Marvel Reader Oneshots

4.7K 57 14 Writer: SoullessNicole di SoullessNicole
di SoullessNicole Segui Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia
Invia Invia ad un amico Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia

Sommario
Sei stato uno studente di Master Strange per molto tempo, evidentemente diventando amici intimi con lui e trascorrendo molto tempo con lui al di fuori delle lezioni. Tu e Stephen avete sempre avuto una relazione strettamente amichevole, o almeno così avete pensato fino ad oggi. Quando scopri che per tutto questo tempo potresti aver provato sentimenti nascosti per il tuo insegnante, ti separa entrambi e ti lascia disperato per risolverlo. È contro la politica avere più di una relazione insegnante-studente? E se è così, quanto sei disposto a romperlo?
UN:
Hey! Questa non era una richiesta, ma ho davvero desiderato fare un Doctor Strange Reader per un po '. Mi piaceva molto, l'ho scritto in circa due giorni. Mi ha davvero fatto sudare! Godere!


Ti sei seduto su una panchina di pietra, prendendo un piccolo sorso di tè mentre il vento soffiava tra i capelli H / C. Piccoli pedali dell'albero di ciliegio sopra ti volavano sulle spalle, l'aria fresca e confortante dopo la fine della sessione di lezione. Il nuovo incantesimo che stavi imparando è stato un po 'estenuante per un principiante, ma sorprendentemente non è stato così difficile per te. Tutti gli altri studenti erano gelosi del tuo apparente talento in questo campo, dopo averti visto eseguire perfettamente tutti i tuoi incantesimi precedenti senza errori. Non sapevi perché sembravi avanzare con le arti mistiche, non eri meno principiante degli altri studenti. Hai concluso che era solo pura fortuna con tratti in cui eri già bravo, come concentrazione e concentrazione. Apparentemente, questo ti ha fatto crescere una stretta relazione con il tuo insegnante che ha sempre adorato le tue abilità di apprendimento rapido. Era sempre duro e rozzo con tutti gli altri studenti, ma era molto più facile e più gentile con te. Probabilmente perché sapeva che avevi capito tutto e che non avevi problemi a eseguire le nuove cose che ti avevano insegnato. Dopo essere stato per così tanto tempo il suo migliore studente, sei stato spesso invitato a trascorrere del tempo con lui, tranne che durante le lezioni, ed è stato abbastanza piacevole. Entrambi avete avuto un senso dell'umorismo accattivante e sarcastico, trovando utile anche il tempo trascorso con lui fuori dalle lezioni, dato che durante quel periodo poteva insegnarvi nuove lezioni.
Gli altri studenti intorno a te ridevano e chiacchieravano mentre si sedevano in pausa, bevendo anche tè. Tuttavia, stavi ignorando tutto il suono intorno a te, chiudendo gli occhi e facendo respiri regolari per cercare di rilassarti. Che fortuna però per te, solo pochi secondi dopo avere una voce che ti risuona bruscamente nell'orecchio, 'S / N' Hai sentito parlare una voce familiare, che ti ha risvegliato dalla tua concentrazione mentre ti guardavi con un'espressione seccata alla persona che ti svegliava . Tuttavia, la tua espressione è cambiata rapidamente quando hai messo gli occhi sul tuo insegnante in piedi di fronte a te, sorridendo mentre vedeva il tuo cambiamento di pensiero.
'Scusa. Pensavo fossi qualcun altro. 'Hai riso ridendo, scuotendo la testa mentre lo guardavi di nuovo,' Di cosa hai bisogno? ', Hai chiesto, con le gambe incrociate sulla panca a cui ti sei seduto e il tè che giace in grembo. Stephen ha le braccia incrociate davanti a lui, in piedi alto e ti guarda in basso.
'Oh, stavo solo per chiederti di incontrarmi in biblioteca. Ho qualcosa che ho bisogno che tu faccia. ”Ti ha chiesto Stephen, sorridendoti sinceramente e guardandoti solo per altri momenti prima di voltarti senza nemmeno lasciarti rispondere. Hai lasciato cadere la bocca per dire qualcosa, ma l'hai chiusa rapidamente e hai alzato gli occhi quando a quanto pare non voleva sentirlo, 'Potevo sentire quell'occhio rotolare.' Gridò Stephen dalla tua destra, guardandoti indietro dove doveva vederlo sorridendoti da sopra la sua spalla. Gli hai tirato fuori la lingua scherzosamente, guardandolo sorridere e continuare il suo cammino verso la biblioteca. Hai bevuto un ultimo sorso di tè e hai messo i piedi a terra, vedendo gli altri studenti che ti fissavano con la coda dell'occhio. Hai sollevato il viso dalla tua tazza, alzando un sopracciglio e restituendo loro uno sguardo brutto.
'Cosa?', Hai chiesto, guardando le due ragazze accanto a te deridere con un sorriso e guardare da vicino mentre il tuo padrone se ne andava. Le due ragazze si scambiarono uno sguardo per un momento, fissandoti con lo sguardo mentre una delle ragazze raddrizzava la sua postura per parlare.
'Tu e il Maestro Strani.' La ragazza con i capelli raccolti in una treccia ha iniziato, 'Sembra che tu abbia più di una semplice relazione con un insegnante.' Osservò, dandoti uno sguardo di disgusto mentre sollevavi un sopracciglio.
'Dipende da cosa intendi. Suppongo che al massimo ci chiamerai amici. 'Hai risposto, mettendo la tua tazza da tè al tuo fianco mentre ti sporgevi in ​​avanti per sentire quello che aveva da dire. Le due ragazze ridacchiarono dolcemente, sconcertate dalla tua risposta.
'Direi che sembra essere più di questo, S / N.' L'altra ragazza parlò, sottolineando il tuo nome per sottolineare che ti chiamava con il tuo nome, cosa che fa con nessun altro studente. La ragazza si portò il tè in bocca, bevendo un drink e indicando scherzosamente il suo mignolo, ovviamente ricreando quello che non è il mio meme aziendale. Sollevai le sopracciglia, arrossendo e facendo un rumore di repulsione mentre ti alzavi.
'Che cosa?! Non c'è modo! Voi due siete schifosi persino a pensarlo. 'Hai accusato, scioccato dal fatto che tu e Stephens la relazione sia venuta fuori in quel modo.
Sto solo dicendo come appare. Entrambi trascorrete del tempo insieme al di fuori delle lezioni, entrambi vi prendete in giro in modo molto civettuolo ed è molto più gentile con voi di quanto non lo sia con nessuno di noi. 'La ragazza dimostrò, fiduciosa nella sua parte del dibattito.
'Sì, stai ricevendo un trattamento speciale.' L'altra ragazza sembrava quasi gelosa, l'angolo della sua bocca si faceva largo un sorriso mentre ti stropicciavi il naso per l'avversione.
'Sei entrambi pazzo.' Li hai indicati, afferrando il cappotto accanto a te e scappando mentre li sentivi ridacchiare dietro di te. Non riuscivi a credere a quello che stavano pensando, tu e Stephen in una relazione segreta avete fatto molta strada. Anche se ora che sono usciti e hanno detto che aspetto avevano, avevi paura che altri potessero pensare che fosse anche quello che stava succedendo. Non si poteva permettere a nessuno di pensarlo, considerando che non era quello che stava succedendo!
