagione di lavoro. Anche se dormire era malvisto, John scoprì che poteva cavarsela di tanto in tanto. Era felice che suo padre fosse abbastanza occupato da non rendersene conto e che la maggior parte degli schiavi della casa non glielo notavano.

    La prima cosa che fece John fu saltar fuori dalla finestra e sbirciare fuori dalla cabina di Jasmines. Si disse che doveva controllare se era disturbato, ma sperava di poterla intravedere. Quando la vide con un lavandino che puliva i vestiti fece un sospiro di conforto sapendo che non correva. Neanche il signor Harken era nei paraggi, quindi lo prese come un buon segno e iniziò la giornata.

    Quando John scese di sotto, gli fu detto che suo padre, e Colby se n'erano andati per andare al Mercato con alcuni dei nuovi schiavi. Suo padre li stava abbandonando all'asta per essere venduti questa settimana. Il pensiero del signor Harken lasciato solo con Jasmine ... lo lasciò a disagio. Aveva il sospetto che Harken volesse metterla a letto, e inevitabilmente ci proverà di nuovo.

    Con il leggero carico di lavoro dato a John, fu in grado di passeggiare per la piantagione con ben poco da fare. La maggior parte degli schiavi qualificati non aveva bisogno di supervisione diretta. Non sarebbe raro vederli camminare per curare il proprio giardino o rilassarsi in una giornata calda. Il sorvegliante stava normalmente sorvegliando gli schiavi sul campo e il lavoro principale della piantagione. John sospettava che fosse stato nei campi quando non lo aveva visto in giro.

    John ha salutato quelli che ha passato tra cui Jasmine, non voleva suscitare alcun discorso salutandola. Anche se non fece nulla di speciale, Jasmine sorrise per il sollievo di essere vicino a lei. John sentì un senso di colpa. Era la ragione per cui era qui, vivendo con la paura di Harken ad ogni angolo. Deve tirarla su di morale. John ha subito capito come.

    C'era una macchia di fiori selvatici non troppo lontana che John sapeva. Corse lì il più rapidamente possibile ma abbastanza lentamente da non suscitare curiosità per nessuno. Prese rapidamente i migliori che riuscì a trovare nel minor tempo possibile, mettendoli nella sua camicia mentre tornava alla casa principale con la mente di trovare un vaso. Quando furono nel vaso, li lasciò nella sua stanza prima di tornare ai campi. John sapeva che doveva ancora lavorare prima dell'arrivo del suo tutor.

    Una volta che John terminò gli studi e incontrò il padre di ritorno, la cena fu pronta. La serata è stata spesa ascoltando come suo padre guadagnava dai nuovi acquisti. John sentì come avrebbero potuto essere usati gli schiavi che vendeva, ma i soldi pronti sarebbero stati necessari per altri tentativi. Voleva davvero essere interessato, ma i suoi pensieri stavano con Jasmine.

    John attese che suo padre fosse nello studio a leggere prima di uscire furtivamente dalla porta sul retro. Il vecchio Millie era lì per chiudergli la porta. Era come se sapesse cosa stava facendo. John ha sempre avuto un buon rapporto con lei. Si fidava del vecchio Millie e sapeva che avrebbe dovuto mentire per lui, se necessario. Quando vide il vaso pieno di fiori nella sua mano, i suoi occhi si illuminarono con uno sguardo consapevole. Credeva che avrebbe letto una ragazza?

    Le diede una rapida spiegazione prima di uscire ancora più rapidamente. 'Non è quello che pensi. Solo far sentire meglio qualcuno è tutto.

    Il vecchio Millie sorrise mentre John usciva di casa. 'Non lasciare che Pa lo scopra. Signore, il paradiso sa cosa accadrà. '

    John ridacchiò tra sé mentre lo diceva. Sapeva che lei conosceva più pettegolezzi di chiunque altro nella piantagione e tuttavia non ha mai raccontato ai suoi segreti un'anima. John fu veloce sul suo ritmo e si diresse verso la cabina di Jasmines più velocemente della sera prima. Mentre si avvicinava, poteva vederla aspettare vicino alla finestra senza nessun altro dentro. John sospirò visibilmente di sollievo.

    Jasmine aprì rapidamente la porta per far entrare John. Una volta dentro, la spostò delicatamente da parte per posizionare la sua lanterna spenta sulla soglia. Se il signor Harken fosse passato, avrebbe saputo chi c'era dentro. Chiuse la porta e sorrise a Jasmine. Si chiese come capannone accettasse il suo dono. Lei sorriderebbe? Le sue labbra marroni si ritiravano in un sorriso e il bagliore nei suoi occhi illuminava il suo piccolo viso a forma di cuore. Jasmine lo guardò come se stesse aspettando che parlasse. Quindi si rese conto che stava fissando di nuovo. Si staccò rapidamente dal suo cappotto e le offrì un vaso di vetro riempito con un assortimento di fiori dal campo.

