Dominatamente suo

STAI LEGGENDO


Dominatamente suo

romanticismo

Cassidy Winters era una sottomessa volontaria, con un segreto attento che nascondeva al suo ex Maestro. Lo shock arrivò inaspettato e lui le aveva ordinato di valzer. Valzer fuori dalla sua vita, cioè. Nuovo giorno, nuova vita. Si sono incontrati in un bar appena scoperto, passione ...

#bdsm #Catene #contrarre #dominante #manette #maestro #obbedire #punizione #rifiuto #romanticismo #tristezza #sexy #schiavo #sculacciata #Sculacciami #sottomesso #fruste



6.1 Il gioco Sharpie | Parte 2 |

Inizia dall'inizio di LiamOwnsAPetDragon Segui Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia
Invia Invia ad un amico Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia

Si strofinò la durezza del seno, poi si fermò. Ho sentito una cosa fredda contro la mia vita, odorava di gomma. Mi sollevò leggermente, tirò una larga cintura di gomma sotto di me. Lo allacciò stretto, attaccando gli anelli ad altre corde che presumibilmente erano legate al letto. Ora non riuscivo nemmeno a muovere il busto. Poi ho sentito le cinghie scendere dalla cintura, avvolgendomi attorno alla coscia destra. Stava mettendo il vibratore a bacchetta nel suo supporto, me lo fissava, quindi non potevo sfuggire al ronzio intenso contro il mio duro clitoride.

Girò la bacchetta su un'impostazione bassa. Ho provato a reprimere la sensazione, ma sono stato completamente immobilizzato. Come per il solletico, dovrei semplicemente sopportarlo.


linksadss

Dopo aver acceso il vibratore, è tornato al mio seno. 'Sei così bella così,' mormorò, facendo scorrere le mani su tutta la carne calda. Cominciò a colpire il seno, all'inizio leggermente. Potevo sentire la differenza nel modo in cui la carne rispondeva di solito, c'era una leggera risposta ai colpi riverberanti, ma ora il mio seno era così stretto, come se da loro fosse stata tirata fuori tutta la morbidezza. L'intero seno legato si innalzava contro le corde avvolgendolo ad ogni schiaffo. I colpi divennero feroci.

Adesso gemevo, canticchiando contro il bavaglio che mi costrinse ad allargare la bocca. Cominciai ad entrare nella zona in cui volevo solo di più, dove il dolore si attenuava e ogni schiocco sembrava una calda ondata di piacere che mi attraversava. Si pizzicò un capezzolo, tirò e scosse il seno, e io sgorgai con l'umidità contro il vibratore formicolio. Tirò l'altro capezzolo, tenne il seno su un lato e sbatté contro l'altro. Se avesse continuato per un altro minuto, sarei venuto, ne ero sicuro. Ma lo sapeva e si rilassò per un momento.

Mi leccò, succhiò i capezzoli, li morse leggermente, poi tornò a schiaffeggiarli. Dopo diversi schiaffi, ha iniziato a frustarli con il fustigatore in pelle scamosciata. Questo è stato gentile rispetto agli schiaffi, quindi mi sono abbassato di una tacca. Poi ho sentito il raccolto. Stava usando quello con un piccolo custode a forma di mano all'estremità. Sentii il forte pungiglione e il conseguente tonfo rabbrividire attraverso di me. Sapevo che dovevo avere un impronta sulla mia pelle. Mi ha tagliato i capezzoli, le tenere parti inferiori dei miei seni, fino a quando non sono stato di nuovo sull'orlo della venuta.

No, no ', ha detto. 'Non puoi venire finché non lo dico io.' Posò il raccolto e scartò le corde di gomma che a questo punto erano quasi incastonate nelle mie tette gonfie. Mentre le associazioni cadevano, ho sentito un frastuono della circolazione sanguigna così intenso che sono quasi tornato.

Mi ha massaggiato il petto in modo rassicurante. «Bene, dopo torneremo per la parte B della tortura al seno. Per ora, penso che sia tempo di torturare qualcos'altro. ' Spense il vibratore e lo rimosse dalle cinghie. Mi ha slegato i piedi dal letto. Poi lo sentii tirare alcune corde e attaccare un oggetto metallico tintinnante, e mi resi conto che aveva attaccato la barra di sollevamento e mi stava sollevando i piedi verso il soffitto.

Ancora una volta ho provato a lottare. Odiavo essere esposto in modo violento, non legandoli più indietro. Potrei conviverci, ho deciso. Poi ho sentito ancora una volta un crop, questa volta sulla tenera curva interna del mio culo.

historias de sexo humeante

Declan mi ha colpito più volte il culo, riaccendendo il caldo dolore causato dai colpi precedenti. Poi ha iniziato un flusso costante di schiaffi contro le mie labbra gonfie e il clitoride. Si fermava periodicamente per scattare altre foto. Per alcuni di questi ho sentito il respiro sulle mie labbra bagnate, era così vicino. Si strofinò l'umidità, mi prese a coppa tutta la mia vulva e mi strinse. Si chinò e mi leccò la fessura. Poi si alzò, sciolse i miei attacchi in vita e sollevò i fianchi fino a quando non riuscì a far scivolare un cuscino a forma di cuneo sotto di me. Tornò alla leccata, ma ora poteva facilmente raggiungere non solo la mia fica, ma anche il mio culo. Leccò dappertutto. Mi premette saldamente la lingua dentro, ovunque potesse. Sembrava così sporco, il suo naso e la lingua premuti in me - ma allo stesso tempo, non lo era.

Poi ho sentito qualcosa di freddo e molto duro premendo contro il mio culo. Mi ha aperto l'ano e l'ho sentito scoppiare dentro. Era una spina d'acciaio. Una volta inserito, in realtà sembrava abbastanza comodo, ma così pesante, come se mi stesse tirando a terra con la sua massa.