Hot Jock Stories Boyxboy

STAI LEGGENDO


hetalia japón y grecia

Hot Jock Stories Boyxboy

Fiction per adolescenti

Godere

#boyxboy #gay #caldo #romanticismo



Capitolo 1

4.4K 47 11 Writer: lordofshad0ws di lordofshad0ws
di lordofshad0ws Segui Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia
Invia Invia ad un amico Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia

Tom Johnson uscì dalla sua classe di biologia, sollevato di aver finito con un altro giorno di scuola. Ci avevano provato solo per una settimana, ma tra la sua vita sociale, la pratica del calcio e le pressioni di essere un anziano, era esausto. Attraversò il corridoio, osservando il mare di persone che si separavano davanti a lui. Ha aspettato questo momento per tre anni. Era un anziano, era il quarterback di partenza, ed era il re indiscusso del suo liceo. Un leader naturale, Tom era il tipo di ragazzo che ad altre persone piaceva seguire. Aveva una personalità rilassata, imbarazzante e un comportamento robusto e bello. Le ragazze lo fissarono a bocca aperta e i suoi amici lo invidiarono. Eppure non gli era mai andato in testa. Non era popolare perché era carino; era popolare perché alla gente piaceva. Si avvicinò al suo armadietto con un branco di amici al seguito. Si strinsero a vicenda, venendo pompati prima dell'allenamento. Quando arrivò il ragazzo che aveva l'armadietto accanto al suo era in piedi sulla sua strada. Tom aveva frequentato una o due lezioni con Nick, ma non avevano mai interagito fino a quando non erano diventati vicini negli armadietti. Silenzioso e timido, Nick non era nessuno, una non-entità letterale nella scuola. Tom gli ha salutato la mattina, ma la conversazione non è andata oltre. Poteva dire che Nick era intimidito da lui, quindi ha cercato di dargli lo spazio di cui aveva bisogno. I suoi amici, tuttavia, non poterono resistere al fastidio del bambino. Nick era più piccolo, più magro e un po 'femminile. Il branco si era impadronito della sua vulnerabilità e le nervature erano quasi costanti. Tom non sapeva come gestirlo. Voleva dire ai suoi amici di stare zitti. D'altra parte, non voleva che i ragazzi lo accendessero. Mentre i suoi amici aumentavano la brutalità dei loro insulti, la pressione per unirsi agli insulti cresceva. Alla fine, il desiderio di impressionare il gruppo ha vinto. 'Fuori dai piedi, frocio.' Disse Tom spingendo Nick. Prima aveva sentito i suoi amici dirlo. Quando Nick si agitò e arrossì la mattina, pensò, questo ragazzo era un frocio. Ma non l'ha mai detto. Mentre le parole gli rotolavano dalla lingua, se ne pentì immediatamente. Non aveva idea di poter colpire un ragazzo così forte. Nick inciampò nella sua roba, sbatté la porta dell'armadietto e corse via rapidamente. I compagni di Toms risero e passarono alla battuta successiva. Tom mise alcuni libri nel suo armadietto, dicendo ai ragazzi che avrebbe studiato per mezz'ora prima delle prove di calcio. Il branco si sciolse e Tom era solo. Il suo viso era rosso e il cuore gli batteva forte nel petto. All'improvviso qualcuno lo afferrò per il colletto. Fu tirato dietro l'angolo e nella stanza degli uomini. Quando si voltò, uno degli assistenti allenatori di calcio si fermò di fronte a lui. L'allenatore Miller era circa un centimetro più basso di Tom e dopo un'estate di sollevamento pesante Tom avrebbe potuto prenderlo. Tuttavia, rimandò naturalmente alle figure di autorità e rispettò i suoi allenatori. Fece un passo indietro e si rilassò. Si raddrizzò la camicia mentre l'allenatore rimbombava: 'Di che cazzo si trattava?' Tom lo fissò senza espressione. 