Hai camminato nell'edificio e giù per alcune sale, girando un angolo e aprendo due porte che conducono alla stanza aperta e grande conosciuta come la biblioteca. Camminavi lentamente, notando il silenzio e l'eco dei tuoi passi mentre guardavi tutti i libri che ti circondavano. Ti chiedevi dove fosse Stephen, ha detto che doveva essere qui e che non era da nessuna parte a vista. Increspavi le labbra, raggiungendo il picco intorno agli angoli e attorno a qualsiasi bordo della stanza per cercare di trovare lo stregone, ma non era ancora dove trovarlo. Ti ha detto di incontrarlo qui, è possibile che lo avesse detto un certo tempo e tu non l'avessi preso? Non eri sicuro, mettendo la mano su uno scaffale e sporgendoti in avanti per guardarti attorno alla ricerca del tuo insegnante.
'Che cosa stai cercando?' Hai sentito qualcuno parlare vicino alla nuca. Non ti aspetti l'improvviso rumore balzato al suono, il tuo corpo si gira per vedere chi era e i tuoi piedi perdono il loro posto a terra mentre inizi a sentirti perdere l'equilibrio. Per fortuna, però, sei stato catturato dal mantello di Stephens, il panno rosso che ti avvolgeva e ti prendeva prima di cadere. Alzai lo sguardo sulla sua espressione compiaciuta, un sorriso sulle sue labbra mentre iniziavi a ridere della tua stessa stupidità.
'Mi hai spaventato.' Ridacchi, mettendoti la faccia tra le mani per l'imbarazzo mentre il mantello di Stephens ti sollevava di nuovo in piedi.
'Hm, non so se dovresti essere uno stregone se sei così spaventato, Y / N. Stephen ridacchiò, scuotendo la testa e trotterellando verso di te verso una scrivania dall'altra parte della biblioteca. Hai sollevato il viso dalle tue mani, sbuffandoti scherzosamente per la sconfitta mentre ti alzavi dritto e camminavi più vicino dietro di lui.
'Beh, non ero esattamente in guardia mentre cercavo il mio insegnante in una biblioteca.' Hai protestato, incrociando le braccia con un sorrisetto e fermandoti sui binari mentre lo guardavi prendere e iniziare a sfogliare un grande libro.
'Come stregone dovresti sempre stare in guardia. Tutto può succedere in qualsiasi momento. ”Steven scattò indietro, sorridendoti con un sorriso fiducioso sapendo che non avresti mai potuto vincere l'argomento. Ruotai gli occhi, scuotendo la testa mentre gemevi dolcemente, 'Alza di nuovo gli occhi su di me e non sei più il mio studente preferito.' Derise Derby, guadagnandoti un sorriso mentre le tue guance arrossivano a quell'osservazione. Non avevi nemmeno saputo di essere il suo studente preferito in primo luogo, e quell'informazione ti era abbastanza lusinghiera.
'Qualunque cosa tu dica, Maestro Strano.' Hai parlato in modo sarcastico, inchinandosi scherzosamente e sorridendo come se lo stessi onorando. Stephen ridacchiò, sembrando finalmente trovare la pagina che stava cercando nel libro che teneva tra le mani, 'Allora, cosa mi hai invitato qui a mostrarmi, maestro delle arti mistiche?', Hai chiesto, mettendo le mani su i fianchi e aspettando la sua risposta. Stephen ti guardò con i suoi penetranti occhi grigi, voltandoli di nuovo e di nuovo verso il libro mentre faceva un respiro costante.
'Bene, recentemente ho trovato un nuovo incantesimo che ho pensato di insegnare alla tua classe. Comunque ho cambiato idea immaginando che sarebbe troppo difficile per il tuo grado. ”Spiegò Stephen, avanzando lentamente verso di te senza distogliere gli occhi dal foglio,“ Ma non per te ”. Sorrise, consegnandoti il ​​libro molto pesante. L'hai preso da lui, leggendo le prime righe, 'Penso che tu sia già consapevole delle tue capacità rispetto ai tuoi compagni di studi, e come tuo insegnante, mi piacerebbe vedere se riesci a eseguire questo incantesimo. La strana si avvicinò al si sedette su una sedia di legno e si mise le mani sulle ginocchia mentre si grattava la barba, 'Senza la mia assistenza.' Sottolineato Stephen, 'Se puoi, posso prendere in considerazione l'idea di spostarti di qualche lezione, e ne dubito onestamente che non sarai in grado di farlo. »Ammise Stephen, sedendosi dritto e incrociando le braccia mentre si appoggiava indietro sulla sedia. Hai deglutito, sentendoti sotto pressione per non deluderlo mentre prendevi un respiro costante. Hai afferrato i bordi del libro, cercando di sopprimere i nervi mentre ti leccavi le labbra.
'Tutto a posto. Ci proverò. 'Hai acconsentito, guardandoti intorno per cercare di trovare qualcosa per reggere il libro,' Posso trovare un banco di libri? 'Hai chiesto, sorridendo a Stephen e sollevando le spalle in questione mentre il libro improvvisamente cominciò a galleggiare. Stephen alzò le dita, un bagliore giallo ai bordi inferiori del libro.
'Lo terrò per te.' Si offrì strano, mettendo il mento nell'altra mano contro il tavolo. Gli hai socchiuso gli occhi, sorridendo e inclinando la testa.
'Pensavo che avessi detto senza la tua assistenza.' Lo hai ricordato, ovviamente stuzzicandolo perché non si trattava di assistenza. Stephen inarcò le sopracciglia, guardandoti come se fossi assolutamente ridicolo.
'Assistenza con l'incantesimo, asino intelligente.' Correggi Stephen, guadagnandoti una risata mentre ti toglievi una cravatta dal polso e iniziavi a sollevare i capelli.
'Certo, le mie scuse.' Ti sei modificato sarcasticamente, ridacchiando ancora per un po 'mentre finivi la coda e ti sporgevi in ​​avanti per iniziare a leggere l'incantesimo, posizionando le mani come ti dicevano. Hai fatto un respiro profondo, sentendoti iniziare a sudare dai nervi per non riuscire a toglierlo. Tuttavia, sapevi che non potevi lasciarti distrarre dai nervi, avrebbero ostacolato la tua concentrazione. Tutto quello che dovevi fare era credere, eri il migliore della tua classe, e Stephen credeva che saresti stato in grado. I tuoi occhi scivolarono sulla pagina, leggendo attentamente ogni dettaglio. Chiudi gli occhi come ti diceva, concentrando tutta la tua concentrazione sul lancio dell'incantesimo mentre iniziavi a muovere le mani verso il basso. Potresti sentire uno sfrigolio davanti a te, dandoti il ​​suggerimento che almeno stavi facendo qualcosa. Agitavi le mani verso l'interno e verso l'esterno, spostandole direttamente come ti diceva il testo. Hai aperto gli occhi, vedendo il bagliore dorato delle linee che avevi creato. Ancora una volta hai guardato il testo, familiarizzando con le sue istruzioni mentre facevi scivolare le mani in aria. Dopo aver terminato il primo passo, ti è rimasta una forma che assomigliava a un prisma esagonale, aprendo le mani verso l'esterno mentre la forma iniziava ad espandersi. La forma ha iniziato a circondarti, hai lottato per mantenere la tua concentrazione costante mentre le dita si contraevano con precisione. La forma scintillava di una luce dorata, gli spazi vuoti tra le linee si riempivano di un bagliore trasparente, formando uno scudo intorno a te. Hai iniziato a sorridere con allegria, ridendo con felicità che sei stato in grado di farlo. Hai lasciato cadere le mani, lo scudo cadendo e frantumandosi in scintille di polvere sul pavimento e presto scomparendo completamente. Hai sorriso a Stephen, con un sorriso soddisfatto sul suo volto mentre annuiva con la testa, 'Molto ben fatto, S / N. Molto ben fatto. Fece un complemento, non sembrò affatto sorpreso mentre si alzava e usava la sua magia per trarre il libro dall'aria e nelle sue mani, 'Non avevo dubbi che non saresti stato in grado. Quell'incantesimo non è facile, anche se ovviamente sei dotato delle arti mistiche. Espressa Stephen, chiudendo il libro e posizionandolo sul tavolo accanto a lui mentre ti sorrideva.
