Rapito - un racconto

29.4K 27 9 Writer: NatalieJess di NatalieJess

di NatalieJess Segui Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia
Invia Invia ad un amico Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia

Le ombre danzavano sul viso delle ragazze mentre camminava lungo il vicolo. Non si accorse che il ragazzo stava scivolando nell'ombra dietro di lei. Avrebbe potuto seguirla per giorni, ma non sarebbe stato divertente.


Lentamente i suoi passi si fecero più forti. La ragazza si rese conto che era lì e il cuore che batteva più forte accelerò. Poteva sentire l'odore della sua paura. Poteva sentire le lacrime che le scorrevano sulle guance.

Adesso.

Una mano coprì la bocca delle ragazze tirandola nell'oscurità. Ci fu un grido soffocato e poi niente. Tutto ciò che restava per mostrare quello che era successo era un telefono in frantumi che giaceva in una pozza di sangue.

..


linksadss

Potevo sentire l'odore della polvere e del sudiciume. Sentii il duro terreno di pietra su cui ero stato grosso modo scaricato. Dove sono? Ho cercato nella mia memoria una sorta di indizio.

Ero tornato a casa dalla festa e ho deciso di prendere una scorciatoia. Era stato tranquillo, quindi ho sentito dei passi.

Forse è stato il mio pensiero irrazionale o forse sono stato preso dal panico.

pobre ana english

ho urlato nella mia testa e proprio mentre la segreteria suonava il suo tono, una mano ruvida e callosa mi coprì la bocca e mi trascinò nell'ombra. Ho reagito urlando ma quando qualcosa mi si è schiantato contro la testa tutto si è oscurato.

Niente! Non avevo ancora idea di dove fossi e cosa stesse succedendo. Decisi che ero rimasto lì a fare niente abbastanza a lungo.

caer chico edades

Mentre le mie palpebre si spalancavano, una luce aspra brillava attraverso la fessura. Emisi un grido sorpreso e indietreggiai. Strizzai gli occhi guardandomi intorno, cercando di vedere.

supplicò una vocina. I miei occhi si adattarono alla luce e mi guardai intorno cercando di vedere chi aveva parlato.

Ero in una piccola stanza con lavandini e gabinetti. Grime copriva le pareti e il pavimento. Aveva un odore orribile e ci mentivo !! Ho quindi capito che tipo di stanza era. Oh Dio! È semplicemente fantastico! Totalmente il posto dei miei sogni da morire. Non.

Nell'angolo c'era una ragazza, era rannicchiata con le mani e i piedi legati. Sporcizia e sporcizia le rigavano i capelli e i vestiti. Le lacrime scesero lungo le sue guance scarne e poco profonde per gocciolare in grembo. I suoi occhi erano orribilmente iniettati di sangue e circondati da borse nere e blu. Sembrava che non dormisse da anni.

Giaceva nel mezzo della stanza era un corpo. Mi sono reso conto che era ancora un'altra ragazza. I suoi capelli erano stati tagliati grossolanamente ed era coperta di sangue. Solo guardandola, capivo quanto fosse dolorosamente magra. Ho sentito i suoi respiri roca e piagnucola mentre aveva un incubo.

Si interruppe. Ho deciso di non chiedere. Aveva un'espressione dolorosa sul viso mentre ricordava qualcosa. Ciò che stava ricordando era ovviamente ciò che perseguitava l'altra ragazza, Sara, nei suoi incubi.

la sua voce rude ringhiò piano a noi. Mi chiedevo se avesse il raffreddore.

I ragazzi si sono fatti avanti. Schiaffo! La sua mano ha colpito la mia faccia e io ho colpito il muro, duro. Le luci danzavano nei miei occhi e sentivo l'odore di ferro arrugginito del sangue. Ho sollevato una mano sul retro della mia testa ed è tornato ricoperto da un liquido rosso scuro che conoscevo fin troppo bene per essere sangue.

La storia continua di seguito

Storie promosse

Ti piacerà anche