'Ti ho sentito chiamare quel ragazzo una frocio?' egli gridò. Miller fece un passo verso di lui. Sebbene l'allenatore non fosse mai diventato fisico con un giocatore, la sua aggressività innervosiva Tom. 'IO . . . uh . . sì, ho fatto l'allenatore, 'balbettò Tom mentre guardava il pavimento. 'Hai idea di quanti problemi potresti avere per una merda del genere? Saresti fuori dalla squadra. Sospeso. Fine.' Disse Miller. La rabbia aveva lasciato la sua voce. 'Non so perché l'ho detto.' Disse Tom. 'Onestamente, non mi piace quel Coach.' 'Stavi cercando di impressionare i tuoi amici idioti.' L'allenatore fece di nuovo un passo verso di lui e lo guardò negli occhi. 'Hai praticamente tutto quello che fa per te. Sei dannatamente bello, sei atletico, non stupido e un leader naturale. È tempo per te di fare un passo avanti e di essere un uomo. Devi dare il tono a quei ragazzi. Ti seguono. Non dimenticarlo. ' 'Lo so.' Disse Tom. Gli sembrava di essere stato urlato da suo padre. La vergogna e la delusione erano peggiori della paura della punizione. 'Ill dirgli che mi dispiace. La prossima volta che lo vedo. ' 'Fallo oggi. OK?' disse l'allenatore. 'L'ultima cosa di cui il bambino ha bisogno in questo momento è essere molestato da un ragazzo come te. Probabilmente ti guarda. Cerca di essere l'uomo che ti immagina di essere. ' Miller se ne andò senza dire un'altra parola. Tom si sentiva un idiota. Rimase in bagno per dieci minuti e decise di sistemare le cose con Nick. L'allenatore aveva ragione. Era troppo bravo per questo tipo di stronzate. Era tempo per lui di farsi avanti. * * * * * Nick Walsh corse a casa dopo la scuola, vicino alle lacrime. Aveva il collo caldo e bruciante e il petto gli faceva male. Prima era stato chiamato un finocchio, e non lo aveva mai infastidito così tanto. Ma quando Tom Johnson l'ha detto, lo ha tagliato al nocciolo. Era schiacciato. Tom era stato gentile con lui, perfino amichevole, e sembrava troppo bello per essere vero. Durante la settimana, si convinse che Tom era meglio di quanto pensasse che potesse essere un ragazzo del genere. Ha persino iniziato a intrattenere l'idea che a Tom potesse piacere. Era una fantasia, ma c'erano delle basi nella realtà. Tom era il sogno bagnato di ogni ragazzo gay diventato realtà. Alto con spalle larghe, il suo corpo era avvolto nei muscoli. I suoi capelli biondo scuro erano tagliati corti, la mascella quadrata, i suoi occhi castani penetranti. Popolare e atletico, aveva una personalità da abbinare al suo aspetto. Ha persino iniziato a inviare a Nick una piccola onda quando sono passati nei corridoi. E poi . . . 'fuori dai piedi frocio.' L'intera fantasia è crollata. Tom era solo un altro coglione. Non gli sarebbe mai piaciuto Nick, non come un amico, e certamente non nel modo in cui Nick voleva essere apprezzato. Era di sopra a cambiarsi i vestiti quando sentì suonare il campanello. Aprì la porta principale e Tom Johnson si fermò di fronte a lui. Nick era un'altezza e un peso rispettabili, 510 'e un definito £ 160, ma si sentì sminuito da Tom. Tom indossava una t-shirt bianca senza maniche e pantaloncini di cotone grigio che si aggrappavano ai suoi quadricipiti. Si passò una mano tra i capelli e gli chiese se poteva entrare. Nick annuì e si fece da parte, esterrefatto. Tom entrò nel soggiorno e si sedette sul divano. Spalancò le gambe e Nick poté vedere il lungo rigonfiamento del suo cazzo attraverso i suoi pantaloncini. Nick cercò di non fissare mentre si sedeva. Nella sua testa, urlò a se stesso per non aver detto nulla. Perché non poteva dire niente? 