'Grazie.' Hai sorriso come un cucciolo eccitato, camminando verso di lui con le mani tenute insieme di fronte a te, 'Scommetti che posso lanciare alcuni dei tuoi altri incantesimi complicati?' Hai suggerito, alzando un sopracciglio mentre il suo sorriso cresceva, Stephen fa scorrere un libro sul tavolo verso di te.
'Scommetto che potresti. Provaci. 'Ha affermato, i tuoi occhi si illuminano di gioia mentre appoggiavi la punta delle dita sulla copertina del libro.
'Molto bene, allora.' Hai accettato, sedendoti sulla sedia dietro di te e iniziando a sfogliare il libro alla ricerca di cose nuove da imparare. Stephen ha deciso di accompagnarti, sapendo che potrebbe aiutarti in parte, e mentre facevi le tue cose, poteva anche fare alcune cose.
Quindi ti sei seduto, sfogliando il libro e leggendo le cose che dovresti sapere, oltre a provare alcuni piccoli incantesimi senza doverti muovere dalla sedia. Non sapevi da quanto tempo tu e Stephen stavate lì a studiare, tutto ciò che sapevate era che la luce esterna era ora assente e piena di stelle. Ti sei leccato la parte superiore del dito e hai girato una pagina, sentendo molte pagine capovolgere sullo sfondo mentre lo facevi. Alla fine hai alzato lo sguardo, chiedendoti quale fosse tutta la confusione, solo per scoprire Strange che si arrampicava tra diverse pile di libri, 'Cosa stai cercando?', Hai chiesto, tenendo il pollice contro la pagina in cui ti trovavi, così non perdevi il tuo posto.
'C'è un incantesimo specifico che sto cercando. È come se tu lo provassi. »Spiegò, senza alzare lo sguardo dal tavolo mentre sfogliava le pagine. Un sorriso è cresciuto sulle tue guance, sollevando la testa con orgoglio mentre ti metti il ​​mento tra le mani.
'È difficile? Posso gestirlo? ”Sei stato interrogato, emozionato nel vedere quali sfide ti aspettavano mentre Stephen rispondeva con una risposta molto rapida e diretta.
'Sì e sì. Lo farai bene, ne sono sicuro. 'Lui rispose, sbattendo il libro che stava sfogliando dopo aver trovato quello che cercava e tentando di farlo scivolare di lato. Tuttavia, un frastuono delle mani e della direzione fece accidentalmente cadere il libro dal tavolo e sul pavimento. Hai tolto la mano dalla pagina su cui tieni il pollice, raggiungendo il pavimento per afferrare il libro mentre Stephen lo raggiunge. Entrambi l'hai afferrato allo stesso tempo, anche se gli hai tolto la mano per lasciarlo prendere da quando lo stava usando. Mentre lo lasciavi andare, hai studiato le sue mani da vicino, non avendo mai avuto una visione così chiara di loro da quando ha sempre i guanti. Non hai mai notato le cicatrici increspate sulla sua pelle, il danno veramente grave che l'incidente gli ha fatto. Lo hai preoccupato guardandolo mentre riprendeva il libro, sorridendoti per un momento fino a quando non ha guardato di nuovo il libro. Rapidamente, tuttavia, ti guardò di nuovo, notando la tua espressione e agendo rapidamente su di essa, 'Cosa c'è che non va?' Chiese, posando il libro sul tavolo mentre ti fissava. Hai guardato le sue unghie scivolare sulla copertina del libro, sorridendogli in modo che non si preoccupasse.
'Nulla di male. Non ho mai visto la tua mano così vicina prima d'ora. 'Hai detto,' I modelli di cicatrici sono strani. 'Ti sei rivolto, osservando che le cicatrici non erano come niente che tu abbia mai visto prima. Alzai lo sguardo sul viso di Stephens, un piccolo sorriso sui suoi lineamenti mentre ti rendevi conto del gioco di parole che hai appena creato. Stephen sorrise, guardandosi le mani mentre parlava.
'In effetti sono strani.' Ricordò, sorridendoti sapendo che non intendevi fare quella battuta. Hai alzato gli occhi, arricciandoti il ​​naso nel processo per dargli uno sguardo scherzosamente brutto.
'Quella battuta è stata accidentale.' Hai ricordato, 'come stavo dicendo, comunque.' Hai continuato, 'Gli schemi delle tue cicatrici sono più ... strani.' Hai riformulato, cercando di essere più sensibile all'argomento mentre Stephen guardava le sue stesse mani e agitò leggermente le dita.
'L'ho capito prima. Ho fatto molto lavoro con loro, quindi le cicatrici sono molto confuse e sembrano quasi fuori posto. Quindi capisco cosa intendi. 'Ha informato, vedendo i tuoi occhi continuare a fissare le sue mani uniche. Volevi uno sguardo più attento, anche se non volevi essere percepito come strano. Le sue mani erano affascinanti per te, erano come la sua storia di origine su come divenne lo stregone supremo.
'Mi scusi se questa è una domanda strana.' Hai agitato nervosamente le dita contro il tavolo, 'Ma potrei vedere un po 'più da vicino?' Hai chiesto, tendendo la mano in modo da posizionare il suo palmo nel tuo. Stephen ti guardò stranamente per un momento, sorridendo minimamente mentre ti offriva la mano. Gli hai avvicinato il braccio, osservando le cicatrici e le increspature nelle sue mani con preoccupazione. Le cicatrici erano terribili, era quasi come se l'incidente d'auto avesse danneggiato solo le sue mani e le sue mani, l'unica cosa che aveva più valore per lui. 'Mi dispiace che ti sia successo.' Ti sei rattristato, facendo scivolare dolcemente le dita le sue cicatrici ruvide e rattoppate.
'Non scusarti. Se non fosse stato per l'incidente, non sarei nemmeno qui. Stephen lo fece conoscere, sorridendo dolcemente mentre quasi ti rifiutavi di lasciargli la mano. Sei rimasto incantato dalla sua storia di come è arrivato alle arti mistiche, sentendo male che le sue mani hanno dovuto pagare il prezzo per questo. I tuoi occhi erano fissi sui punti sulle sue mani, notando che erano terribili come Stephen aveva sempre gemito.
