Nightmare Before Christmas poema originale di: Tim Burton

STAI LEGGENDO


Nightmare Before Christmas poema originale di: Tim Burton

Poesia

la poesia originale di: Tim Burton per il film Nightmare Before Christmas

Nightmare Before Christmas poema originale di: Tim Burton

18.9K 187 30 Writer: LoveKickstartsAgain di LoveKickstartsAgain
di LoveKickstartsAgain Segui Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia
Invia Invia ad un amico Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia

Era tardi un autunno a Halloweenland,

e l'aria aveva un bel freddo.

Contro la luna sedeva uno scheletro,


linksadss

solo su una collina.

Era alto e magro con un papillon a pipistrello;

Jack Skellington era il suo nome.

Era stanco e annoiato a Halloweenland

Sono stufo della paura, del terrore, della paura.

Sono stanco di essere qualcosa che va a sbattere nella notte.

Sono annoiato dall'osservare i miei orribili sguardi,

E mi fanno male i piedi nel ballare quei balli di scheletro.

Non mi piacciono i cimiteri e ho bisogno di qualcosa di nuovo.

Nella vita ci deve essere molto di più che urlare,

Quindi fuori da una tomba, con un ricciolo e una torsione,

Venne una nebbia piagnucolante, piagnucolante, spettrale.

Era un cagnolino fantasma, con una debole corteccia,

E un naso a jack-o-lantern che brillava nel buio.

Era il cane di Jack, Zero, il migliore amico che aveva,

Ma Jack quasi non se ne accorse, il che rese triste Zero.

Per tutta la notte e per tutto il giorno successivo,

Jack vagò e camminò.

Era pieno di sgomento.

Poi nel profondo della foresta, poco prima della notte,

Jack ha avuto uno spettacolo incredibile.

Non a venti piedi dal punto in cui si trovava

Erano tre enormi porte scolpite in legno.

Si fermò davanti a loro, completamente meravigliato,

Il suo sguardo trafitto da una porta speciale.

Incantato ed eccitato, con un leggero senso di preoccupazione,

Jack aprì la porta a una raffica bianca e ventosa.

Jack non lo sapeva, ma è caduto

Nel mezzo di un posto chiamato Christmas Town!

Immerso nella luce, Jack non era più ossessionato.

Aveva finalmente trovato la sensazione che voleva.

biblioteca de historias eróticas

E così i suoi amici non lo considererebbero un bugiardo,

Ha preso le calze piene del presente appese al fuoco.

Prese caramelle e giocattoli che erano impilati sugli scaffali

E una foto di Babbo Natale con tutti i suoi elfi.

Prese luci e ornamenti e la stella dall'albero,

E dal cartello della Città di Natale, ha preso la grande lettera C.

Raccolse tutto ciò che scintillava o brillava.

Raccolse persino una manciata di neve.

Ha afferrato tutto, e senza essere visto,

Ha riportato tutto ad Halloween.

Di nuovo a Halloween un gruppo di colleghi di Jack

Fissò con stupore i suoi souvenir di Natale.

Per questa meravigliosa visione nessuno era preparato.

La storia continua di seguito

Storie promosse

Ti piacerà anche