Fanfiction di Dark Harry Styles

STAI LEGGENDO



Fanfiction di Dark Harry Styles

fanfiction

Dark One Direction Fanfiction

1.4K 6 1 Writer: SWSptv1D5sosCTE di SWSptv1D5sosCTE
di SWSptv1D5sosCTE Segui Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia
Invia Invia ad un amico Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia

Ehi, quindi l'ho trovato su tumblr e ho notato come diverse persone abbiano come tre capitoli su wattpad. così ho deciso di andare avanti e pubblicarlo. NON PROPRIO TUTTO IL CREDITO VA A H28



Capitolo primo

Ho immediatamente notato il mio gruppo di amici nella stanza affollata. La festa era diventata più affollata mentre la notte si avvicinava, la casa conteneva a malapena i numerosi adolescenti intossicati. Fu allora che notai un maschio piuttosto attraente apparire sulla porta della cucina. Il suo sorriso gli illuminò il viso, gli occhi castani che mi brillavano. Le mie labbra hanno rivelato un sorriso timido mentre iniziava a farsi strada. Ma rimasi un po 'deluso quando si fermò all'istante, la sua vista guizzò in un punto sopra la mia spalla. Mi voltai per scoprire cosa stesse guardando intensamente, un ragazzo alto con i capelli ricci e scuri lo fissò con rabbia con il suo sguardo aspro. All'inizio non lo riconoscevo, ma una storia con cui il mio amico mi aveva spaventato, galleggiava in testa alla mia mente. Questo ragazzo aveva perso la pazienza una notte, picchiando un ragazzo sul pavimento. Aveva una storia di comportamenti violenti, non c'è da stupirsi che il mio ragazzo dagli occhi castani si sia immediatamente allontanato. Tornò dritto in cucina senza darmi una seconda occhiata.


Il mio polso poteva essere sentito nelle mie orecchie, la bocca si seccava. Rimasi congelato sul posto mentre l'altezza intimidatoria di un maschio si oscurava su di me. I miei occhi nervosi risalirono per la lunghezza del suo corpo, le mie dita si strinsero un po 'più strette intorno alla mia tazza. I suoi jeans si aggrappavano perfettamente alla sua metà inferiore, una maglietta bianca che adornava il suo busto. Non avevo ancora incontrato correttamente la messa a fuoco oscura che sapevo fosse allenata sul mio viso.

hoy mi hermano me empujó

Parlava con voce roca.

Non ero mai stato trattato così prima d'ora. Le mie dita erano serrate, il maschio attualmente senza nome, che mi incoraggiava la mano dietro la nuca. Alzai lo sguardo audacemente, sbalordito nel vedere un paio di occhi scintillanti che mi scrutavano. Erano quasi color giada, incorniciati da ciglia scure. Ma presto ho scrollato di dosso le intriganti scintille che attraversavano il mio corpo. La mia cautela si intensificò quando le labbra rosa a forma di cuore si tirarono in un ghigno.



Balbettai.

Mi sorrise, la sua prepotente presenza mi arrivava all'orecchio.

Sussurrò caldamente.

Prima che si ritirasse, la pienezza delle sue labbra premette nel punto appena sotto il mio orecchio. I miei occhi si chiusero e gli strinsi forte il collo. Emisi un sussulto mentre costringeva i miei fianchi ai suoi. Una profonda risatina vibrò nel suo petto, chiaramente godendo della reazione che stava attirando da me. Non avevo mai provato nulla di simile prima, apparentemente era ovvio.

Il suo sguardo oscuro cadde sul mio petto, approfittando della sua altezza si abbandonò alla vista sulla mia cima. Le mie dita caddero da dove gli tenevo la nuca. La voglia di arrossare la sua guancia con il mio palmo stava crescendo. Ma mi trattenni, ancora spaventato dal maschio imponente. Le mie mani si sollevarono per spingerlo via, ma mi afferrò i polsi.

Parlò con voce roca.

Harry mi portò le braccia lungo i fianchi nella sua salda presa. Ho sussultato mentre si prendeva il suo tempo per farmi scorrere un tocco caldo sulla schiena. Le sue lunghe dita si incresparono nella tasca posteriore dei miei jeans e presto mi resi conto che stava cercando il mio telefono. La sua mano indugiò e divenne chiaro che non era il suo unico obiettivo. La mia parte posteriore è stata stretta strettamente prima che l'oggetto di interesse fosse tolto dai miei jeans. Il piagnucolio sforzato che sfuggì alle mie labbra divaricate provocò un suo sogghigno in un sorriso.