'Sai, ti lamenti troppo delle tue mani. Non sono poi così male ora che li guardo così da vicino. 'Hai osservato, sottolineando la sua solita arroganza mentre gli sorridevi. Stephen lo derise, scuotendo la testa.
'Che divertente dici che, considerando solo pochi secondi fa, hai definito le mie cicatrici dispari.' Decise dispiegato, ridacchiando mentre finalmente alzavi gli occhi dalla sua mano per correggerlo per pensare che tu pensassi che le sue mani fossero brutte.
'Solo perché sono diversi non significa che siano cattivi.' Hai difeso, 'In realtà mi piacciono abbastanza.' Hai ammirato, sperando che non ti venisse fuori in modo strano, e ora senti che potresti doverti spiegare. Hai alzato gli occhi su Stephen, uno sguardo confuso sul suo viso come se ti stesse chiedendo di elaborare: 'Beh, quello che voglio dire è che ... Io solo.' Ti sei fermato, trovandoti ipnotizzato tenendo la sua mano come erano, 'Ammira come sei arrivato.' Hai confessato, 'Sai ... eri un dottore che era uno stronzo, e ora sei uno stregone che fa uno stronzo.' Hai scherzato, ridendo della tua battuta mentre continuavi tenere la sua mano. Stephen ridacchiò, alzando gli occhi mentre cercavi di essere serio per un momento, 'No, scherzi a parte. Hai viaggiato in tutto il mondo con la speranza di poter aggiustare le mani ed essere di nuovo un dottore. Solo per scoprire che volevi restare e diventare uno stregone. Hai rinunciato così tanto ad avere questa responsabilità. Ora invece di salvare una vita alla volta, ne stai salvando migliaia. 'Spiegai, facendo scorrere le dita sul palmo di Stephens,' È piuttosto sorprendente. 'Hai iniziato a sentirti arrossire, non sapendo cosa ti stava succedendo mentre ammettevi la tua ammirazione per il tuo insegnante e le sue esperienze. Hai guardato Stephens negli occhi, perché una volta stava sorridendo in un modo molto dolce e gentile, ti ha fatto battere il cuore. I suoi occhi erano lucidi, splendendo dall'unica piccola luce nella stanza che era la lampada accanto a te.
'Grazie, S / N. Stephen parlò piano, guardandoti negli occhi mentre continuavi a tenergli la mano, finendo per spremerlo piano dai nervi. Hai iniziato a sentire il battito del tuo cuore, i tuoi occhi non volevano distogliere lo sguardo dal suo sguardo ipnotico. Non sapevi cosa ti stava succedendo, avendo l'impulso di sporgerti in avanti e premergli le labbra, ma non sapevi perché. Non avevi mai provato questo sentimento per lui prima, era sempre una relazione amichevole, non ci hai mai pensato come niente di più fino ad ora. Non puoi controllare il tuo affetto, il respiro si alza mentre apri leggermente la bocca. Sembrava che Stephen avesse intenzioni simili, sporgendosi in avanti sulla sedia come hai fatto tu, fino a quando alla fine le tue bocche si sono scontrate appassionatamente. Hai percepito la sensazione delle sue labbra morbide, accarezzandoti il ​​pollice attraverso le ruvide macchie della sua mano mentre lo sentivi stringere la mano indietro. Ti sei allontanato lentamente, perdendo già il sapore di lui mentre portavi la mano libera per accarezzargli la guancia. Hai sbirciato gli occhi abbastanza da vedere la sua mano che teneva la tua sul tavolo sotto di te, il suo respiro caldo che colpiva la tua pelle mentre ti leccavi le labbra. Alzai lo sguardo, senza provare esitazione quando ti sporgevi di nuovo in avanti, fracassando le tue labbra sulle sue mentre sentivi la sua barba graffiarti il ​​viso. La tua mano gli scorreva lungo la guancia e lungo il collo, trovando la sua strada contro il suo petto mentre lo avvicinavi a te. La mano di Stephens si avvicinò alla tua vita, avvicinandoti a lui mentre si appoggiava più forte contro di te, ma non era abbastanza. Ti sei avvicinato alle sue labbra, chiedendo un ingresso quando il tuo desiderio è stato esaudito. Le tue lingue si incontrarono, la sensazione ti travolgeva di lussuria e desiderio. Gli hai avvicinato la mano al petto e attorno al collo, intrecciando le dita tra i capelli mentre gli lasciavi la mano e la mettevi sulla sua coscia. Non eri sicuro dei tuoi progressi e se avessi dovuto continuare, ma tutto si muoveva così velocemente e tutti i tuoi sentimenti venivano liberati in una sola volta, non riuscivi a fermarti. La tua mano scivolò sulla sua coscia, sapendo dove voleva andare mentre tu gemevi dolcemente nelle sue labbra. Improvvisamente, sentii una perdita di lui vicino a te in pochi secondi, sentendoti improvvisamente vuoto, e le mani di Stephens non ti trattengono più. Hai aperto gli occhi, guardando Stephen in piedi sopra di te e respirando affannosamente. Sembrava turbato, quasi frustrato, 'Mi dispiace.' Stephen si allontanò da te, afferrando i suoi libri dalla scrivania e raccogliendo le sue cose. I tuoi allievi si sono ridotti, preoccupati che fosse colpa tua se si è sentito a suo modo e provano vergogna ora che si stava scusando. Scossi la testa, allungando la mano per cercare di afferrare la mano di Stephens.
'Perché? Ho fatto qualcosa di sbagliato? ”Cominciai a sentire il cuore spezzarsi, non sapendo perché all'improvviso voleva andarsene poiché sembrava volere anche te. Hai notato la tua ultima azione prima che si allontanasse, sentendoti in colpa ora e come se fossero le tue azioni a respingerlo, 'Mi dispiace. Non avrei dovuto farlo. Mi stavo muovendo troppo in fretta ed era il momento sbagliato. Non volevo sembrare in avanti. Io solo ... 'Cominciò a pronunciare il vomito, cercando solo di convincerlo a non odiarti o a voler andartene, ma ti interruppe rapidamente per rispondere alle tue preoccupazioni.
'Non è stato niente che hai fatto. Sono solo deluso da me stesso per aver lasciato che ciò accadesse. »Criticò Stephen, facendo un respiro pesante mentre si allontanava dalla tua presa per la sua mano, impilando i libri uno sopra l'altro. Evitò di guardarti, le sue sopracciglia si corrugarono leggermente mentre era ingobbito.
'Lascia che succede? Lasciaci baciare? ', Hai chiesto, alzandoti dalla sedia sconvolta,' Perché non possiamo baciarci? Non capisco. 'Hai fatto una domanda, facendo un passo verso Stephen e venendo rotto dal sentimento di rifiuto. Stephen fece un respiro profondo, guardando vergognosamente il terreno.
'Sappiamo entrambi che è estremamente inappropriato, S / N -.' Si interruppe, schiarendosi la gola, 'Ms. L / N. Sono il tuo insegnante e tu sei il mio studente. Non dovremmo farlo. ”Giustificò Stephen, guardandoti un'ultima volta prima che si girasse e si avviasse verso la porta. Teneva i suoi libri al suo fianco, il mantello che scorreva dietro di lui mentre sembrava che stesse cercando di andarsene il più velocemente possibile. Hai camminato di qualche passo verso di lui, il labbro tremante e i pugni serrati.