'Ascolta, oggi quando ho detto, uh. . . quando ti ho chiamato a, uh. . . frocio, non avrei dovuto dirlo. Non so perché l'ho fatto. Immagino che stavo solo cercando di impressionare i miei amici. Mi dispiace.' Le parole uscirono dalla bocca di Toms tutto in una volta, e Nick capì che le intendeva. Fissò la splendida faccia di Toms. Il fatto che questo pezzo fosse così sconvolto nel chiamare un ragazzo un nome lo rendeva ancora più attraente. La sua fantasia, momentaneamente imbronciata, era tornata e più forte che mai. 'Anche il branco ti lascerà in pace. Non lascerò più che ti trattino in quel modo. Tom proseguì, sperando in una risposta. 'Grazie.' Nick disse a bassa voce: 'È davvero fantastico da parte tua, Tom.' 'Ehi, amico, non so se ci sei dentro, ma ho dell'erba nella mia macchina se vuoi radunarti.' Disse Tom con un sorriso. 'Voglio dire, se avessimo trascorso l'anno come vicini, dovremmo conoscerci, giusto?' 'Sul serio?' Nick disse: 'Sì, sarebbe fantastico.' Presto furono nel cortile a fumare. Si sdraiano sulle panchine, ammirando gli ultimi raggi del sole estivo. Non parlavano di nulla. Nick era troppo nervoso per parlare ed era terrorizzato che avrebbe rovinato tutto. A Tom piaceva il silenzio. Fu una gradita risposta dal costante chiacchiericcio dei suoi amici. Il sole era caldo sulla sua pelle e si tolse la camicia senza pensarci troppo. Gli occhi di Nicks si spalancarono per lo stupore del corpo che fu rivelato. Era ovvio che Tom fosse muscoloso, ma Nick non aveva idea che il ragazzo fosse stato fatto a brandelli. Ogni muscolo del busto si increspò mentre si sistemava di nuovo sulla panca. I suoi pettorali erano due enormi lastre con sopra perfetti capezzoli di un quarto di dimensione. Nick rubò un'occhiata ogni volta che poteva, cercando di non fissare. Dopo altri cinque minuti, Tom si agitò, 'Amico, sono inaridito. Ti dispiace se prendo un bicchiere d'acqua? Nick si alzò e Tom lo seguì in casa. Riempì un bicchiere e lo porse a Tom, che lo deglutì. La sua enorme mela Adams rimbalzò mentre deglutiva. Gli occhi di Nicks vagarono lungo il torso di Toms fino alla perfetta V che incorniciava l'inguine. Una chiazza di capelli scuri, tagliati vicino alla pelle, scendeva nei suoi pantaloncini sopra un magnifico rigonfiamento. Nick non si rese conto che stava fissando finché Tom non disse: 'Che succede amico?' Nick arrossì e fece un passo indietro. 'Niente.' Balbettò. Tom si sedette su uno sgabello. 'Sei gay, vero?' Nick mormorò qualcosa e distolse lo sguardo. 'Scusa, amico,' disse rapidamente Tom, 'È stato un po 'personale. Mi sembri davvero buttato via ogni volta che mi circondi. ' 'Sì, sono gay.' Disse Nick. Era la prima volta che lo diceva a qualcuno. Poi aggiunse rapidamente, senza pensare: 'E tu, davvero, molto sexy'. Nick arrossì e distolse lo sguardo, picchiandosi dentro. Perché cazzo l'ha detto? Prima dice al ragazzo che è gay. Poi gli dice che è sexy. Di che cazzo si trattava? 'Sono solo un ragazzo.' Tom disse, ignorando l'osservazione, 'Non devi essere intimidito'. Nick continuò a fissare il pavimento. 'Va bene se guardi il mio corpo, amico. Non andrò fuori di testa o altro. Disse Tom. 