Mia signora e io

8K 57 5 Writer: CharlesWiFi di CharlesWiFi
di CharlesWiFi Segui Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia
Invia Invia ad un amico Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia

Tutto è iniziato come uno scherzo. Pensavo di sognare finché non l'ho sentito così forte. Ho iniziato a vedere le stelle mentre provavo per ampi secondi a riprendermi dalla cecità.


La signora Amaka è il nome. Un nome che non dimenticherò mai in fretta. Il nome che mi fa venire i brividi. Ha un'aura sofisticata e una personalità molto prepotente che non può mai essere data per scontata. Anche se è solo qualche centimetro più alto di un nano, non osi guardare oltre per la tua sicurezza.

È davvero un capo che comanda catene di imprese e oltre cinquecento lavoratori in agguato intorno al suo libro paga. Tutti sotto la signora Amaka hanno automaticamente venduto la loro autostima alle sue dita veloci e agli insulti ben organizzati. A malapena si può lavorare in questa atmosfera senza dimettersi, salvare quelli senza opzioni.



Ricordo quando l'ho incontrata per la prima volta, come il mio capo. Pensavo che il mio bell'aspetto e il mio fascino potessero offuscarmi dai suoi artigli, anche se ero stato accennato al suo talento. Ma come posso rifiutare un'offerta dopo anni di vita solo con le mie credenziali come unico risultato? Ricordo che mi scrutava con penetranti raggi di disprezzo nei suoi occhi. Mi lanciò sarcasticamente parole che mi rendevano eccessivamente autocosciente.
Dopo quella che mi è sembrata un'ora con il diavolo, mi è stato finalmente affidato il lavoro.

Il mio primo giorno di lavoro è stato abbastanza facile. Grazie alla comprensione dei miei colleghi che ogni tanto coprivano i miei errori invisibili. Era un centro commerciale con tutte le sezioni ben rifornite di merci importate. Ma, nonostante sia una tomaia di seconda classe
laureato in Economia aziendale, sono stato sottoposto al grado più basso di personale addetto alle vendite. Non mi lascio mai disturbare dal fatto che il mio manager fosse titolare di un certificato di scuola secondaria. Tutto quello che mi importava era la mia paga mensile.


linksadss

Un giorno il mio capo mi ha chiesto di andare a sistemare il suo appartamento. , Ho detto nel mio cuore. Ma, dopo aver pensato a quanto tempo ho preso in prestito e implorato di ricaricare i soldi delle carte, ho deciso di ingoiare il mio orgoglio. Ho dimenticato il mio diploma universitario e ho seguito la signora Amaka a casa.

La sua casa parla soldi in ogni centimetro. Era così elegante e sofisticato. Mi è stato chiesto di fare il bucato. Ha anche incluso quello delle sue figlie di grandi dimensioni che
sembrava molto più vecchio degli adolescenti che erano. Ho davvero dovuto ingoiare il mio orgoglio pensando a quanto fosse difficile trovare un altro lavoro. Mi ci è voluto quasi tutto il giorno per finire. Alla fine non ho ricevuto ringraziamenti per il mio lavoro e tanto meno una mancia.

Dopo quel giorno, successivamente, mi è stato chiesto di svolgere alcune faccende degradanti ed emasculanti. Tutto con una sferzata di,.

Secondo i pettegolezzi, ha ucciso suo marito per poter ottenere la sua ricchezza. Si diceva che il suo defunto marito fosse un magnate del petrolio e un grande uomo d'affari all'estero. Ma come è questa la mia preoccupazione da quando ascolto appena i pettegolezzi?

Un fatidico pomeriggio, stavo pensando a quanto male fosse andata a finire la mia vita. Il mio destino non mi era noto fino a quando il mio collega si è precipitato da me con il suo telefono in mano. e riattaccò.

Sono arrivato a casa sua chiedendomi che tipo di immagine offuscasse le faccende che ha in serbo per me. La sua voce chiamò dal piano superiore, quella parte della casa di cui non ho classe.

Eccomi lì con lei che mi fissava come se fossi il suo film preferito. Alla fine si sedette. Prese un unguento e parlò in un tono diverso e piuttosto rilassante che non mi sarei mai aspettato da lei. si è alzata le maniche. Dopo aver raccolto l'unguento da lei, si distese sul letto a faccia in giù e slacciò le gambe abbastanza grandi. Le sue gambe sono state benedette con la pelle piegata e le macchie ruvide a causa del grasso in eccesso. I miei occhi tracciavano le sue spesse vene verdastre fino a che potevo vedere una parte del suo culo.

Rimasi immobile, perso nello shock dell'episodio che suonava davanti a me. Proprio in quel momento, la sua voce autoritaria mi scosse dalla mia trance. , urlò.

Presi un unguento e mi sfregai i palmi delle mani sulle cosce massicce, seguendo la direzione delle sue dita. Ho esercitato molta pressione finché non l'ho sentita dire qualcosa che sembrava.

códigos para caras roblox

Non ho detto niente ma ho fatto proprio come mi era stato ordinato. Anche se l'ho vista come l'ultima donna che può suscitarmi, quel minuto ho sentito il mio inguine sporgere attraverso i miei pantaloni.

Continua