Cameron Dallas Smut

STAI LEGGENDO



Cameron Dallas Smut

fanfiction

Per tutte le mie ragazze di Dallas là fuori le classifiche più alte: # 36 in Cameron Dallas # 24 in Magcon Boys # 30 in Magcon

#Cameron Dallas #dallasgirl #Magcon #magconboys



Sesso in auto

20.8K 120 19 Writer: harderMatt di harderMatt
di harderMatt Segui Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia
Invia Invia ad un amico Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia

Pioveva a dirotto, oggi di tutti i giorni ho pensato che sarebbe stata una buona idea andare a piedi al lavoro.

La pioggia venne fuori dal nulla, lasciandomi inzuppato mentre attraversavo le porte del caffè. Mi avvicinai al mio armadietto, tirando fuori un altro paio di vestiti in cui cambiarmi.



Entrai nel bagno, dimenticando di chiudere a chiave la porta dietro di me. Ero di fronte al muro più lontano dalla porta, mentre mi spogliavo, il mio collega Cameron aprì la porta.

Sorpreso, ho saltato e mi sono girato, coprendomi con una maglietta. Mi guardò meravigliato, non distogliendo gli occhi da me una volta.

Resterai lì o ...? ' Ho chiesto, diventando seccato e impaziente.



Non disse nulla, chiuse la porta alle sue spalle e continuò a fare dei passi verso di me. Feci un passo indietro, finché non ero contro il muro e non potevo più muovermi.

Hai un corpo davvero carino. ' Ammise, tirando giù la maglietta che stavo usando per coprirmi.

Ha ammirato il mio corpo, dal momento che nulla lo copriva più. Qualcosa mi è venuto in mente e non mi andava di dirgli di lasciare la stanza.

Mi afferrò il seno, lasciandomi senza fiato per i suoi movimenti inaspettati.

La sua mano destra mi trascinò lungo il corpo, toccò ogni curva possibile. Abbassò la testa sulla mia e cominciò a baciarmi il collo.

Ti voglio, S / N. Proprio adesso.' Disse piano.

Cosa ti ferma?'

Si allontanò.

Vestirsi.' Disse con fermezza, il suo tono mi avvertì di non fare domande.

Ho fatto come mi è stato detto, mi ha tirato fuori dal bagno per mano.

Siamo usciti dall'edificio inosservati, mi ha praticamente trascinato sulla sua macchina, potrei aggiungere con impazienza.

Mi spinse contro la portiera posteriore della sua Honda Santa Fe, baciandomi sul collo. Faticò a togliersi le chiavi dalle tasche, ma una volta fatto fui gettato sul sedile posteriore della sua auto, senza esitazione.

Si arrampicò su di me, sbattendo la porta alle sue spalle. La mia camicia e reggiseno sono stati rimossi nel primo minuto, insieme a camicia e pantaloni.

Il prossimo era il mio leggings e perizoma, e i suoi pugili. Allargò le gambe, preparandosi a sbattere dentro.

Sei sulla pillola? Mi ha chiesto, generalmente preoccupato, ho annuito e la sua lunghezza era in me poco dopo.

Sarebbe entrato e si sarebbe portato quasi fuori, facendo sentire estatico il mio calore.

Abbiamo fatto ogni posizione possibile, dal missionario al guidatore del sedile posteriore.

Secondo round?' Chiese, dopo alcuni minuti che riprendemmo il respiro, 'Ho voglia di farti questo per molto tempo'.

Non ho fatto altro che annuire. Questo è stato sicuramente il miglior sesso di sempre, e sicuramente non mi dispiacerebbe un secondo round.

L'ho afferrato e pompato, all'inizio lentamente ma gradualmente diventando più veloce. I suoi lamenti erano dappertutto, iniziai a muovere la bocca sulla sua testa, succhiando e mordicchiando delicatamente.

Presto è venuto nella mia bocca, uh, S / N. Non pensare di sputarlo. Ingoiare.'

Feci come mi era stato detto e seguì un 'sì, Cameron'.

Spostò il sedile del passeggero il più avanti possibile, così da poter facilmente raggiungere la mia fica.

Una volta compiuto ciò, le sue dita sfiorarono le mie pieghe per alcuni minuti antagonisti, scaldandomi.

Mi fece scivolare un dito nella fessura e poi due, tre poco dopo.

Le sue pompe sono diventate più veloci dal secondo, ero troppo euforia per notare il dolore del sedile posteriore attaccato alla mia pelle.

Incrociò le dita, e questo è quando sono arrivato.

abrir cuando reciba estas cartas por primera vez

Tutto quello a cui potevo pensare è quanto ero grato che avesse oscurato le finestre.