'Forse allora non saresti così timido con me. Se hai appena preso tutto, puoi rilassarti un po '. Nick alzò lo sguardo. Fissò il petto di Toms, quindi alzò brevemente lo sguardo sul suo viso. Tom sorrise e il cuore di Nicks si sciolse. Perché questo ragazzo doveva essere così caldo e gentile con lui allo stesso tempo? Il suo cazzo pulsava e aveva bisogno di un minuto per riunire la sua mente. I suoi pensieri erano offuscati dall'erba. Fece un passo indietro e fece finta di aver bisogno di più acqua. Tom lesse la mossa e quasi istintivamente afferrò Nick per il polso. Spostò lentamente la mano di Nicks sul petto e appoggiò il palmo aperto contro la sua pelle. Nick non ha provato a staccarsi. Tom non aveva idea del perché avesse raggiunto Nick, e gli girava la testa. Sapeva che Nick aveva una cotta per lui e che gli stava dando quello che desiderava, ma sembrava un gioco. Stava prendendo in giro Nick. Facendogli pensare che avrebbe potuto ottenere qualcosa che Tom non avrebbe dato. Tom ruppe il silenzio. 'Hai mai toccato un ragazzo come questo prima?' Nick scosse la testa no. 'Va bene.' Disse Tom mentre lasciava andare il polso di Nicks. Nick mosse la mano sul petto muscoloso. La pelle era un po 'sudata e le sue dita scivolavano attorno ai capezzoli di Toms. Il tocco divenne improvvisamente erotico e Tom si irrigidì. Nick fu preso dal panico e allontanò la mano. Qualcosa in Tom voleva dare a Nick la possibilità di esplorare la sua sessualità. Continuava a sentire la voce degli allenatori che gli diceva di essere l'uomo che Nick immaginava di essere, e lasciare che un ragazzo si toccasse il petto non era troppo strano. A un livello più profondo e viscerale, il contatto con i suoi capezzoli aveva svegliato il suo cervello di lucertola. Ha percepito un'opportunità per il sesso; un'occasione per piantare il suo seme. Tom non era a conoscenza del desiderio, ma poteva sentire il suo corpo proteso e cercare di attirare Nick. Afferrò di nuovo la mano di Nicks e se la posò sullo stomaco. Ha lavorato duramente tutta l'estate, tagliando le sue calorie come un mostro per ottenere un pacchetto di sei increspature. Era orgoglioso dei suoi addominali da tavola e li avrebbe persi una volta che si fosse ammassato per il calcio. Nick guardò i suoi muscoli, ammirando la forza e le dimensioni del suo telaio. Senza pensare Tom allungò la mano e mise una mano sul petto di Nicks, sentendo il suo corpo attraverso la camicia. 'Dovresti allenarti, amico. Hai una buona corporatura. ' Disse Tom. Spostò la mano sullo stomaco di Nicks. 'Youd ha messo i muscoli in pochissimo tempo.' 'Tu pensi?' Disse Nick respirando a fatica. 'Sì amico. Dovresti iniziare ad allenarti con i ragazzi. ' La parte razionale del cervello di Toms era tornata in controllo. Era così che avrebbe inventato le cose a Nick. Gli avrebbe insegnato come sollevare, presentarlo ai ragazzi in palestra e lasciarlo andare in giro con il branco. Nick si sentirebbe meglio con se stesso e sembrerebbe migliore per averlo aiutato. È stata una vittoria. 