cattivo cattivo completo

77.3K 108 2 Writer: leobluesapphire di leobluesapphire

di leobluesapphire Segui Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia
Invia Invia ad un amico Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia

La donna alta che tremava forte era mia madre. 'Grazie per avermi guidato. Non sei imbarazzato a prendermi, vero? 'Ovviamente no!' Ho risposto rapidamente. Dopo che i miei genitori hanno divorziato, io e mia madre abbiamo lavorato con il dolore nella nostra palestra.

Era più alta della maggior parte delle donne con una corporatura media che aveva iniziato a prendere forma nell'ultimo mese delle nostre visite. Le sue gambe più corte sono state allungate con i leggings sportivi e la canotta, non abbastanza caldi per il clima.

La mia pelle era rigida, congelata sotto pantaloncini da ginnastica blu e una maglietta nera. All'interno del massiccio edificio di mattoni era molto più caldo. 'Grazie ancora per avermi guidato.' Disse rabbrividendo. 'Queste strade sono troppo ghiacciate per me!' E tutti gli altri, ho pensato a me stesso. Oggi la palestra era quasi vuota.

La nostra routine cardio si è rapidamente conclusa, lasciando i nostri cuori elevati e i muscoli stanchi. 'Risciacqua, oggi è perfetto per la sauna!' Disse la mamma prima di andare sotto la doccia. Neanche lei aveva torto. Feci la doccia in acqua fredda, poi mi asciugai, vestendo solo i boxer e il mio asciugamano legato ai rifiuti.

La mamma era già nella sauna. I suoi capelli biondi erano più scuri e umidi di acqua, appesi liberamente a una cravatta. Indossava un asciugamano intorno alla sua sezione centrale che copriva tutto ciò che poteva essere visto.

Immediatamente ho pensato ad Amber, la mia ragazza. Shed lo adora qui e non c'era nemmeno una politica contro la nudità! Il pensiero della sua pelle color bronzo che brillava di sudore era un po 'troppo intimo per pensare mentre indossava poco più di un asciugamano! Il peso dei miei genitali divenne improvvisamente evidente.

Era passato molto tempo da quando avevo avuto qualsiasi tipo di rilascio. Mi sono spostato goffamente, cercando di prevenire l'erezione. Non di fronte a mia mamma! All'improvviso il terreno iniziò a tremare. All'inizio pensavo di avere le vertigini ma anche lei l'ha visto!

'È stato strano.' Disse con calma, ma i suoi feroci occhi blu erano spalancati e preoccupati. 'Earthqua-' Prima che potessi finire il colpo di scossa di assestamento! Le panche di legno oscillavano e una forte crepa risuonava da qualche parte all'esterno, il suono della pietra si schiantava a terra.

La piramide di travi di legno che reggono il tetto della sauna si spezzò con uno stridio che cadeva sotto! L'ho tirata via senza pensare ma sono scivolata tirando giù mia madre sopra di me.

Altri sei raggi caddero seguiti da quello che sembrava uno dei muri! Dopo un momento la polvere cominciò a calare ma eravamo bloccati sotto le pesanti travi di legno!

'Sono ..' La sua schiena aveva coperto gran parte della polvere, ma i detriti mi hanno soffocato la voce e mi hanno accecato. 'Mamma, stai bene?' Sono riuscito a tossire. Il suo corpo mi ha bloccato sul pavimento di legno liscio.

'Stai bene? Non vedo niente! 'S-sì!' Lei tossì. 'Mi hai salvato!' Il suo peso stava lentamente diventando a disagio e le sue braccia mi stavano fissando, riuscivo a malapena a raggiungere la polvere dai miei occhi.

Ho scannerizzato il piccolo spazio dei crampi. Era troppo buio per vedere molto. 'Oh Dio!' Ho urlato. 'Mamma, il tuo asciugamano ... è ...' L'asciugamano si era disfatto e si era perso da qualche parte vicino ai nostri piedi. Il suo seno pieno era esposto sul mio petto nudo!

