Christine McGuinness dice che 'non era preparata' per la costante preoccupazione di avere figli con autismo

Christine McGuinness ha ammesso di 'costantemente preoccupata' che i suoi figli autistici non facciano buoni amici o non abbiano relazioni in futuro.


Christine McGuinness si è aperta sulla 'preoccupazione costante' che sente di essere mamma di tre bambini con autismo.

La star televisiva condivide con lei i gemelli di nove anni Leo e Penelope e Felicity di sei anni ex marito Paddy , E a tutti e tre è stato diagnosticato l'autismo .

Anche Christine è stata diagnosticata all'età di 31 anni e si è aperta candidamente a Heart riguardo alle sue lotte genitoriali come parte della nostra serie 'No Filter'.

Guarda subito Heart's No Filter con Christine McGuinness su Global Player

'Penso che la preoccupazione fosse qualcosa per cui non ero preparata', ha detto.


  Christine McGuinness si è aperta sulla genitorialità dei suoi tre figli
Christine McGuinness si è aperta sulla genitorialità dei suoi tre figli. Immagine: Instagram

'Ti preoccupi costantemente quando hai figli con bisogni aggiuntivi, mi preoccupo di 'diventeranno buoni amici? Avranno relazioni? Lavoreranno quando saranno più grandi?'

“Queste sono le preoccupazioni extra che ho con i miei figli. Rimango positivo e credo che prospereranno assolutamente e faranno cose incredibili.


IL Società nazionale per l'autismo afferma che l'autismo 'influenza il modo in cui le persone comunicano e interagiscono con il mondo'. ' .

E per Christine, questo ha un grande impatto sul modo in cui sostiene i suoi figli e sulle tecniche che usa per farli sentire il più a loro agio possibile.


  Paddy e Christine McGuinness si sono lasciati nel 2022
Paddy e Christine McGuinness si sono lasciati nel 2022. Immagine: Instagram

Parlando di quando va via per lavoro, Christine ci ha detto: “Nei giorni in cui esco per lavorare, creerò un calendario visivo in modo che i bambini possano vedere quando la mamma esce e quando la mamma torna a casa.

'Stanno maturando e ora si sentono più a loro agio e non mi chiedono di restare a casa, il che è un po' triste che fossero così, ma è anche fantastico che stiano crescendo adesso'.

Dopo aver scoperto di avere lei stessa l'autismo due anni fa, Christine ha ammesso di aver paura di dirlo alla gente perché non voleva essere giudicata al lavoro o dal pubblico.

Ma nonostante non abbia riconosciuto i segni nei suoi figli all'inizio, da allora ha definito la diagnosi una 'benedizione' in quanto significa che sono in grado di capirsi come una famiglia.


“Vedo sicuramente somiglianze quando ripenso alla mia infanzia, è come la mia bambina Penelope in particolare.

'Penso che sia per questo che non l'ho visto nei bambini, perché ho sempre pensato che fossero come me e 'ovviamente saranno come me, io sono la loro mamma'.'

Christine ha continuato dicendo: “Penso che sia una cosa positiva che io sia autistica e che tutti e tre i miei figli lo siano perché ci capiamo molto di più.

“È una benedizione, so di concedere loro una pausa se ne hanno bisogno, so che non sono difficili e capisco perfettamente quando non vogliono mangiare pasti cucinati in casa.

'So che hanno problemi sensoriali, sono esattamente lo stesso e ora ho 30 anni e mi sto ancora abituando a mangiare cibi diversi e stare in ambienti diversi'.

Il nostro ente di beneficenza Global's Make Some Noise fornisce supporto a individui e famiglie che vivono con l'autismo nelle comunità locali in tutto il Regno Unito. Per saperne di più, visita makesomenoise.com .