'Sarebbe così bello.' Disse Nick. Tom si alzò e bevve un sorso d'acqua, lasciando cadere la mano di Nicks dal suo corpo. Rimasero goffamente in silenzio per mezzo minuto, e Nick cominciò a preoccuparsi che avrebbe avuto la possibilità di entrare nei pantaloni di Toms. Aveva un atleta in piedi nella sua cucina che si era spogliato e gli aveva lasciato sentire il corpo. Qualunque cosa stesse succedendo, che fosse stata l'erba o qualcos'altro, poteva percepire che la guardia di Toms era giù. Radunò il suo coraggio e allungò la mano verso lo stomaco di Toms. Non appena Nick prese contatto Tom si ritrasse dal tocco. Nick lo guardò terrorizzato. Ci volle un secondo, ma poi sorrise. Raddrizzò le spalle e disse: 'Va bene.' Questa volta cercando di rassicurarsi tanto quanto Nick Nick si passò le mani sugli addominali di Toms, solo una volta guardandolo negli occhi. Tom sembra vulnerabile, ma in qualche modo ancora sotto controllo di controllo. 'Mi piacerebbe avere uno stomaco così', disse Nick, cercando di mascherare il commovente come ammirazione piuttosto che un progresso sessuale. Tom non l'ha comprato. 'Da quanto tempo mi hai voluto?' 'Non lo so, da quando ti ho visto.' Disse Nick. Arrossì di nuovo. Tom si sentì perdere il controllo. La mano sul suo stomaco era incredibile. Era un diverso tipo di tocco - per niente come una ragazza. La mano di Nicks era più ruvida e il suo atteggiamento rasentava l'adorazione. Tom non aveva mai avuto una persona così interessata a lui prima. Il suo cazzo ha iniziato a muoversi. Voleva impressionare questo ragazzo, mostrargli quanto fosse un uomo, prenderlo, conquistarlo e possederlo. Si raddrizzò sulla schiena, rendendo il suo corpo più grande e più intimidatorio. Quindi si tirò indietro le spalle, facendo espandere il petto e gli addominali a contrarsi. Poteva fare quello che voleva con Nick, e il suo cazzo ha deciso che voleva di più. Afferrò la mano di Nicks per il polso e la spinse più in basso. Quando le dita di Nicks entrarono in contatto con la cintura dei suoi pantaloncini, Tom li guidò sotto il tessuto. Lasciò andare e sentì le dita di Nicks muoversi nei suoi pub. Il suo ultimo pensiero razionale fu che non avrebbe dovuto approfittare di Nick. Qualunque cosa fosse successa tra loro oggi era il massimo che ci potesse essere. Non aveva intenzione di continuare le cose al di fuori delle strane circostanze di quel pomeriggio. Sapeva che stava guidando Nick, creando aspettative che non potevano essere soddisfatte. Quindi le dita di Nicks si strinsero attorno al suo cazzo e lui smise di pensare. La mano di Nick passò la testa del suo cazzo e afferrò il suo albero. Tom era duro come l'acciaio e, quando guardava avanti, gli occhi di Nicks erano davanti ai suoi. Il ragazzo sembrava terrorizzato ed euforico allo stesso tempo. Questa è stata la sua prima esperienza sessuale, ricordò Tom. Fino a dieci minuti fa non aveva mai toccato un ragazzo. Inoltre, Tom era l'uomo dei suoi sogni. Slegò il laccio che teneva i pantaloncini sollevati e li lasciò scivolare giù. Quindi uscì dal tessuto fragile. Nick si è tenuto la mano sul cazzo tutto il tempo. Tom non aveva bisogno di pensare a cosa sarebbe successo dopo. Aveva abbastanza esperienza per sapere come muovere le cose. Mise una mano sulla spalla di Nicks e lo spinse delicatamente verso il basso. Fu sorpreso dalla rapidità con cui Nick obbedì e si inginocchiò. Nessuna resistenza, nessun secondo pensiero. Il calore che si alzava dall'inguine di Toms lo chiamò e improvvisamente fu affrontato dal cazzo di Toms. Davanti a lui spiccarono nove pollici di virilità intatta e velata. Lo fissò meravigliato, praticamente sbalordito dal grosso cazzo. Tom era veramente l'intero pacchetto. Se quella mattina avessi chiesto a Tom di essere risucchiato da un ragazzo, ti avrebbe detto che non lo avrebbe mai fatto. Ora, incastrato dalla situazione e dall'atteggiamento devozionale di Nicks, si rese conto che non era troppo irritato da chi ha succhiato il suo cazzo fintanto che ha ottenuto il suo dado. Sorrise a Nick, che sembrava spaventato. 