'Sono così dispiaciuto!' Gridò tirandosi via istintivamente. La sua schiena afferrò i pannelli di legno caduti. 'Sono bloccato!' Il corpo nudo di mia madre si agitava disperatamente sul mio. I suoi seni pesanti rimbalzarono e si agitarono contro la mia pelle!

'Engh! Non riesco ad alzarmi, è troppo pesante! Il suo torace sudato si sollevava su e giù con il respiro in preda al panico, sfiorandomi il petto nudo con i suoi capezzoli. Ero furioso, ma più di ogni altra cosa ero disgustato! Mia madre aveva delle tette fantastiche!

Sentii il tumulo tra le mie gambe crescere ma era appoggiato a qualcosa di caldo e spuntò dai miei pugili. 'Che cos'è Eric?' Sembrava confusa. Grugnivo lottando per non guardare il petto nudo di mia madre. 'Sono veramente dispiaciuto!' Ho supplicato.

I suoi occhi si spalancarono e le divenne chiaro. 'Oh...! Oh no ... 'ansimò. 'Voglio dire, va bene!' Ha corretto. 'Non stai aiutando!' Ho urlato. Persino chiudendo gli occhi vedevo i seni naturali di mia madre che mi tremavano sul petto nudo.

'Sarà d'aiuto se io ...' Si abbassò su di me, nascondendomi le tette sulla pelle. I suoi capezzoli sembravano strani. Stavano diventando difficili ?! Il mio cazzo pulsava in risposta sfiorandole il culo e scivolò nella fessura. Potevo sentire il calore delle sue pieghe dietro un sottile paio di mutande.

'No!' Avevo avvisato. 'Non funziona!' 'Aspetta, penso di poter uscire. Sollevati un po 'e ... »Sbatté in avanti, scivolando verso l'alto sulle mie gambe. Il mio cazzo è caduto nella sua fessura infilando nelle sue mutandine!

'Non ... muoviti!' L'ho avvertita. 'Guarda cosa ho fatto! Sono così dispiaciuto!' 'No!' Rimasi senza fiato, lottando per regolarlo senza toccarlo più. 'Non sei tu, lo giuro!' Espirò; la sua pelle chiara stava diventando sempre più arrossata. Potevo sentire il calore delle mie madri aprirsi sulla punta della mia erezione!

'Va bene non essere imbarazzato. È stato molto eccitante e il tuo corpo sta solo rispondendo come lo sa. ' Il suo respiro umido fece gonfiare insieme la nostra pelle mentre cercava di tenersi in piedi.

'Dobbiamo solo aspettare qui fino all'arrivo dell'aiuto.' I suoi muscoli doloranti tremavano sotto stress e lei emise un debole gemito di dolore. 'Sei sicuro di stare bene mamma?'

'Sì!' Disse incerta. 'Voglio dire no, non posso trattenermi a lungo.' Ha avvertito. 'È ... è giù?' Il mio pene pulsava contro il suo tessuto morbido. 'No!'

Ho soffocato al pensiero di penetrare mia madre. Non c'era modo di dire cosa stesse pensando.

Ero bloccato sotto, a pochi centimetri dall'essere dentro mia madre. Le sue braccia tremarono, scuotendo i suoi seni sudati in faccia!

'Mi dispiace così tanto!' La sua voce piagnucolò. Non sopportavo di vederla con così tanto dolore, ma l'alternativa era terribile!

'Mamma ... non c'è niente che possiamo fare. Solo ... vai piano e forse non entrerà? ' 'Può essere?' Ansimò incapace di resistere ancora.

Si è abbassata da una posizione pushup che mi sentivo spingere nelle mutande di mia madre. La mia punta palpitante spinse forte su quello che doveva essere il suo clitoride fermandosi nel suo tessuto sottile. Tutto il suo peso mi restituì le tette al petto.

Si mordicchiò le labbra carnose, il viso apparentemente per il dolore. 'Cosa c'è che non va, va bene?' 'Sì, ​​ansimò. Mi stai solo colpendo molto forte, fa male.

'Sì, è passato molto tempo, mi dispiace.' 'Capisco. Va bene.' Il mio cazzo era insensibile e le mie palle erano dolenti oltre ogni immaginazione!

