Ti appartengo Phantom of the Opera Fanfiction

STAI LEGGENDO


Ti appartengo Phantom of the Opera Fanfiction

fanfiction

Erik Destler tiene lezioni vocali di Christine Daae da un anno. Un giorno, inaspettatamente, le chiede la mano in matrimonio. Sebbene Erik abbia pianificato la proposta per un po 'di tempo, Christine è completamente impreparata per una domanda del genere b ...

#christine #dramma #Erik #eventuallylove #rapimento #il fantasma dell'opera #suspense



Capitolo 1

6.9K 68 23 Writer: LJangel527 di LJangel527
di LJangel527 Segui Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia
Invia Invia ad un amico Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia

Capitolo 1

Vuoi sposarmi?'


Christine Daaes si fermò a mano sopra l'assegno che stava scrivendo. La sua penna cadde a terra. Sbatté le palpebre e poi di nuovo le palpebre prima di chinarsi per prendere la penna. Che cosa ha appena detto? Devo averlo visto male ...

Sedendosi lentamente di nuovo, guardò Erik Destler dalla sua posizione seduta. Tutto rimase in silenzio per circa tre secondi prima che lei liberasse l'aria con un po 'di risate. 'Molto divertente, signor Destler ...' I suoi occhi erano incollati al suo viso e, da quello che poteva vedere, era molto serio. Un disagio riempiva la sala della musica. Cercando di scrollarselo di dosso, Christine disse: 'Uhm, ok, dove eravamo rimasti?' I suoi occhi tornarono al controllo che aveva precedentemente scritto. 'Quindi, ti devo dei soldi per le ultime quattro lezioni vocali per un totale di 200 dollari, giusto?' Poteva sentire il suo sguardo intenso e con riluttanza alzò la testa per guardarlo per una risposta.


Non hai risposto alla mia domanda, Christine. E come ho detto prima, per favore chiamami Erik. Aveva un tono basso e i suoi occhi la stavano ancora osservando con anticipazione.

Non sapeva cosa dire. Questo era ... bizzarro. Completamente bizzarro. 'Io-non so cosa dire-'


Prima che potesse parlare ulteriormente, lui interruppe: 'Di 'di sì. per favore, Christine. '

Christine non riusciva a credere che ciò stesse realmente accadendo. Era come una sorta di sogno davvero strano. Prima ancora di rendersi conto delle proprie azioni, Christine era in piedi, afferrando la borsa e avanzando verso la porta. 'Sig. Destler, questo è .. veramente non appropriato.' Studiò la sua faccia mascherata sperando che dicesse che era solo uno scherzo. Ciò non renderebbe questa situazione meno imbarazzante, ma almeno ci sarebbe una possibilità di perdono. Per favore, non farlo, signor Destler .. Non stava parlando, quindi alla fine lei disse: 'Perché lo fai? Non ti conosco nemmeno. Ho un ragazzo. E a parte tutto ciò, sei mio insegnante. '

Erik poteva sentirla e vederla scivolare via da lui. Disperatamente, tentò di convincerla. 'La musica che abbiamo creato. Pensaci, Christine. Pensa a cosa abbiamo fatto insieme. E pensa a cosa saremo in grado di fare insieme una volta sposati. '

Le sue parole affondavano sempre di più. È stato tutto così sbagliato. 'A cosa stai pensando? Non mi conosci. Non- '


Per la seconda volta, Erik lo interruppe. Questa volta, ha annunciato con passione: 'Ti amo. Ti amo, Christine. Più di tutto.'

Ora la stava davvero spaventando. Amore? Amore? Si voltò e praticamente corse alla porta. Prima di andarsene e di non tornare mai più, Christine si girò e disse: 'Senti, signor Destler, non so perché lo facciate. Immagino che non lo saprò mai .. Non posso più vederti. I suoi occhi si guardarono attorno nella stanza che pensava fosse sempre così bella. Quindi, scosse la testa e se ne andò, sbattendo la porta mentre usciva. Corse verso la porta di casa sua pregando che non avrebbe cercato di impedirle di andarsene. Una volta fuori, corse in macchina e se ne andò.

Erik rimase in piedi nella sua sala da musica a guardare il luogo in cui si era trovata qualche istante prima. Il suo piano non aveva funzionato. Lo sguardo sul suo viso. Si trascinò barcollando verso la panca per pianoforte e si sedette. Pensavo .. Speravo .. I suoi sogni furono infranti.

Come poteva sapere che non si sentiva come lui? Shed è venuto da lui un anno fa per lezioni di canto e durante quell'anno i suoi sentimenti nei suoi confronti erano cresciuti. Erik era certo che provasse la stessa cosa. C'erano segni, la più importante era la sua capacità di farlo sentire come un uomo. Lo aveva sempre trattato con rispetto. Era ovvio che lo ammirava davvero ... o almeno così aveva pensato.

Ma no. Ovviamente no. Come si può ammirare un mostro? Le sue parole di rifiuto si ripetevano nella sua mente mentre le lacrime invadevano i suoi occhi. Erik fissò un brano musicale che Christine aveva cantato per lui solo dieci minuti fa.

La sua bella voce, la voce che aveva creato, non sarebbe mai più stata ascoltata in casa sua. Quel pensiero gli fece spalancare gli occhi. Il solo pensiero di non sentire più la sua voce o vederla sorridere o sentire la sua risata ha portato alla luce nuovi sentimenti. Non era più triste. Ora era arrabbiato. Come osa? Le mie parole non avrebbero dovuto essere un tale shock! I miei sentimenti sono stati evidenti, no? Gran parte della sua rabbia è stata reindirizzata a una cosa specifica. Lei ha un fidanzato. Oh, come desiderava distruggere il ragazzo, chiunque fosse.

Christine ... Christine ... La disperazione che aveva provato quando era ancora nella stanza stava tornando. Farò qualsiasi cosa per stare con lei. Nulla. Ma lei non mi vuole ...

Un sussulto fuggì dalle sue labbra quando apparve una risposta. I suoi occhi luccicavano. Ovviamente! Pensa solo che non mi vedrà mai più. Oh, quanto ha torto ...

mamá me volvió a poner pañales en el coche

natura

Ed è stato il giorno successivo che Christine Daae è stata dichiarata scomparsa.