'Stephen ...' Hai mormorato il suo nome, guardandolo fermarsi nei suoi passi dopo averlo chiamato, 'Per favore, non andare.' Hai implorato, pregando che restasse, ma sfortunatamente ha continuato ad allontanarsi da te. Uscì dalla porta, non un'altra parola o uno sguardo. Sospirai, sentendo lo stomaco affondare mentre ti sedevi sulla sedia con facilità. Non ti aspettavi quel tipo di reazione da lui, e durante tutto il bacio che desiderava anche a te, si è semplicemente fermato. Non pensavi nemmeno di provare questi sentimenti per lui, ma sembrava che una volta che voi due foste soli e fissandovi a vicenda, non poteste controllarvi. Ti sei passato le mani tra i capelli, stringendo gli occhi e sporgendoti. Non sapevi cosa fare adesso, sapevi che non avrebbe evitato di vederlo di nuovo da quando era il tuo insegnante, e non eri sicuro di come affrontarlo se volevi parlarne. Hai concluso che dovevi dimenticare che è successo per almeno un po ', che potresti sentire il dolore al cuore e che inizi a stressarti per questo, non ne avevi bisogno sulla tua coscienza. Ti sei alzato, prendendo i libri che avevi riportato al loro giusto posto mentre uscivi dalla biblioteca verso i tuoi alloggi. Quella notte sei andato a dormire con la mente piena, preoccupandoti dell'insegnante per cui provavi sentimenti e vergognandoti di aver mai pensato che sarebbe stata una buona idea agire su di esso. Hai avuto molti problemi ad addormentarti considerando tutto ciò che era nel tuo cervello, ma per fortuna hai fatto almeno un'ora a sdraiarti nel letto. Ti sei svegliato abbastanza presto quella mattina, sentendoti esausto e sfinito. Ti sei alzato dal letto e ti sei vestito, uscendo dalla tua stanza per fare colazione e più tardi per frequentare la tua nuova lezione. Sei uscito dall'edificio verso il cortile, vedendo i tuoi nuovi studenti seduti in attesa che comparisse Stephen. Respirai profondamente e scesi le poche scale di fronte a te, calpestando il terreno di pietra e sedendoti sulla stessa panca su cui hai posato ieri. Eri nervoso nel vedere Stephen di nuovo considerando ciò che è accaduto ieri sera, sapendo che le cose sarebbero state imbarazzanti e molto probabilmente non sarebbero mai state le stesse. Alla fine, Stephen uscì di corsa dalle due porte, scendendo gli scalini e comandando che tutti entrassero nelle loro solite linee formali. Ti sei alzato, attirando per caso il suo sguardo mentre immediatamente distoglieva lo sguardo. Questo ti ha ufficialmente rotto a metà, facendoti male al cuore mentre ti posizionavi alla fine della linea di fondo. Forse dovresti guardarlo di meno se tu fossi nella parte posteriore. Cominciò con una piccola lezione, anche se sapevi che non stavi prestando molta attenzione mentre la tua testa era verso il suolo. Avevi le braccia incrociate davanti a te, sentendo il suo battere solo negli echi delle tue orecchie mentre i tuoi pensieri ti consumavano. Tuttavia, tutti i movimenti improvvisi in una posizione ti svegliano dal sognare ad occhi aperti, affermando la posizione che tutti gli altri avevano e continuando con la tua pratica. Lanci l'incantesimo di fronte a te, agitando le mani come tutti gli altri mentre Strange iniziava a girare intorno al tuo gruppo di studenti. Alla fine iniziò a trotterellare verso di te, volgendoti gli occhi solo quando si avvicinò. Hai provato a far finta che non fosse nemmeno lì, distogliendo gli occhi dalle specifiche sul terreno piuttosto che dai suoi lineamenti. Lo hai sentito sbuffare, il suo strano sospiro ti ha allarmato mentre parlava.
'Menti, signora L / N. Messa a fuoco. Posso dirti di no. 'Ordinò, facendoti rabbrividire ai suoi ordini, sebbene tu li seguissi comunque. Non commenta quasi mai nulla da sistemare quando ti viene incontro. Normalmente ha solo cose buone da dire, e anche tu normalmente l'unico a cui sorride. Sebbene tu potessi vedere con la coda dell'occhio che non c'era sorriso, hai visto il suo solito bagliore e lo sguardo severo e arrogante che dava agli altri. Quello era adesso. Non eri più speciale, ora eri come tutti gli altri studenti per lui, e questo ti ha schiacciato: 'Il tuo incantesimo è trattenere l'orzo. Ho detto di concentrarmi e di raddrizzare le braccia. Hai sentito la gola vicina, il respiro accelerare.
'Sì, maestro strano.' Sei stato costretto a uscire, la tua voce un po 'tremolante come hai fatto come gli aveva detto. Hai visto che ti ha guardato quasi preoccupato per un secondo, notando il tuo comportamento, anche se ovviamente ha cercato di ignorarlo. Se ne andò, continuando a criticare gli altri studenti mentre non riuscivi a rimanere concentrato. La tua mente vagava troppo in questo disordine, non potevi più trattenere l'incantesimo, ma non importava comunque, ora stava guardando gli altri. La lezione è durata almeno un'altra ora e mezza prima che la avvolgessi, correndo immediatamente fuori da lì il più velocemente possibile. Hai fatto qualche passo su per le porte gemelle, scappando nella tua stanza e chiudendo la porta dietro di te. Hai seppellito il viso tra le mani, sentendoti patetico per questo comportamento nei confronti del tuo insegnante. Non sapevi se potevi essere nudo intorno a lui, solo essere ai suoi occhi ti faceva già sentire male. Avevi bisogno di una distrazione di qualche tipo, la tua mente era così turbata che non riuscivi nemmeno a concentrarti sui tuoi incantesimi. Avevi bisogno di toglierti tutto di testa. Sebbene non avessi molti hobby che potrebbero distrarti da questa mentalità, hai pensato che potresti passare il tempo in biblioteca ad imparare cose che probabilmente dovresti sapere per la tua nuova lezione. Ti sei ritrovato a non conoscere alcune delle cose di cui Stephen parlava, forse sarebbe utile studiare alcuni di questi nuovi incantesimi. Respirai profondamente, stringendo il petto mentre ti sporgevi dalla porta e ti avventuravi verso la biblioteca. Quando sei arrivato, hai vagato e salutato Wong, vagando per la navata dei libri e scegliendone alcuni che pensavi fossero adatti. Ti sei portato i libri sul petto, camminando sul pavimento di legno scricchiolante mentre inciampavi dove tu e Stephen avete avuto il vostro incidente. Rabbrividii semplicemente ricordandoti quel ricordo, evitandolo e decidendo di sederti ad un'altra scrivania. Ti sei seduto e hai preso il primo libro, aprendolo e iniziando a procrastinare dai tuoi problemi. Per lo più leggi semplicemente gli incantesimi, tentando di eseguire alcuni dei piccoli in cui ti sei seduto. Continuavi a dare un'occhiata all'orologio mentre studiavi, contando le ore che stavi seduto lì sfogliando quei libri e sapendo che ti sentivi esausto. Tuttavia, sapevi che mettere la testa su un cuscino avrebbe provocato il ritorno di tutti i tuoi pensieri, quindi volevi continuare a distrarti. Sbadiglii, stropicciandoti gli occhi perché non riuscivi a trattenerti dal dormire. Ti sei messo il mento tra le mani, facendo scorrere gli occhi sulla pagina e mettendo ogni centimetro di attenzione che avevi lasciato in ogni parola. Sfortunatamente, ciò non è durato per sempre, poiché hai trovato la testa in cima alla pagina e ti sei addormentato solo pochi secondi dopo. Respiravi quell'odore di libro fresco, chiudendo gli occhi e stringendo la testa contro le braccia. Eri fuori per chissà quanto tempo, non preoccuparti di alzarti e andare nella tua stanza. Poco dopo esserti addormentato, hai sentito un rumore proveniente dalla tua destra, che suonava come passi rumorosi, che risuonavano nelle tue orecchie. Non ti sei preoccupato di ispezionare il rumore, continuando a rilassarti solo finché i passi non si sono fermati. Non hai potuto aiutare, ma senti chi era lì a guardarti, ci occhi che ti giudicano in ogni modo possibile. Sbuffi, cercando di ignorare ciò che sapevi fosse il tuo cervello esagerando la situazione ed essendo drammatico. Poi, i passi ricominciarono, diventando più rumorosi e più vicini a te mentre sentivi improvvisamente una mano cadere sulla schiena.