I minuti sono passati senza alcun segno di aiuto. Soffriva ancora e la mia erezione non sarebbe andata via! 'Fammi provare qualcosa. Penso che possiamo adattarlo. ' Agitò le braccia ma non furono in grado di aggirare le mie. Si aggiustò i fianchi e io sentii il mio cazzo muoversi.

'Aspetta, non farlo!' Avevo avvisato. Il tessuto sottile che protegge la sua vagina è scivolato di lato e il mio pene è scivolato in quasi un quarto di strada!

I nostri occhi si fissarono l'un l'altro spaventati più che durante il terremoto! Il mio cazzo è scivolato di circa due pollici ed è stato fantastico! La pressione era sparita per entrambi. C'era poca resistenza; la sua apertura gocciolava di umidità.

Ci tenemmo così per un momento e il suo corpo schiacciò dolcemente il mio membro. 'Non è poi così male.' Ho detto con attenzione. 'No ...' Respirò a bassa voce. 'Affatto.' Si morse di nuovo il labbro, questa volta sembrava un piacere colpevole! 'Questo è stato un grosso errore!' Ho sussurrato dolorosamente.

Lei fece una risatina che scosse il seno. Sono scivolato di altri due pollici, quasi fino in fondo. Potevo sentire le mamme pulsare con il mio cazzo. 'Sta diventando più freddo.' Lei sussurrò.

Le sue guance rosee davano al suo viso un'espressione diversa, uno sguardo di lussuria conflittuale. 'So che questo deve essere difficile per te.' Mi disse toccandomi il braccio. 'Non avete idea.' Il mio cazzo pulsava di nuovo dentro di lei.

Stava diventando scivolosa e l'aria puzzava di sesso. 'In realtà lo faccio.' Lei ridacchiò di nuovo. Ogni volta che rideva le pareti della sua vagina mi afferrava e mi massaggiava e io andavo un po 'più in profondità. 'È passato molto tempo anche per me, e tu sei davvero ... beh ... grande!'

'Dovrei provare a tirarlo fuori?' Chiese e le sue viscere mi afferrarono di nuovo. I battiti del nostro cuore furono uno mentre ero dentro di lei. 'Voglio dire, posso provare.' Le sue guance chiare arrossirono ancora di più.

Il sudore dei nostri corpi vicini in questa stanza calda ha dato alla sua faccia una vibrazione giovanile, anche se non sembra affatto vecchia. Lei sollevò i fianchi. Potevo sentire il suo corpo aggrapparsi alla mia asta mentre scivolavo lentamente fuori dalla vagina di mia madre.

Inconsciamente, entrambi guardammo in basso. Le sue labbra erano coperte da un piccolo strato di capelli biondi ben tagliati.

Oh Dio! Pensò in preda al panico, osservando l'erezione dei suoi figli scivolare dal suo corpo. La sua schiena incontrò il legname e lui si fermò. La punta del suo cazzo indugiava ancora dentro!

Il loro respiro era pesante e dal basso poteva vedere la nudità di sua madre in piena vista. Non poteva coprirsi mentre spingeva verso l'alto, lasciandola completamente esposta.

'Solo un po 'di più!' Lei urlò, incapace di prenderlo più. 'Per favore, tiralo fuori!' Si agitò sotto il figlio nudo, incapace di negare al suo corpo le sensazioni che le stava dando. Si staccò da lui con forza, scacciandogli le braccia.

Le sue gambe scivolarono, graffiando contro frammenti di legno. Gridò di dolore, cadendo. L'erezione dei suoi figli ha riempito la sua vagina per tutta la sua lunghezza. Si fermò a occhi spalancati e la bocca a bocca aperta, faccia a faccia con il suo ragazzo. Il suo cazzo si contrasse profondamente dentro di lei sulla punta del suo grembo.

Le lacrime si formarono nei suoi occhi blu cristallo e non era a causa della polvere. Aveva finito di combatterlo. Le sue labbra si allungarono e lo incontrarono in un bacio appassionato bagnato!

Guardò stupita sua madre, mentre la sua lingua assaggiava la sua. 'Mmm-mamma!' Disse allontanandosi. 'Cosa stai facendo?' 'Sto facendo quello che devo fare.'