    'Ho pensato che potrebbero piacerti questi, e forse aiutare a tirarti su il morale.' Disse John, mentre aspettava con cautela la sua reazione.

    Il sorriso dei gelsomini era più luminoso di quanto sperasse, illuminando la stanza triste con gioia. 'Grazie mille signor John. Sono belli '. John ricambiò il suo sorriso, mentre il suo cuore si sentiva in pace.

    'Non so come posso ringraziarti,' iniziò Jasmine, poi il suo sorriso cominciò a svanire, 'meno ti viene in mente.'

    'No, no, sono appena passato per assicurarmi che non fosse qui,' John si affrettò a spiegare, odiando vedere il ritorno della sua oscurità, 'e per farti sentire un po 'meglio con te stesso.'

    Il sorriso dei gelsomini tornò, più morbido in qualche modo e più sincero. Lo sguardo di John indugiò più a lungo del previsto, quindi annuì semplicemente e si voltò verso la porta.

    'Immagino che stasera non sarà in giro qui. Rimarrai un incantesimo? Jasmine disse che si voltò mentre posava il vaso di fiori sul vecchio tavolo malconcia, fermandosi per annusare la dolcezza dei fiori.

    John si chiese perché avrebbe chiesto di sapere che stava per andarsene e che non era ferita da nessuno. 'Sig. Harken non ti disturberà stasera, sono abbastanza sicuro che abbia visto la lanterna fuori dalla porta. Le disse rassicurandola.

    'Quando te ne vai, pensa che stia pensando che è il suo turno.' Prima di sollevare il suo sguardo spaventoso sul suo, disse: 'Anche pensando che non ci ascolta, e potrebbe chiedersi se lo stiamo davvero facendo'.

    John non voleva credere che avesse ragione, ma sapeva che poteva essere vero. John di nuovo per la seconda notte ha cercato di alleviare le sue paure. 'Lascerò la mia lanterna fuori come avvertimento. Prendilo e nascondilo al mattino. '

    Jasmine lanciò un'occhiata come se la sua vita fosse in bilico. Senza dire una parola, annuì con la testa a John accettando il piano. John sgattaiolò fuori nel cuore della notte e tornò alla casa principale. La sua ultima preoccupazione ora era la notte e trovare la sua strada senza alcuna fonte di luce.

    Nella casa principale John trovò la porta laterale lasciata aperta per lui. L'unico che l'avrebbe fatto era il vecchio Millie. John sapeva che avrebbe dovuto ringraziarla la mattina. John si insinuò nella sua stanza facendo il minimo rumore possibile. Alla fine fece un respiro profondo quando chiuse la porta alle sue spalle felice di essersi allontanato con qualcosa. Il cuore di John batteva così tanto che riusciva a malapena a dormire, pensando di cercare di non pensare a Jasmine.

    Il giorno dopo John fece un punto per vedere il vecchio Millie prima di uscire di casa. Quando la vide sorrise e se ne andò mentre il suono di una campana la chiamava. Prima di andarsene, fece l'occhiolino e diede un colpetto a John verso la porta laterale. John prese la sua spinta come segno di qualcosa da fare e uscì.

    Fuori, John vide il signor Harken in piedi vicino al locale per fumatori. Si era allenato gli occhi su Jasmine mentre si chinava su uno strofinaccio che lavava i vestiti. I suoi capelli coperti erano sporgenti sui lati e la parte superiore del suo petto era esposta mentre si strofinava rapidamente sulla tavola da bagno. Anche John si ritrovò a guardare. Il seno di gelsomino ondeggiava ogni volta che il suo corpo e le sue braccia si muovevano sulla tavola da bagno, la pelle coperta inumidita dall'acqua.

    All'improvviso il signor Harken si mosse, dirigendosi verso Jasmine. Alcuni schiavi fermarono quello che stavano facendo e guardarono mentre Harken le attraversava. Sapevano tutti che il signor Harken aveva messo gli occhi su di lei e poteva solo immaginare cosa sarebbe successo. John recitò rapidamente, camminando verso Jasmine e facendolo lì davanti a Harken con cinque buoni passi.

    Una volta che John le fu di fronte, lei lo guardò, poi il signor Harken. John annunciò abbastanza forte per Harken e gli schiavi che stavano guardando per sentire. 'Ho bisogno di te nella casa principale per dare una mano. Il personale della cucina è a corto di personale. Voglio che tu lavori con Millie da ora in poi. '

    que faire lorsque vous vous ennuyez la nuit dans votre chambre

    Storie promosse

    Ti piacerà anche