Si sentono? : fanfiction di un cacciatore di fumatori

STAI LEGGENDO


Si sentono? : fanfiction di un cacciatore di fumatori

fanfiction

#fanfiction #piace #leggere #avvertimento #yaoi

Si sentono? : fanfiction di un cacciatore di fumatori

4.8K 70 30 Writer: VincentRules di VincentRules
di VincentRules Segui Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia
Invia Invia ad un amico Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia

non possiedo L4D



----

Si sentono?


linksadss

Beh, certo. Sono persone, dopo tutto. Persone affamate di sangue e carne. La colpa è di CEDA. Tra le centinaia di persone che CEDA ha sperimentato, molte hanno avuto un semi successo. E due di quelli infetti sono stati soprannominati 'The Smoker' e 'The Hunter'. Grazie alla capacità sovrumana di far crescere rapidamente viscere come la lingua e di ottenere migliaia di tumori sul suo corpo, il fumatore è in grado di resistere al normale protocollo di sperimentazione e di attaccarsi con la sua lingua insolitamente grande. Per quanto riguarda il cacciatore, la CEDA era interessata a sperimentare qualcuno che fosse professionale a Parkour. Il CEDA aveva tentato di sfruttarlo a proprio vantaggio e di migliorare la durata e la flessibilità dell'osso per consentire al cacciatore di saltare più lontano e più forte. Naturalmente, come tutti sappiamo, questo ha fallito e ha gravemente infettato tutti gli umani su cui sono stati testati, facendoli infettare con le sostanze chimiche utilizzate sui loro corpi e causandoli a marcire lentamente e creare una fame malsana di carne viva e un desiderio di uccidere .

Ma solo perché stanno marcendo non significa che non possano sentirsi. Vanno in uno stato mentale animalistico. Il fumatore e il cacciatore sono naturalmente molto stretti nelle relazioni, poiché lavorano insieme e restano sempre vicini. Così ora, con il cuore più alto che batteva a malapena e il calore che tendeva la pazienza delle vesti grigie, i due rimasero nel caldo di New Orleans, aspettando che la carne viva passasse.

Il fumatore si chinò sul cacciatore, apparendo quasi ossessivo in un modo. Il Cacciatore si sedette a gambe incrociate, poiché entrambi avevano la sensazione che non ci fossero sopravvissuti deliziosi che passavano da molto tempo. Il fumatore aveva una sigaretta in bocca. Divertente come anche in modo animalesco l'uomo avesse ancora voglia di nicotina e spinse il suo corpo in decomposizione a trovare un nuovo branco una volta uscito quello vecchio.

gorillaz 2d x murdoc

All'improvviso, The Hunter si irritò per il calore sempre crescente e iniziò ad artigliarsi la giacca, quasi strillando per il fastidio. Il Fumatore osservava, non divertito ma interessato a qualunque cosa il suo amico stesse cercando di realizzare. Brandelli di stoffa grigi volarono nell'aria mentre il più corto gli strappava la giacca a brandelli. Il nastro isolante attorno alle sue braccia era estremamente difficile da rimuovere, non avendo la destrezza di rimuoverlo correttamente. Il fumatore non stava più guardando per l'intrattenimento, ma la vista dei cacciatori tonificava strettamente sul petto. Il più alto non pensava che fosse possibile, ma la temperatura stava aumentando ulteriormente. L'edificio su cui si trovavano sembrava sollevarsi. Il fumatore si guardò intorno alla città di New Orleans, grandi edifici alti tutt'intorno. Niente poteva distoglierlo dai suoi piccoli amici 'spettacolo'.

Alla fine, con tutto rimosso dal suo busto, il Cacciatore giaceva ansimante, sfinito, sudato e frustrato dal caldo. Il fumatore sentì il suo sangue correre all'inguine. Il corpo in decomposizione divenne di nuovo vivo e stabile. Il cacciatore alzò lo sguardo curioso sul suo alto amico. Il desiderio iniziò a svilupparsi all'interno del Fumatore e gli istinti animalistici risuonarono. La lingua più alta gli uscì dalla bocca, avvolgendosi attorno al torace degli shorter, intrappolandolo all'istante e tirandolo in piedi. Il Cacciatore ringhiò, in disaccordo con quello che stava facendo il suo amico.