I suoi fianchi oscillarono avanti e indietro mentre si scopava con il suo cazzo. 'Se non vieni ...' pronunciò in un sussurro pesante. 'Allora ci troveranno così! Non abbiamo scelta! La mia carriera sarebbe finita se qualcuno lo vedesse! Nessuno assumerebbe un professore che si scopa suo figlio!

Il suo bel viso si contorse mentre ruotava i fianchi sul cazzo dei suoi figli. 'Penso che ci siano persone qui!' Una voce ovattata chiamò dall'esterno delle macerie. 'Fretta! Non abbiamo molto tempo!

Aveva a malapena bisogno del permesso. Ci voleva tutto quello che non le doveva venire in questo momento! 'Va bene, fingi solo che io sia Amber.'

Chiuse gli occhi cercando di simulare l'impossibile. Dondolava avanti e indietro tirando fuori il più possibile ad ogni spinta. Le sue madri respiravano affannosamente mentre si scopava il figlio appuntato. 'Sì ...' sussurrò.

I suoi fianchi si gonfiarono con lei, più velocemente con potenti spinte arrabbiate! Le sue tette rimbalzavano sul petto ad ogni impatto. Il pene dei suoi figli la prendeva in giro, ma il dolore era elettrizzante!

'Sborra dentro di me ...' sussurrò. 'Sborra nel tuo madre.' La sua presa in giro lo ha mandato. Un flusso di calore sparò dentro di lei.

L'erezione dei suoi figli pulsava nel suo grembo appiccicoso. La vergogna tabù era troppo per lei. 'Nuhhh!' Lei gemette e l'orgasmo duro sul suo cazzo!

I loro corpi giacevano uniti sotto le macerie collegate dal loro sesso sensibile. L'unione più intima potrebbe ricordare.

'Aspetta, vieni per te!' La voce dall'alto chiamò. Crollò su sua madre e le loro casse sudate si ripararono insieme. La sua pelle era meravigliosa contro i suoi capezzoli sensibili.

Prima che potesse tornare duro, si tirò indietro e lasciò il suo calore umido. L'aria era fredda sul suo membro bagnato! Si abbassò vicino al suo viso e si chiuse in un secondo intimo bacio senza fiato. 'Va bene piccola, non appena puoi muoverti rimetti l'asciugamano.'

Proprio come ha detto, finalmente la tavola pesante cominciò a sollevarsi. In piedi sopra di lei con un braccio, si legò l'asciugamano intorno alla vita. Con il braccio finalmente lontano dal suo, lo prese dai loro piedi e lo modellò vagamente attorno al seno.

Un uomo massiccio che indossava una camicia dei vigili del fuoco lo sollevò per la spalla. 'Grazie a Dio ci hai trovato!' Esclamò sua madre riprendendo fiato.

'Signorina. Alice?' Chiese l'uomo. Era stato in una delle sue lezioni solo due anni fa! 'Aaron? Sei tu?' Mettendola da parte, aiutò attentamente Eric ad alzarsi.

Il suo cuore batteva ancora per il climax condiviso ed era dolorosamente consapevole del fatto che i succhi di sua madre si aggrappavano ancora al suo cazzo. Senza tetto la stanza era diventata davvero fredda! Ma con il loro duro allenarsi non l'hanno mai notato.

'Sei stato fortunato ad avere l'un l'altro! Da solo potresti essere congelato a morte! Lo ringraziò e si affrettò a farsi la doccia. Non l'aveva mai visto prima, ma sua madre aveva delle belle gambe lunghe! Ancora di più c'era un ruscello bianco appiccicoso che colava uno di loro!

Anche il pompiere lo vide mentre la controllava. Non poté fare a meno di sorridere all'espressione confusa. 'Andiamo a casa mamma ... prima che ci vedano le squadre di notizie.'

Si vestirono e si precipitarono fuori dalla porta. I suoi leggings bianchi avevano una chiazza bagnata sulla gamba sinistra!

Sono tornati a casa senza una sola parola. Che cosa si potrebbe dire? Il suo viso era stanco e stressato e gli occhi si allenavano a terra.

