Overwatch Smut

23,1 K 284 473 Writer: swthebrave di swthebrave
di swthebrave Segui Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia
Invia Invia ad un amico Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia

Reader è femmina. Anche questa fic si svolge 20 anni fa, prima che Overwatch si sciogliesse. Per due adorabili lettori adorabili!


Non sei del tutto sicuro di quello che è successo quella notte, non sei del tutto sicuro di quello che hai visto. Sai che ti stavi solo occupando dei fatti miei, uscire per cena come si fa quando hanno fame. Non avresti mai pensato che il famoso Overwatch si sarebbe presentato a metà pasto. Eri seduto nel ristorante abbastanza vuoto, da solo, con nessuno intorno a te tranne una coppia tranquilla a pochi tavoli di distanza e un cameriere Omnic. Era più tardi di quanto esci di solito, probabilmente alle otto, ma eri in viaggio d'affari in un fuso orario diverso, quindi ti sentivi prima di quanto non fosse.

Quando le sirene iniziarono a squillare nelle strade, sapevi che significava che dovevi entrare dove sarebbe stato al sicuro. Eri già dentro, quindi hai appena guardato fuori dalla finestra mentre le strade si schiarivano dalla fresca aria notturna. Hai guardato per alcuni istanti prima di aver sentito un urlo piuttosto forte e diversi passi che seguivano le voci,



McCree! Tenersi al passo!' Urlò una voce bassa e graffiante,

Sembrava un occidentale, probabilmente dagli stati, come te,


linksadss

Ti rintracciamo con noi? La voce graffiante di nuovo,

Sul fianco sinistro, signore! Era sicuramente un po 'sdolcinata, dato l'umore oscuro che la voce graffiante aveva impostato

Perseguivamo l'obiettivo, comandante!

La presunta voce dei comandanti attraversò una radio. Proprio in quel momento un gruppo di tre, vestito di nero, corse fuori dalla finestra. Hai visto uno sguardo riflesso sulle loro armi, un brivido freddo ti ha attraversato la schiena alla vista.

Avevi sentito la diffusione della crisi Omnic che apparentemente stava accadendo in tutto il mondo, ma ti eri ancora trovato faccia a faccia con qualsiasi pericolo reale dal cosiddetto Omnics canaglia. Sei cresciuto con loro e hai chiamato molti Omnics come tuoi amici, non hai mai visto nessuno come una minaccia,

La voce dei comandanti si interruppe di nuovo, più lontano ora.

discurso sobre la importancia familiar

Ti sei accovacciato al tuo posto, aspettando qualsiasi cosa stesse arrivando.

Non ricordi la bomba che ha colpito l'edificio, non ricordi nemmeno di averlo sentito. Tutto quello che potevi sentire fu un ronzio nelle orecchie e il suono distante di una donna che piangeva. Quando sei arrivato a tutto ciò che sentivi era dolore, bruciante, portato alla luce, dolore. Hai aperto gli occhi e guardato in alto, guardavi il cielo notturno - che non poteva essere giusto - ma lo era. Hai guardato in avanti e hai visto un edificio accartocciato, rocce, travi d'acciaio, vetri frantumati, macerie. Hai guardato in basso e hai visto l'addome, la camicia insanguinata e strappata, hai guardato più in basso, un pezzo di macerie delle dimensioni di un'auto da pneumatico ti stava schiacciando la gamba sinistra. Le tue braccia erano libere, lo sapevi perché stavi cercando disperatamente di staccarti dal masso, ma non si sarebbe mosso. Hai urlato mentre il dolore riempiva tutti i nervi del tuo corpo, hai gridato pietà, ma nessuno poteva sentirti sopra gli spari. Hai sentito proiettili proiettili cadere a terra e varie urla attraverso quello che ora ti rendevi conto che era un campo di battaglia,

Ana! Sniper, seconda storia! '

Sei coperto, Jack! Ti avrò le spalle!

McCree, dietro di te!

Mi hai preso!

sarie kessler will smith relación

Reinhardt, sono felice di vederti!

Non preoccuparti, amici miei! Reinhardt, al tuo servizio!

Mentre ascoltavi le urla, gli spari e le urla, la tua visione stava diventando più sfocata e vedevi punti neri. Le tue palpebre sembravano pesanti come il masso che ti schiacciava la gamba. Sei svenuto nel frastuono, hai pregato che qualcuno ti trovasse.

Reinhardt, quaggiù! Hai riconosciuto la voce robusta, il comandante,

È intrappolata?

Storie promosse

Ti piacerà anche