Immagini e confusione di OUAT

STAI LEGGENDO



Immagini e confusione di OUAT

Avventura

Ho alcune immagini sul mio libro di cultura pop ma le sto spostando qui. Se voglio qualcosa, non mi piacciono le altre cose che offuscano la mia visione della vera bellezza. Non mi aspetto che qualcuno desideri altre immagini casuali quando cercano Once Upon a Time ...

#avventura #un tempo #baelfire #henry #gancio #immagini #l'isola che non c'è #una volta #onceuponatime #posa #ouatfanfic #ouatneverland #pane #Peterpan #Robbie Kay #rumplestilskin #sporcizia #su



enlace x zelda limón

Peter Pan Smut

14.6K 91 24 Writer: PansLostGirl17 di PansLostGirl17
di PansLostGirl17 Segui Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia
Invia Invia ad un amico Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia

Questo potrebbe anche essere un libro di Peter Pan ...

Sorride mentre cammino tra la folla. Mi ha dato un mantello con cappuccio come gli altri ragazzi perduti, e la mia camicia era davvero lunga. Ma era scollo a V. Da ragazza era un po 'un problema. Non ero il tipo di ragazza con il seno pesante, nessuna mia era una specie di ... perversa. Quale è meglio per i vestiti aderenti, a meno che i vestiti non siano scollati e possano mostrare la mia scollatura. A Pan sembrava piacere quello che vide. Mi ha scannerizzato con un sorriso diabolico sul viso. I suoi occhi erano scuri e birichini. Non riesco a immaginare come devo sembrare. Da questo punto di vista non sembravo male. Ma dal punto di vista di Peter Pans, i miei pantaloni erano piuttosto attillati attorno al mio fondo: non importava a causa della mia maglietta lunga che faceva la doccia da ogni curva. Era sciolto, ma mi si aggrappava. Il colletto era piegato in un modo che amavo e la mia cintura era carina. Mi ha regalato anche cinturini da polso e una collana. Il mantello mi attaccava intorno al collo, coprendomi per la maggior parte, e la camicia era scollo a V quasi fino alla parte inferiore del mio seno, era così bassa. Era anche abbastanza largo, con il colletto che mi tagliava la parte superiore del seno, mostrando quanto fossero alti. Sono quasi usciti ma sapevo che non avrei potuto chiedere una nuova maglietta. Questo era tecnicamente abbastanza grande per me. Il mantello era sopra la mia testa, in grado di coprirmi gli occhi come i ragazzi perduti. Mi è piaciuto quanto misterioso apparissi. Mi sembrava di appartenere. I miei capelli biondi erano intrecciati di lato, e quella e il mio seno erano l'unica cosa che mi faceva sembrare femminile quando non potevi vedere chiaramente la mia faccia. Ma nel campo illuminato dal fuoco, si poteva vedere tutto. E ogni ragazzo perduto fermava quello che stavano facendo in un silenzio imbarazzato, fissandomi. Arrossivo cupamente, aggrappandomi saldamente alla mia nuova arma. Pan ridacchia dolcemente fissandomi dritto al petto. Sarei stato lusingato può essere. Ma quando ho attirato gli occhi di ciascuno dei ragazzi persi, tutti mi fissavano il seno. Arrossivo cupamente, camminando oltre. Mi fissarono tutti e cominciai a sentirmi a disagio. 'Siediti ragazza perduta.' Pan sorride. Mi siedo accanto a lui e Felix si avvicina per sedersi accanto a me. I ragazzi si avvicinano di più, troppo vicini per il massimo comfort. Improvvisamente sento gli occhi su di me e due ragazzi perduti si incombono su di me da dietro, fissando la mia camicia. Guardo Pan e lui sorride. 