All'interno della casa i due non potevano nemmeno guardarsi l'un l'altro. 'Non è successo.' Alla fine ruppe il silenzio. 'Im so-' 'No!' Lo interruppe. 'Nessuna scusa, niente di niente. Questo non è successo. '

Tornò nella sua stanza. Era passato più di un anno da quando viveva a casa, ma c'erano ancora dei vestiti nel suo armadio. La doccia nella camera da letto principale stava funzionando.

I pensieri di sua madre che gli lavava lo sperma lo fecero indurire lentamente di nuovo. Stava diventando chiaro che le cose non sarebbero mai state le stesse ...

'A cosa sto pensando? Devo dimenticarmene! Ma non potevo. Mi sono ritrovato a camminare nella stanza delle mamme. La sua porta era aperta. 'Cosa sto facendo?' Chiesi piano, togliendomi la camicia. Il vapore usciva dal bagno padronale aperto. Non pensavo alle conseguenze.

Entrai indossando solo i miei pantaloncini da ginnastica. Era appoggiata al muro della doccia permettendo all'acqua di scorrere tra i suoi capelli biondi setosi persi nei suoi pensieri.

Questa volta ho ammirato la nudità di mia madre. Il suo culo tondo e tonico. I suoi seni naturali erano vivaci con un leggero abbassamento e piccoli capezzoli rosa.

Ho chiuso la porta dietro di me, attirando la sua attenzione. Vuoto per lo shock e forse la paura che guardasse senza parole. Studiando il suo viso mi sono lentamente lasciato cadere i pantaloncini. Guardò con stupore il mio cazzo spuntare dai pantaloncini. Era troppo tardi per tornare indietro.

Lentamente si rilassò dandomi una vista delle sue tette in acqua. Volevo dire qualcosa, per lei dire qualcosa! Non c'era niente da dire e lei lo sapeva.

Lentamente guardò il mio corpo, il cazzo dei suoi figli. 'Mi ero chiesto se saresti tornato.' 'Eccomi qui.' La mia voce era severa e sicura di sé.

All'inizio fece un passo fuori dalla doccia. Lottando con la sua nudità aperta. I suoi occhi non mi avevano lasciato il cazzo.

All'improvviso prese vita! Senza esitazione si accovacciò e aspirò la mia erezione nelle sue labbra carnose.

La sua lingua svolazzò intorno alla punta e lei me dentro e fuori. Le sue mani mi afferrarono il culo nudo e tirarono, costringendomi a allungarmi lungo la gola. Mi guardò con lacrime, soffocando il cazzo dei suoi figli. Era meglio di qualsiasi cosa avessi sentito!

Tossì forte, sputandomi e scuotendo il braccio umido con una mano libera. Mi spinse indietro, aprendo la porta. Il vapore uscì dalla stanza chiusa.

Mi spinse di nuovo sul suo letto, saltando su di me con una intimidatoria urgenza che la sua presa non lasciò mai il mio membro. Ha cavalcato le mie gambe e mi ha succhiato le labbra con le sue.

Non riesco a smettere di pensare a come ti sei sentito! Si fermò, assaggiando la mia bocca. 'Com'è stato sentirti dentro di me!' Sollevò il culo, sporgendosi in avanti sul petto nudo dei suoi figli.

'Mettilo in me, piccola! Devo averti di nuovo dentro di me. Non riuscivo quasi a respirare. 'Sei sicuro?' Conoscevo la risposta, ma doveva essere chiesto. 'No, non ne sono sicuro, ma so di aver bisogno di te dentro di me in questo momento!'

Si sporse in avanti e mi guidò nella sua figa gocciolante. Sembrava sbagliato ma questa volta non mi importava! Dondolava su e giù, cavalcando il mio cazzo e gemendo in estasi. Ma non sono stato bloccato. Questa volta mi sarei divertito!

L'afferrai per il culo e la girai in modo che le mie gambe fossero sul pavimento. Le allargai le gambe per le caviglie e ammirai la bellezza della nostra unione corrotta prima di forzarmi nelle sue labbra gonfie.