'Basta esplorare.' Disse Tom appoggiandosi al bancone. Nick mise le mani sulle cosce di Toms e fu immediatamente sorpreso dalla loro durezza e dal loro calore. I muscoli di Toms si contrassero sotto la sua pelle stretta. Sapendo che questo non era il tipo di esplorazione che Tom si aspettava, portò le sue labbra alla testa del cazzo di Toms. Lo lasciò scivolare in bocca. Era il primo cazzo che avesse mai succhiato, e si trovò di fronte al gusto, all'olfatto e al calore della virilità di Toms. Il tempo trascorso fuori aveva creato un sudore salato e un'aria calda e muschiata si sollevava tra le sue gambe. Nick afferrò le palle di Toms. Erano grandi e pesanti nella sua mano. Il sacco di Toms sembrava di seta mentre le sue noci rotolavano tra le dita di Nicks. Con la testa del cazzo di Toms ancora in bocca, Nick mise le mani sul culo di Toms, spostandole lungo la parte posteriore delle gambe dei jockey. Mentre si aggrappava ai polpacci di Toms, Tom si piegò e avanzò. Il suo cazzo si spinse più a fondo nella bocca di Nicks. Nick succhiava avidamente la testa del cazzo di Toms, dondolando su e giù mentre le sue mani si strofinavano i polpacci. Tom lo guardò. 'Tutto quello che hai immaginato?' 'Meglio.' 'Sei un naturale.' Tom disse: 'È bello.' La grande mano di Toms si mosse sul collo di Nicks e salì sui suoi capelli, facendo tremare la schiena di Nicks. Giocava con i lunghi capelli castani e gli accarezzava il cuoio capelluto. Nick si trasformò in mastice sotto le gentili manovre, e lentamente Tom spostò la bocca dalla punta del suo cazzo sul suo albero. Nick ha permesso a Tom di prendere il controllo. Si baciò lungo il pozzo e poi afferrò i folti pube alla radice del grosso cazzo di Toms. La pressione sulla parte posteriore della testa non mollò. Tom lo spinse più in basso. Mentre Nick scendeva nella spazzatura di Toms, sentì le cose diventare più calde e umide. Inspirò profondamente. Tom aveva l'odore di un uomo. Fu un momento di conferma per lui. Solo un ragazzo gay poteva amare quell'odore e sicuramente lo adorava. Tom lo spinse a pugni. Erano la più grande coppia di testicoli che Nick avesse mai visto, negli spogliatoi o nel porno. Erano bassi dal corpo di Toms ed erano molto più grandi di quanto si fossero sentiti in mano. Sembravano un paio di uova, che oscillavano tra le sue gambe. Nick le palpò e baciò una delle sfere prima di guardare Tom. 'Cazzo selvaggio, eh?' Tom sorrise, 'Questo è il nostro sporco segreto di famiglia.' Nick continuava a fissarlo. Erano più grandi della vita. 'Baciali di nuovo.' Sibilò Tom. Tom si appoggiò contro il bancone e aprì le gambe. Non solo i suoi matti erano enormi, erano anche la parte più sensibile del suo corpo. Niente lo rendeva più felice di una bocca calda e bagnata che succhiava i suoi creatori di neonati. Un pazzo era la sua virilità - ecco da dove proveniva tutto - e mostrare loro un certo apprezzamento era sinonimo nella mente di Toms di mostrargli il rispetto che meritava. Le ragazze evitavano sempre i suoi matti. O erano disgustati dalle loro dimensioni o spenti succhiando il sacco di un uomo. Tom aveva Nick completamente sotto il suo