'Va bene, siediti, questo non è un peepshow. È una festa. ' Mi sorride prima di iniziare a suonare la sua pipa. I suoi occhi si fissarono nei miei cupamente mentre i ragazzi cominciavano a ballare, divertendosi, follemente. Mi fece segno di ballare e io mi fermai un secondo, prima di decidere di divertirlo. A dire il vero mi è piaciuto Peter. Mentre danzavo, ballavo l'unico modo che potevo per la sua musica meravigliosa. I miei fianchi ondeggiavano e danzavo come un matto come gli altri ragazzi con il cappuccio che cadevano rivelando i miei capelli biondi. Alcuni ragazzi mi guardarono in modo suggestivo, ma continuavo a ballare, non mi importava se ero un po 'provocatorio. Ho sentito il seno tremare un po ', ma l'ho semplicemente ignorato, cedendo alla musica, godendomi. Ho sentito gli occhi di Peters su di me. 'Sei una tale seduttrice.' Felix sorride. 'Io non sono!' Ballo alla musica. 'Certo che lo sei. Tutti ti stanno guardando. Lui sorride pervertito prima di ballare lontano da me. Il battito del mio cuore accelera ma non voglio guardare i ragazzi perduti. Ballo solo con loro. Peter suona più forte e tutti ballano e applaudono. Mi sono liberato, divertendomi completamente.
***
'Uh!' Gemo, essendo premuto contro il muro. 'Dove hai imparato a ballare così?' Chiede ancora una volta. 'Te l'ho già detto Pan. È proprio come ballo! 'Scuotere il culo in quel modo?' Lui sogghigna. Sembrava frustrato e decisamente incazzato. Quasi disgustato. 'Qual e il punto?? Che importa?!' 'LO VOGLIO!' Lui grida 'I ragazzi ti stavano fissando tutti!' 'Così?!' 'Non sono autorizzati a fissarti in quel modo. Non hai idea di cosa gli passasse per la testa. Tu sei l'unica ragazza qui, e sembri come te, dannazione, è meglio che tu stia attento o che ucciderò tutti. 'Perché dovresti ucciderli ??' 'Perché sei MIO!' Chiede. Rimango senza fiato, spalancando gli occhi. 'Sei mio capisci ?! IL MIO! Farai ESATTAMENTE quello che dico. Seguirai tutte le mie regole! Mi obbedirai e fai tutto quello che voglio che tu faccia. Non guiderai mai dalla mia parte. Inteso?!' 'E se non lo facessi?' Io sfido. Mi avvicina prima di sbattermi di nuovo contro il muro con rabbia. 'GIOVANE SIA IN GRANDE PROBLEMA BELLA PICCOLA RAGAZZA. Non farmi punire. ' Arrossisco cupamente. 'Puniscimi eh? E se volessi essere punito? Lo prendo in giro. 'Allora continua così. Ti punirò e ti punirò duramente. ' 'O si?' Spingo il viso più vicino al suo. 'Si.' Ringhia. 'E se dicessi che non sei responsabile di me?' Adoro farlo incazzare! Diventa così esuberante e possessivo. Mi sbatte di nuovo contro il muro. 'Dillo di nuovo. Ti sfido.' Ringhia cupamente. I suoi occhi erano arrabbiati ed era spaventoso. 'Non sei responsabile di me.' Mi sbatte di nuovo contro il muro, più forte. 'GIOVANI FACCIAMO QUELLO CHE DICO E GIOVANI MAI LASCIATO IL MIO LATO!' 'E se dicessi NO!' Sorrido. I suoi occhi diventano maniacali e spaventosi mentre mi afferra lanciandomi attraverso la stanza con tanta forza che cado sul suo letto dall'altra parte della stanza. Mi appoggio alle mani, scioccato. Si avvicina, guardandomi come se fossi la sua preda. 'Brutta ragazza cattiva, perduta.' Ringhia. Rido, stuzzicandolo. Lo fa solo arrabbiare ulteriormente. Sto andando a ballare come voglio. Accidenti potrei persino ballare su uno dei ragazzi perduti! Ringhia, 'NO YOU ARENT!' 'Sì, ​​lo sono.' 'NO!' 'Non devo ascoltarti!' Sembra così arrabbiato che la sua espressione è selvaggia e terrificante. Sembrava che volesse farmi a brandelli. 