La sua vagina mi ha schiacciato come prima ma più feroce e urgente. Tenendo le gambe di mia madre spalancate, l'ho scopata con tutto quello che avevo. Era duro e ruvido, e il suo corpo si divertiva! Più forte è la spinta, più gemeva.

Ad ogni pompa i nostri corpi sbattevano e i suoi succhi filtravano sulle lenzuola. 'Figlio..?' Lei sussurrò. 'Prendimi da dietro.' Grugnivo in risposta.

Il suo culo sodo valeva la vista. L'ho attorcigliata in modo che fosse sulla pancia, poi l'ho tirata anche per i suoi piedi.

Non mi sarei mai aspettato di piegare mia madre su questo letto. Lo stesso letto in cui mi arrampicavo quando c'era una brutta tempesta o un mostro spaventoso fuori dalla mia finestra.

Allora offriva sicurezza e conforto, poiché la sua vagina offriva conforto e piacere ora.

Le ho incrociato il braccio sulla parte bassa della schiena spingendo forte. Potevo sentire la pressione aggiuntiva nella sua vagina e il suo culo rimbalzò sul mio cazzo.

'Uhhh!' Gridò a denti stretti! I suoi gemiti erano diventati grida di piacere carnale. 'Sto per ...' Lei abbassò la testa per il piacere e le sue viscere si strinsero attorno a me.

Ma sono venuto per primo, inviando corde del mio seme nel profondo di lei. Ho urlato seppellito nella profondità del suo grembo. 'Hai appena fatto cu?' Lei cominciò a chiedere.

L'ho ignorata prendersi un momento per riprendersi. Sembrava che il mio sperma l'avesse riempita facendoci diventare uno. Mi sono sentito avventuroso e curioso subito! Lentamente indietreggiai e la mia virilità appiccicosa scivolò in aria.

La ribaltai e mi inginocchiai accanto al letto. Mi guardò scioccata. Non l'ho mai fatto, nemmeno per Amber!

La baciai intimamente, sondando dolcemente le delicate pieghe della sua femminilità con la mia lingua mentre mi baciavo sulle labbra esterne. Il suo profumo era una droga che mi prendeva in giro di più.

Ho trovato il suo clitoride vicino alla piccola chiazza di capelli biondi lisci e me lo sono succhiato in bocca. Sembrava un'uva da bambino calda e si gonfiava più ci giocavo. Aveva un sapore di pelle solo con un sapore più dolce e i suoi succhi indugiavano nella mia bocca come un olio.

Mi è sgorgata in bocca e mi ha scosso tutto mentre mi guardava incredula. L'ho tenuta in una presa salda assaggiando la sua pelle e i nostri succhi condivisi. 'Oh no!' Lei ha urlato.

'Uhhnnn!' Ondate di piacere si riversarono su di lei e il suo corpo nudo tremò collegato alla mia bocca. I suoi addominali tonici erano saldi sotto lo stress, allontanandosi dalle sue parti grezze.

Le sue dita si bloccarono nei miei capelli più scuri, il suo respiro rallentò, ma ondulazioni di piacere ancora ondulate attraverso i suoi muscoli.

'Eric ...' mi disse senza fiato. La mia visione era sfocata dal culmine del climax. Sono crollato sul letto accanto a mia madre nuda.

Mentre il piacere caldo lentamente svaniva, la profondità del nostro peccato incombeva su di noi. Il suo viso era imbarazzato sebbene non si sforzasse di coprire la sua nudità.

Un liquido bianco filtrava dalla sua apertura rosa, perdendo sul letto. 'Ti amo.' La sua voce era un sussurro doloroso. Le lacrime ora le colavano negli occhi stanchi.

L'ho stretta forte. Il vapore nella stanza rendeva difficile vedersi l'un l'altro. Eravamo chiusi nel nostro mondo ora. Mi strofinò il petto, non più il modo in cui una madre abbraccia suo figlio.

'Cosa facciamo adesso?' Era l'unica domanda che potevo porre. È stato difficile per lei, lacrime fredde sono cadute sulla mia pelle. 'Non conosco Eric ... non lo so.'


xcom viper lemon