La lingua cominciò a strisciare attorno al corpo pallido come un serpente - attorno alle sue braccia e al collo - intrappolando sempre più il Cacciatore. Il fumatore si strappò il resto degli abiti dei cacciatori prima di provare a tirarsi giù i pantaloni, il che non era poi così difficile, visto che comunque cadevano costantemente dai suoi fianchi. Il suo cazzo completamente eretto fuoriesce dai suoi pugili, lievi tumori che decorano l'albero. Il cacciatore divenne sempre più irritato, poiché non poteva muoversi a causa di quella dannata lingua. Il più alto avvicinò i fianchi dei Cacciatori ai suoi e con una mossa disgustosa, si spinse contro il suo amico. Il Cacciatore guaì e ringhiò per l'intrusione. La lingua dei fumatori si strinse attorno al suo amico sempre più stretto mentre si spingeva più in alto. Fare questo alzarsi in piedi è stato più facile di quanto sembrasse, poiché entrambi hanno esperienza nel fare compiti più difficili.

historias del guardabosques del parque nacional

Il cacciatore lottò per la libertà quando il più alto si tirò fuori e si spinse di nuovo dentro, nel disperato tentativo di alleviare il suo desiderio. Il cacciatore presto fece cadere il fumatore, quindi erano entrambi in ginocchio. Ciò era controproducente da parte dei cacciatori, poiché consentiva al fumatore di accedere più facilmente. Il Cacciatore urlò e ringhiò, contorcendosi e contorcendosi per essere liberato. Il Fumatore piegò i fianchi in avanti, godendosi ogni secondo dell'ingresso stretto dei Cacciatori, che lentamente si inumidiva di sesso. Il Cacciatore, tuttavia, sentì che un grosso cazzo grosso, costellato di tumori da infezione, si muoveva dentro e fuori da lui dolorosamente. Il fumatore si spingeva così in fretta che la loro pelle si applaudiva e la punta del suo uccello inchiodava il cacciatore proprio nel fascio di nervi che spingeva ogni uomo esperto oltre il limite. Ma il Cacciatore era tristemente, tristemente inesperto, e non solo non era sicuro di questo nuovo sentimento, ma era allarmato dal fatto che gli causasse dolore. Avrebbe ringhiato ed emesso guaiti pietosi insieme a grida spaventose e urla agghiaccianti che rimbalzavano ed echeggiavano dai molti edifici della città. Il fumatore, per la prima volta dopo l'infezione, sorrideva e grugniva di piacere.

Il ritmo accelerò e il Cacciatore divenne disperato per la libertà. Il fumatore era implacabile, fottendo la poveretta sul tetto dell'edificio. Più alto stringeva i fianchi dei suoi amici, scavando le unghie nella carne calda. Il sangue colò e cadde sul cemento dalle nuove ferite dei Cacciatori. Pompando e spingendo, il Fumatore non era consapevole del leggero dolore che stava causando al suo amico. Anche se lo sapesse, non gliene importerebbe. Era quasi al culmine e non si arrendeva al mondo, né alla vista seducente della pelle di un sopravvissuto. Dentro, fuori, dentro, fuori, il ritmo dei Fumatori era duro e veloce e ogni volta che si lanciava nel Cacciatore emetteva un guaito doloroso di piacere, poiché la sua prostata veniva colpita ogni volta.

Il cacciatore aveva rinunciato nel tentativo di liberarsi mentre il fumatore si avvicinava al traguardo. L'infetto si spinse forte, il suo cazzo palpitante chiedeva il rilascio. La presa sui fianchi dei Cacciatori era inarrestabile, macchiando il sangue delle punte dei fumatori. La sua lingua non era affatto stanca mentre stringeva ancora più forte il Cacciatore. Le urla dei cacciatori si erano attenuate al minimo. Le sue labbra erano ricoperte di saliva mentre la sua lingua penzolava pigramente fuori, ansimando come un cane. Il calore del sole si abbatté su di loro mentre il Fumatore era nei suoi ultimi secondi sopra il bordo del suo picco. I suoi muscoli si flettevano e le sue spinte erano forti e veloci, per non parlare del profondo. Alla fine, si spinse nel profondo del suo amico stretto culo e venne duro, spingendo il suo seme nel profondo del cacciatore.

La presa dei fumatori si allentò e la sua lingua si afflosciò attorno alla sua vittima. Il cacciatore ansimò e adagiò la pancia, sfinito sul cemento. Il fumatore si tirò fuori e armeggiò per rimettersi nei pantaloni, il che era sorprendente, visto che gli animali erano infetti come gli animali, e gli animali non si sarebbero preoccupati di tale decenza. Il fumatore si alzò quindi e guardò in basso verso la sua vittima stanca, ora trenta volte più calda a causa del recente sforzo. Il corto rotolò sulla sua schiena, fissando il più alto, che sembrava solo stupito.

Sicuramente sarebbe stato impossibile lavorare insieme per un po ', ma i due compagni avevano appena trovato nuovi mezzi di intrattenimento mentre stavano aspettando.