'SCENDERE.' Mi siedo. 'ADESSO!' 'No.' Dico semplicemente. Smirking. Ansima e cerca di contenere se stesso. 'Non mi trattengo. Non lo vuoi. 'Forse lo faccio. Penso che adesso andrò dai ragazzi e ballerò. 'NO!' Ringhia. 'Per l'ultima volta Pan.' Sorrido. 'NON sei responsabile di me! Non puoi dirmi cosa devo fare! Ora ho colpito un nervo. Un suono terribile emesso dalla gola di Peters e mi esita sopra di me spingendomi giù e strappandomi i vestiti. 'Ti pentirai davvero di averlo detto.' Lui mi grida. Gemo mentre mi infila la camicia rivelando il mio seno. Mi lancia in giro come una bambola di pezza. Praticamente tira fuori il suo cazzo prima di spingerlo dentro di me. Rimango senza fiato, non aspettandomi che sia così veloce, così forte. Grido ferocemente. 'PADELLA!' 'QUESTO È QUELLO CHE OTTIENI SLUT!' Ruggisce, sbattendosi contro di me, senza trattenersi affatto. Mi ha scioccato quanto mi ha fottuto duro. La frase fanculo il cervello squilla attraverso la mia testa. Non posso fare o pensare a niente. 'IL MIO!' Lui grida 'DILLO!' 'NO!' Gemo. Mi afferra la gamba artigliandolo lasciando segni di sangue rosso e lo lancia sbattendomi forte. 'DILLO!' Non ho potuto parlare per dire no questa volta. Lui ringhia e mi afferra entrambe le gambe, sollevandole mentre si infila in me più e più volte, gli occhi arrabbiati e lussuriosi. 'DIRE IT SLUT!' 'Iim tuo!' Sussurro. 'Forte!' Grida, fottendomi così forte che non riesco a respirare. 'SONO TUO!' Grido, incapace di contenermi. 'IM YOURS IM YOUR LOST GIRL GIER PETER PAN!' 'POSSO FARE TUTTO QUELLO CHE VOGLIO PER TE!' Lui sorride. 'OH SÌ PETER OH SÌ SCOPAMI!' 'TI PIACE ESSERE PUNTO POVEDO ?! TI PIACE SCOPARE ?! ' 'OH DIO PIETRO SÌ!' 'NESSUN ALTRO PUO' FARLO 'DURO!' I suoi occhi diventano maniacali mentre lascia libero il suo lato selvaggio interiore. Il suo cazzo mi ha fatto male con quanto duro mi stesse scopando e l'ho adorato. Ho sentito un debole grido, ma tutto quello su cui potevo concentrarmi era quanto velocemente e forte mi stesse sbattendo contro. Venivo trascinato avanti e indietro con la forza delle sue spinte e urlavo, non potendo farci nulla. Se questa fosse una punizione, accidenti non so se posso prenderla. Ma dio l'ho adorato. 'PETER!!!!!!' Grido. 'AHH PETER OUH OHHH PETER!' Urlo. Sento urla più forti, ma tutto ciò su cui posso concentrarmi sono i suoi ringhi animaleschi e le risate di dominarmi. Quando vengo fa male ma mi piace così tanto. 'PETER!' Grido, abbastanza forte da saperlo tutta l'isola. Non riesco a respirare, quindi urlo solo con tutto quello che ho in me, fino a quando Peter sbatte i fianchi contro i miei duramente mentre cums. Si allontana rapidamente. 'Ti punirai di nuovo sì / a, quindi preparati.' Ringhia, ancora duro. Non riesco a riprendere fiato, mi sento così ferito così piacevole. Lo volevo rozzo, così male. Volevo la sua punizione, ma non sapevo se potevo prenderla. Ma accidenti non volevo che si trattenesse. Alla fine mi sintonizzai con gli hollar mentre premeva il suo enorme cazzo contro il mio ingresso ancora una volta, dandomi a malapena la possibilità di respirare e calmarmi. Stavo ancora palpitando mentre catturavo le voci urlanti. 'WOOOO! FUCK HER PAN! Yeahhhhhh! AHOOO !!!! OW OW !!! Dayum !! PRENDILA! FUCK HER PAN WHOOO 'Arrossivo cupamente, spalancando gli occhi mentre lui incessantemente ricomincia a scoparmi, più forte che quel demone potrebbe.