'Signorina. L / N? ”Una voce familiare ti chiamò, notando che la mano delle persone contro la tua schiena era piuttosto grande. Sollevai le sopracciglia mentre salivi dalle braccia alla luce accecante sopra di te, mettendo le mani sugli occhi e sfregandole delicatamente in modo da poter vedere bene l'essere che ha pronunciato il tuo nome. Eri allarmato, spalancando improvvisamente gli occhi per il panico mentre saltavi e ti sporgevi sulla sedia. Evidentemente è stato un errore, dato che eri molto vicino a precipitare a terra, ma per fortuna il tuo insegnante l'ha colto prima che lo facesse, 'Woah, calmati.' Ridacchia piano, 'Sembra che tu abbia l'abitudine di cadere non è vero? ”osservò Stephen, guardando la tua espressione scossa e chiedendogli rapidamente cosa aveva pianificato mentre si rimetteva la sedia sulle gambe,“ Cosa stai facendo a quest'ora? Dovresti dormire. Stressò Stephen, sporgendosi sulla scrivania e guardandoti con un sopracciglio alzato. Hai inghiottito il nodo in gola, cercando di sederti dritto ed evitare il contatto visivo con le sue pupille grigie di poppa.
'Uh.' Hai faticato a elaborare un pensiero completo, spingendo alcuni dei tuoi capelli dietro l'orecchio e cercando nervosamente di non sembrare privato del sonno, 'Stavo solo studiando. Imparare alcuni nuovi incantesimi per la classe. 'Hai risposto. Stephen annuì, notando il tuo comportamento nervoso e molto probabilmente concludendolo sarebbe meglio se ti lasciasse da solo.
'Va bene.' Si sporse dal tavolo, alzandosi in piedi, 'È meglio che ti addormenti. Come insegnante ti consiglio vivamente di farlo. Non sarai produttivo se non hai l'energia. Era necessario, volgendosi in punta di piedi e iniziando a sporgersi da te. Lo hai visto allontanarsi da te, sentendo che aveva bisogno di restare in modo che entrambi potessi capirlo e almeno essere di nuovo amici. Siete rimasti soli, questo potrebbe essere il momento perfetto per parlare finalmente della tua situazione e risolverla. Era ovvio che eri un disastro nervoso intorno a Stephen, e ovviamente stava cercando di evitare il problema in questione. Entrambi potreste usare questo, potreste dire che stava influenzando anche lui.
'Stephen.' Ti sei alzato dal tuo posto, guardandolo fermarsi sui suoi passi e guardarti alle spalle. Ti guardò per quello che avevi da dire, le ginocchia quasi piegate e la sensazione di crollare sotto di loro, 'Possiamo per favore parlare?' Balbetta, il tuo respiro è instabile mentre Stephen ti guardava con la bocca leggermente aperta . Sembrava scioccato nel sentirti solo dirlo, allontanandoti e sospirando bruscamente prima di camminare lentamente verso di te. All'inizio aveva la testa a terra, ma quando si avvicinò a te la inclinò per guardarti negli occhi.
'Di cosa c'è da parlare, signora L / N -.'
'Smetterai di chiamarmi così!' Urlavi con rabbia, sentendoti come se non avessi alcun controllo su ciò che hai urlato, ma erano i tuoi sentimenti. Ti guardò sbalordito, il suo petto sollevato su e giù con il suo respiro pesante. Ti sei stropicciato il naso, il labbro tremante, 'Per favore, smetti di comportarti come se non mi conoscessi.' Lo hai supplicato, fissandolo con ogni centimetro di speranza che potesse capire. All'inizio ti guardò severamente, sembrando di nuovo come se stesse cercando di rimanere professionale e non aprirsi come aveva fatto per errore prima. Tuttavia, non riuscì a trattenerlo per sempre, sospirando e passandosi una mano sulla fronte e tra i capelli unti.
'S / N ...' Fece una pausa, guardando di lato mentre raccoglieva i suoi pensieri, 'Non possiamo proprio farlo, anche una forte amicizia è un bel passo tra un insegnante e uno studente. Per non parlare del fatto che non ho la migliore esperienza con gli appuntamenti con cui lavoro. 'Ha spiegato,' Non è una buona idea. Questo è un luogo di lavoro, è solo una politica. 'Finì, scrollando le spalle per mostrare che pensava che non ci fosse speranza di farlo funzionare. Hai studiato la sua espressione, vedendo il vero bisogno dei suoi lineamenti, anche se si stava dicendo di no. Hai scosso la testa, avvicinandoti alla sua forma alta.
'Ma che dire di ciò che vogliamo?' Hai raggiunto la sua mano, afferrandola dolcemente e tenendola al tuo fianco, 'La politica non dovrebbe importare se ciò che vogliamo interferisce con essa.' Hai discusso, guardandolo negli altri occhi soffici e senza esitare un po 'con quello che hai detto dopo,' Ti adoro così tanto, Stephen. Mi hai insegnato tutto quello che so. 'Hai stretto più forte la sua mano,' E l'ultimo giorno è stato una sofferenza sapendo che mi hai detto di no. 'Borbottasti, la tua voce si spezzò a metà frase mentre ti sporgevi in ​​avanti e gli appoggiavi la fronte contro il petto. Hai guardato il pavimento, sentendo Stephens respirare sopra di te mentre sentiva la sua mano toccarti la testa.
'Non intendevo in quel modo.' Contrattò, passandosi le dita tra i capelli e alla fine fino alla schiena, 'Sono solo in conflitto.' Ammise, accarezzando la sua mano verso il basso della schiena, finché non sollevò il viso per guardalo.