Rimasi in silenzio mentre Harry digitava il suo numero. Un bip risuonò pochi secondi dopo e mi resi conto che si era mandato un messaggio dal mio telefono. Adesso aveva il mio numero. Cosa diavolo stava succedendo? Ero stato separato dai miei amici per non più di cinque minuti e ora ero in presenza di un ragazzo che evidentemente aveva solo una cosa in testa. Il fiato caldo mi colava lungo il collo mentre faceva scivolare il telefono al suo posto precedente. L'aria mi fu schiacciata, Harry premette la parte anteriore del suo corpo sul mio. Il basso gemito che gli scoppiò dalla parte posteriore della gola mi colse di sorpresa, Harry trovò piacere nel mio seno saldamente spinto sul suo torace muscoloso.

Ho debolmente supplicato.

Sentii il suo petto vibrare mentre ridacchiava. Le sue labbra carnose si posarono di nuovo sul mio orecchio.

Rabbrividivo alle sue parole. Harry mi ha spaventato, ma questa volta la mia paura mi ha fatto scatenare. Si ritirò leggermente prima che la mia mano entrasse in contatto con la sua faccia. Era chiaramente inaspettato dall'espressione della rabbia che dominava i suoi lineamenti stretti. La sua guancia sinistra era marchiata con una sfumatura rosa prima di afferrare aggressivamente i miei avambracci.

Lui sorrise.

las rosas inapropiadas son rojas

Lui abbassò la testa, spingendo la mia di lato prima che sentissi le sue labbra premere sulla pelle del mio collo. Le punte dei suoi capelli ricci mi solleticavano la guancia. Harry riluttante rilasciò una delle mie braccia in modo da poter trattenere la parte posteriore della mia testa, impedendomi di fuggire. Immediatamente gli misi la mano libera sul petto in segno di protesta, tentando di allontanarlo mentre lo sentivo duramente succhiare.

Io ho supplicato.

Pugno tra le dita la parte anteriore della sua maglietta; il dolore acuto si intensificò mentre i suoi denti sfioravano la pelle. La sua risata ansimante si aprì sull'area mentre lottavo disperatamente contro il malet, permettendomi quel conforto a lungo, mordicchiandomi avidamente il collo con i denti. Rimasi senza fiato quando la sua lingua leccò sulla pelle appena sensibile, piantando alcuni baci. Soffiò sopra il punto umido e sciatto, accendendo un brivido attraverso la mia interezza.

Harry indietreggiò sorridendo mentre strappavo il braccio dalla sua grande mano. Le mie dita si spostarono fino al mio collo, facendo un respiro affannoso quando mi trascinai sul punto dolente. Mi piagnucolò dalla paura mentre si avvicinava.

Parlava in tono sommesso.

Il suo sguardo lussurioso bruciava su e giù per il mio corpo prima che si girasse e si allontanasse con sicurezza. Rimasi sbalordito per un breve periodo, incapace di elaborare ciò che era realmente accaduto.

Ho maledetto.

Mi affrettai a gomitare attraverso corpi caldi, tentando disperatamente di trovare i miei amici. Quando li raggiunsi stavano chiacchierando e ridendo animatamente, completamente ignari di ciò che era accaduto pochi secondi fa. Ho aperto la bocca per parlare ma sono stato stentato.

Chiese Zoe, preoccupata per la sua voce.

Lucy ha incoraggiato la lunghezza delle mie onde scure della mia spalla. I loro occhi si spalancarono alla vista.

Mi sono pentito all'istante dei miei movimenti mentre mi toccavo di nuovo stupidamente il punto doloroso sul collo. Il mio tocco rimase, ma i miei occhi spaventati erano bloccati in un punto attraverso la stanza. Il mio amico prima mi ha tenuto in ostaggio. L'occhiolino che ho ricevuto da Harry mi ha reso senza parole mentre lo guardavo scomparire.

historias de sexo de justin bieber

Tornai dai miei amici. La bocca di Charlottes si separò per commentare l'evento, ma lo chiuse rapidamente, incapace di formare una frase coerente. Lucy alla fine ruppe il silenzio.