incantesimo ed era determinato a ottenere un buon lavoro con la palla dall'incontro. Nick si è succhiato un dado in bocca e ha guardato Tom. Il suo enorme cazzo era sopra di lui, il prepuzio rotolò indietro intorno alla testa. Il corpo perfetto di Toms giaceva oltre. Era una posizione opprimente in cui trovarsi. Uno stallone che lo fissava, un gallo in faccia, cosce muscolose su entrambi i lati e l'odore e il calore del corpo di Toms. È diventato un po 'matto mentre si tuffava nella giunca. Tom gemette forte. 'Sì.' gemette, 'Cazzo sì.' Toms afferrò i capelli di Nicks e iniziò a muovere la testa di Nicks attorno al suo sacco. Nick succhiava e leccava mentre Tom dirigeva la sua bocca da sinistra a destra, sotto i suoi dadi e sopra di loro, nella piega tra le sue gambe e poi di nuovo nella sua spazzatura. Nick lo stava sbavando dappertutto e, mentre la sua testa veniva spinta in giro, la sua stessa saliva lasciava un film lucido sul suo viso. 'Oh, sì, sì,' gemette Tom. Abbassò lo sguardo su Nick, che lo stava fissando. 'Stai andando bene, amico. Potrei stare qui per sempre. 'È così fottutamente caldo,' disse Nick mentre parlava con il cazzo di Toms. Tom spostò la mano sul suo cazzo. Mentre Nick si succhiava le palle, si passò la testa sul cazzo tra i capelli di Nicks. Adesso stava perdendo come un rubinetto, e un flusso costante di precum si riversò sul cuoio capelluto di Nicks. Era sporco, pensò Tom. Non sembrava giusto trasudare acqua di cane su qualcuno a loro insaputa. Vedere crescere il disordine accecato alimentò la sua frenesia e quando i capelli di Nicks si sfregarono il glande, si rese conto che si stava avvicinando al cumming. Tom si sporse in avanti e spinse il suo corpo contro la faccia di Nicks. Sorprendentemente, Nick si spinse di nuovo contro di lui. Tom mise la sua spazzatura nella bocca impaziente, mentre scuoteva il suo cazzo. La sua mente era completamente vuota. Stava solo cercando di scendere. Nick intuì che Tom era al limite e prese i pantaloni per il suo cazzo. Era così duro e arrapato che ci vollero solo alcune manovre perché il suo orgasmo ribollisse. Tutto il suo corpo si agitò e il suo respiro divenne irregolare. Sentì una spessa fune di sperma che correva lungo il suo stelo ed esplose nei suoi jeans. Seguirono altre cinque raffiche di semi e lui sentì ognuna. Fu l'orgasmo più selvaggio e intenso della sua vita. Il volume di sperma gli riempì le mutande e gli coprì la mano. I suoi sogni e le sue fantasie si erano avverati: in realtà aveva la sua bocca sulle noci di Tom Johnsons. Assapora ogni contrazione e ondata di piacere. Tom guardò il corpo di Nicks tremare. Poteva dire che Nick stava cumming perché non si stava nemmeno più succhiando le palle. Invece, stava solo respirando affannosamente contro il suo sacco. Scoppi alternati di alito caldo e umido e aria fresca formicolavano sulla pelle dello scroto. Ciò che lo eccitò ancora di più fu il fatto che Nick era disposto a sborrare in quel modo. Il viso inceppato tra le gambe, completamente preso dall'atto di servirlo, così caldo che si fece esplodere il carico nei pantaloni. Fu un incredibile viaggio di potere e si sentì forte e potente. Nessuno aveva mai fatto il proprio godimento sessuale su di lui prima. 'Sono pronto', disse Tom ad alta voce. 