'Perché? A causa di ciò che il tuo lavoro ti dice di fare? 'Hai chiesto,' Segui semplicemente ciò che i tuoi sentimenti ti dicono, Stephen. Sarai più felice in quel modo. ”Lo hai consigliato, sorridendo leggermente mentre la sua espressione cambiava in ammirazione. La mano di Stephens risalì di nuovo sulla schiena, stringendo la tua mano morbida e piccola che era ancora stretta nella sua. Ha fissato i tuoi occhi E / C con aria contenta, senti lo stesso bisogno che hai avuto ieri. Anche se ora eri titubante, ti avrebbe rifiutato di nuovo? Ti feriresti di nuovo? Non volevi sapere, eri troppo spaventato dalle conseguenze. Tuttavia, sembrava che tu non dovessi fare la mossa, Stephen era finalmente riuscito a decidersi. Stephen si sporse in avanti, premendo le sue labbra contro le tue mentre si avvicinava ancora di più a te. Strinse la tua mano nella sua, spingendoti contro di lui mentre la tua mano libera scivolava sul suo petto. Hai iniziato a sollevarti sulla punta delle dita dei piedi per raggiungere la sua bocca, sentendo la barba grattarti la guancia mentre gli lasciavi andare la mano per coprirgli il viso. Ti sei allontanato per un momento, guardandolo e sorridendo dolcemente, 'Immagino che alla fine hai deciso?', Hai chiesto, vedendo un sorriso incrociare i lineamenti di Stephens.
'Mmmm ... no, penso che ci sto ancora lavorando.' Replicò Sarcasticamente, guadagnandoti una risatina mentre ti rendevi conto di quale stupida domanda fosse. Ti stava baciando, quello sarebbe dovuto essere il motivo per cui ho deciso. Hai alzato gli occhi al cielo, andando ad appoggiarti di nuovo al bacio, ma lui si allontanò con un sorrisetto sulle labbra, 'Woah woah woah. Spero ti ricordi di averti detto se se avessi alzato di nuovo gli occhi su di me, non saresti più il mio studente preferito. »Si prese in giro, facendoti sbuffare e borsare le labbra, il minimo sorriso nella tua espressione.
'Hm, penso che Ill sia sempre il tuo preferito, Maestro Strano.' Hai giocato, accarezzando la tua mano sulla guancia di Stephens mentre alzava la sua mano per intrecciarsi con la tua che giaceva sul suo viso. Ti protesi di nuovo in avanti, premendo le tue labbra contro le sue e stringendogli forte la mano. Gli hai spinto dietro la testa con l'altra mano, intensificando il bacio e avvicinandoti ancora di più a lui. Stavi iniziando a provare lo stesso bisogno che hai provato l'ultima volta, il bisogno di metterlo sopra di te. Ti sentivi di nuovo come se non potessi controllarti, e ora che sapevi felicemente che anche lui voleva te, non provavi rimorso. Hai tirato la tua mano intrecciata con la sua dalla sua guancia, guidando la sua mano verso il basso sul petto e posizionando la mano contro il seno. Potevi sentire Stephen gemere piano nel bacio, allontanarsi e fissarti per un momento con incertezza. Lo hai guardato, prendendogli una mano intorno alla vita e mettendola contro l'altro seno, 'Per favore, Stephen.' Lo hai implorato, mordendoti il ​​labbro mentre tentavi di sedurlo. Sembrava lussurioso, desideroso nei suoi occhi mentre sentivi le sue mani stringere dolcemente il tuo petto. Ti allungai in avanti, afferrando il colletto della sua camicia e tirandolo in un bacio violento. Stephen si appoggiò a te, massaggiando piano il petto mentre iniziava ad avanzare, spingendoti di nuovo contro una libreria. Stephen si staccò dal bacio, attaccando immediatamente il tuo collo e baciandoti bruscamente. Hai alzato la mano per coprire la bocca, reprimendo i tuoi piagnucolii mentre l'altra mano ha trovato la strada per i capelli di Stephens. Si morse dolcemente sul collo, succhiando dolcemente e lasciando definitivamente lividi che sarebbero comparsi più tardi. Hai avuto molti problemi a trattenere i tuoi lamenti, mordendoti il ​​labbro per farti tacere mentre le mani di Stephens vagavano lungo i fianchi e intorno alla vita. Ti ha costretto ad avvicinarti a lui, il tuo corpo ha spinto contro di lui mentre sentivi il suo rigonfiamento contro lo spazio tra le tue gambe. La sensazione emise un piccolo gemito da parte tua, i fianchi che si avvicinavano a lui mentre l'inguine si sfregava contro di te. Si allontanò, guardandoti negli occhi in modo seducente mentre gli restituivi lo sguardo. Respiravate entrambi pesantemente, i vostri volti così vicini che i vostri nasi si bagnavano l'uno con l'altro. L'hai baciato dolcemente, la tua mano accarezzando i suoi zigomi affilati e mormorando mentre ti allontanavi, 'Portami nella tua camera da letto, Stephen.' Hai chiesto sottomesso, guardando in basso verso i tuoi corpi che si muovevano lentamente l'uno contro l'altro. Le mani di Stephens si spostarono sui fianchi, i palmi delle mani sul petto mentre sentivi il respiro contro la pelle.
'Sei sicuro di volerlo?', Chiese, la sua voce profonda e roca mentre respirava pesantemente, senti il ​​battito del tuo cuore nelle orecchie. Ti sentivi caldo e sicuro tra le sue braccia, la sua presa sulla vita ti faceva sentire sicuro. Gli passavi le mani sul petto, accarezzandogli il viso barbuto e sussurrando piano mentre i tuoi occhi si alzavano verso i suoi.
'Non ho mai desiderato qualcosa di più.' Hai risposto, prendendoti un momento per ammirare i suoi occhi grigi prima di piegarti in un bacio dolce. Ti ha baciato indietro con passione, la sua mano ti ha afferrato il viso mentre entrambi ti allontanavi simultaneamente. Hai preso la sua mano nella tua e sei uscito dalla biblioteca, l'orzo è stato in grado di tenere le mani l'una dall'altra finché non sei arrivato nel suo alloggio. Ti ha aperto la porta mentre entravi, sentendo immediatamente Stephen sbattere la porta, ed entrambi siete immediatamente l'uno sull'altro. Ti prese tra le sue braccia, tirandoti contro di lui con le braccia intorno alla vita e le tue intorno al collo. Ti sei baciato d'impulso, Stephen ti ha accompagnato entrambi sul letto e ti ha spinto verso il basso contro le morbide coperte senza staccare le labbra l'una dall'altra. Stephen strisciò sopra di te, le gambe su ciascun lato del corpo e le braccia contro il letto sopra la testa. Le sue labbra vagarono lungo il collo fino alla clavicola, le gambe che si avvolgevano attorno alla sua vita mentre finalmente ti sentivi libero di essere forte. Gemiti in aria, le braccia sopra la testa, cercando di tenere la mano dei tuoi amanti. Le sue dita si intrecciarono alle tue, Stephen si raddrizzò e avvicinò la mano alle sue labbra mentre baciava dolcemente la parte superiore della mano prima di guidarla verso il suo petto. Hai iniziato subito a spogliarlo, facendo scivolare la camicia sulle braccia e lasciandolo a petto nudo. Gli hai fatto scorrere le mani sul petto forte, stringendogli forte le spalle e tirandolo verso il basso in modo che fosse sdraiato contro di te. Le tue mani gli correvano lungo la schiena, Stephen si affrettava a toglierti la vestaglia come una camicia. Ha diviso il tuo abito pezzo per pezzo, gettandolo di lato e fuori mano mentre si chinava e ti baciava sul petto. Ti allungai una mano dietro di te, iniziando a sganciare il reggiseno e Stephen ti strappò immediatamente una volta che era stato sciolto. Ti ha baciato con amore il seno, afferrandolo e massaggiandolo mentre lo faceva. Ti sei lamentato nell'aria sopra di te, le dita che si intrecciavano tra i suoi capelli castani mentre le sue mani correvano su e giù per il tuo corpo. Si alzò, baciandoti le labbra dolcemente mentre iniziavi a togliergli i pantaloni. Ha allungato la mano proprio come te, cercando di sfilare anche gli indumenti intimi. Entrambi siete riusciti a togliersi i vestiti in quello che sembravano pochi secondi, lasciandovi entrambi completamente nudi. Hai tirato Stephen contro di te, la tua mano gli cullava la testa mentre gli baciavi il mento. I tuoi baci risalirono lungo la sua mascella, muovendosi verso il lobo dell'orecchio mentre lo mordicchiavi. Stephen gemette piano alla tua azione, il suono della sua voce burbera ti fece sentire immensamente eccitato. Gli avambracci di Stephens giacevano contro i cuscini dei letti sopra la testa, la sua lunghezza premeva contro la tua femminilità e ti faceva rabbrividire di piacere. Gemiti ad alta voce per la sensazione, alzando rapidamente la mano per coprire la bocca in modo da non allertare nessuno nelle stanze vicino alla tua. Stephen guardò la tua espressione in preda al panico, un sorriso che si allargava dolcemente sui suoi lineamenti mentre rideva della paura che qualcuno ascoltasse entrambi. Ti prese la mano dalla bocca e la strinse forte, beccandoti sulle labbra.