'Cazzo, ho intenzione di venire.' Senza pensarci due volte, Nick spostò la bocca verso la testa del cazzo di Toms. Tom lo guardò, sorpreso dal fatto che Nick stesse davvero cercando di farsi sborrare in bocca. Questo, ancora una volta, era qualcosa che le ragazze non avrebbero mai voluto fare. 'Lo vuoi?' Chiese Tom. Aveva il viso sudato ed era tutto sorrisi. Non aspettò che Nick rispondesse. 'Sì, sì.' Mosse la mano lungo il lato della faccia di Nicks e poi si fece scivolare un dito in bocca. Nick lo succhiò immediatamente. 'Sì, ​​avrai un grosso carico del mio sperma. Preparati.' Nick borbottò qualcosa mentre Tom si tolse il dito e fece scivolare la punta del suo cazzo tra le labbra di Nicks. Si lasciò andare e cominciò a far esplodere il suo carico nella bocca di Nicks. Nick aveva già assaggiato il suo sperma prima, ma il sapore di Toms era diverso e il modo in cui gli aveva appena inondato la bocca era intenso. Si riversò sulla sua lingua in globi salati e spessi. Nick lo spinse in giro, rompendolo mentre continuava a parlare il glande di Toms. Tom aveva una mano sul suo cazzo e una sulla testa di Nicks, e tenne entrambi fermi mentre scaricava. Anche se Nick avesse voluto allontanarsi, non sarebbe stato in grado di farlo. Quando Nick guardò verso l'alto, rimase stupito. Tutto il corpo di Toms si contrasse. I muscoli del suo petto si gonfiarono. I suoi addominali erano stretti e rigidi. Quindi il suo cazzo pulsava e scaricava un altro grosso globo di sperma in bocca. Questo è successo almeno cinque volte prima che i fianchi di Toms smettessero di muoversi e il suo cazzo si fosse asciugato. Continuò a rabbrividire e la sua canna rimase dura come una roccia nella bocca di Nicks. Tom emise un forte sospiro e si chinò all'indietro. Scosse la tensione dai suoi muscoli e poi si allontanò da Nick. Il suo cazzo cominciò ad ammorbidirsi e si rimise i pantaloncini. Nick lo fissò, chiedendosi se stesse sognando. Gli occhi di Tom si abbassarono sul corpo di Nicks e notarono l'enorme macchia bagnata nei pantaloncini di Nicks. Sembrava che Nick si fosse incazzato i pantaloni. 'Gesù, fratello, è tutto sborra?' chiese. Nick arrossì e si guardò. 'Sì', disse, 'sono una specie di tiratore.' 'Faresti meglio a tenere quel cazzo lontano da una figa, perché farai bussare un pulcino in un secondo.' Nick sorrise. 'Non credo che succederà.' Tom finì il bicchiere d'acqua che sedeva sul bancone prima di indossare i suoi vestiti. 'Devo andare.' Ci fu un momento di imbarazzante silenzio. Nessuno dei due sapeva cosa fare dopo. 'Immagino che dovrei dire grazie.' Disse Tom. 'Sono quello che dovrebbe dire grazie.' Disse Nick. 'Beh, non credo di doverlo dire, ma. . .' 'Non preoccuparti,' disse Nick. 'Non lo dirò a nessuno.' 'Bene, ci vediamo domani allora.' Disse Tom mentre si voltava per andarsene. Nick era in piedi nel mezzo della stanza, respirando gli ultimi fumi del loro accoppiamento. La paura e l'insicurezza post-orgasmo erano tornate. Non aveva idea di come Tom, il signor Straight Jock, avrebbe affrontato il fatto che gli aveva permesso di farlo saltare in aria. Nick sapeva di non aspettarsi molto. Spero che Tom non inizierebbe a ignorarlo. Si alzò e fece una rapida scansione della cucina. Non voleva che i suoi genitori tornassero a casa e trovassero un po 'di sperma da qualche parte. Aprì una finestra per aerare la stanza. Quindi andò in camera sua, lubrificò il suo cazzo, chiuse gli occhi e rivisse tutto. --- Grazie per aver letto e spero che ti sia piaciuto. Charlie - cosmic709@yahoo.com.

mi primera historia de experiencia lésbica