'Sii forte come vuoi. In questo momento non mi importerebbe di meno se qualcuno ci sentisse. Stephen parlò piano, prendendoti la guancia e baciandoti di nuovo mentre si posizionava davanti a te. Hai sentito la sua virilità premere contro le tue parti femminili, la tua schiena inarcata mentre aspettavi che entrasse in te. All'improvviso, il suo petto si premette contro il tuo, la sua erezione ti riempì mentre ansimavi dal suo bacio.
'Oh dio ...' piagnucolasti dolcemente, mordendoti il ​​labbro mentre tiravi le unghie nella schiena di Stephens. Si tirò fuori da te, solo per spingerlo indietro mentre il respiro si bloccava ad ogni movimento. Le tue gambe avvolte intorno alla sua vita sono ancora più strette, le braccia intorno al collo mentre bacia la tua mascella e inizia a muovere lentamente i fianchi avanti e indietro. Ti sei stretto il viso nel collo, ansimando e baciandogli la pelle mentre teneva la nuca. Hai piagnucolato dal piacere ad ogni spinta, mordendoti forte il labbro e corrugando le sopracciglia al minimo. Hai spostato le mani dalla sua schiena, afferrandole per le mani e tenendole strette. Ben presto, il letto cominciò a oscillare avanti e indietro, scricchiolando piano mentre i fianchi si avvicinavano a lui. Ti sei morso le unghie, entrambi iniziando a sudare copiosamente e ad ansimare. Le labbra di Stephens ti succhiarono il seno mentre ti piaceva, la sua mano libera correva lungo il tuo corpo per compiacere il tuo clitoride. I tuoi occhi ruotarono nella parte posteriore della testa, fissando il soffitto con la bocca aperta mentre la sensazione ti travolgeva. Le dita di Stephen si strusciavano in cerchio contro la tua femminilità, l'altra mano ti teneva la guancia mentre ti baciava in modo approssimativo. La sua lingua si intrufolò nella tua bocca, entrambi gemendo nel bacio mentre Stephen iniziò a prendere velocità. Le sue spinte erano più forti, più veloci, facevano tremare il tuo corpo mentre stringevi forte le lenzuola. Gemevi ad alta voce, i tuoi corpi coperti di sudore scivolavano l'uno contro l'altro mentre chiedevi di più.
'Stephen ... altro.' Gemetti, il tuo desiderio divenne il suo comando mentre iniziava a spingere ancora più forte. Ha battuto contro di te, il tuo cuore batteva all'impazzata mentre il piacere è diventato quasi insopportabile. Soffocasti sulle tue stesse parole, imprecando sottovoce mentre sentivi la sua lunghezza spingere dentro e fuori di te. Ti sei contorcuto per il piacere, cominciando a sentirti andare oltre il limite, 'Non fermarti.' Ti ripetevi più e più volte sottovoce, Stephen gemendo dolcemente vicino al tuo orecchio mentre seppelliva il viso tra le lenzuola accanto a te. Si potrebbe dire che anche lui stava per venire, afferrando le coperte e sbattendo ripetutamente le cosce contro di te. I suoi gemiti si fecero più forti, attutiti dai cuscini mentre lo sentivi urlare il tuo nome con lussuria.
'Fanculo! S / N! ”L'hai sentito imprecare, prima che uno shock ti colpisse le ossa, il tuo corpo tremava mentre le dita dei piedi si arricciavano quando l'orgasmo. Tutti i tuoi muscoli si sono tesi, sentendo Stephen che inizia a riempirti mentre veniva. Le tue viscere si strinsero attorno alla sua lunghezza, pulsando mentre tu piagnucolavi nel palmo della tua mano per tenerti tranquillo. Entrambi avete mentito lì, ansimando e fremendo di gioia mentre il respiro accelerava. Lentamente ti ritrovai a calmarti dall'alto, le tue cosce che si schiacciavano contro i lati di Stephens mentre ti rilassavi. Allontanò la testa dalle coperte, guardandoti solo per un momento prima di baciarti amorevolmente le labbra. Il bacio fu lungo e appassionato, Stephen alla fine si allontanò mentre si staccava da te. Rimase sdraiato su di te ancora per un po 'di più, entrambi ti riprendevi dall'orgasmo e ogni tanto ti baciavi dolcemente. Hai rilassato le gambe contro le coperte del letto, tu e Stephens hai toccato il naso mentre gli sorridevi e lo guardavi negli occhi. Lui ti sorrise, appoggiando la fronte contro la tua per alcuni istanti prima di scivolare via da te e sdraiarti al tuo fianco. Ti sei voltato per affrontarlo, appoggiando la testa contro il cuscino freddo e ammirando i suoi bei lineamenti. Stephen sorrise contento, alzando una mano per far passare delicatamente il pollice sulla guancia, lasciandoti con solo un'ultima domanda in mente.
'Allora ... significa che erano una cosa adesso?', Hai chiesto, guadagnando una piccola risatina da Stephen mentre ti mentiva la mano contro il fianco.
'Ho pensato che fosse ovvio.' Notò, sollevando un sopracciglio e facendoti ridere piano alla sua osservazione, 'Ma solo se puoi prometterlo che almeno per ora, questo sarà il nostro segreto.' Proposta proposta, 'Non lo so se tutti gli altri sono pronti per questa relazione. 'Ha scherzato, facendoti sorridere mentre gli afferravi la mano e lo baciavi sulla cima, tenendolo vicino a te.
'Affare.' Sei d'accordo, sorridendo sfacciato e avvicinandoti a lui mentre lo baciavi dolcemente. Ti sei rannicchiato contro il suo petto, Stephen avvolgendoti le braccia forti e avvicinandoti, portando evidentemente la tua notte perfetta a una fine perfetta.

mayordomo negro citas sebastian