immagini di bts

STAI LEGGENDO


historias de azotes en línea

immagini di bts

fanfiction

bts immagina si diverta <3 * = mature

#bangtan #BTS #immaginare #immagini #jhope #Jimin #jin #jungkook #kpop #rapmonster #succhiare #wattys2017



sei carino con un pancione | p.j

1K 12 0 Writer: jagijongin di Jagijongin
di jagijongin Segui Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia
Invia Invia ad un amico Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia

Penso che dovremmo scioglierci. '
Non avrei mai pensato di dire mai quella parola a Jimin. Anche con lui seduto di fronte a me sul divano, i suoi occhi lacrimanti e la sua inspirazione accelerata, non riuscivo ancora a credere che stavo davvero facendo questo.
Non volevo separarmi, ma non c'era modo di evitarlo. Entrambi volevamo le stesse cose ma non potevo dargli ciò di cui aveva bisogno; un bambino.
Il test di gravidanza negativo si è seduto nel cestino accanto a un portasapone rotto che avevo gettato per la frustrazione. Dopo aver provato negli ultimi sette mesi, non riuscivo ancora a rimanere incinta. Sapevo quanto Jimin volesse un bambino. Mi avrebbe rassicurato che sarebbe successo al momento giusto, ma nel mio cuore sapevo che non ci sarebbe mai stato il momento giusto. Non potevo lasciarlo continuare a sperare nella nostra relazione quando non avrebbe mai funzionato.
'Da dove viene questo? Ho fatto qualcosa per farti arrabbiare? Dimmelo e possiamo risolverlo. '
'Non possiamo lavorare attraverso questo Jimin. Non voglio più stare con te. Sei sempre occupato e non hai mai tempo per me. Non posso vivere sempre secondo alla tua carriera. Ho mentito. In fondo sapevo che se l'avessi mai chiesto, Jimin avrebbe rinunciato a tutto per stare con me, ma non un bambino. Non potevo fargli questo.
Jimin si avvicinò a me sul divano. I suoi occhi guizzavano mentre lottava per non piangere. Tuttavia avevo già qualche lacrima che mi lasciava una scia sulla guancia. Mi ha tenuto le mani sul petto.
'Non è di questo che si tratta.'
Distolsi lo sguardo. Le mie espressioni davano sempre il mio inganno.
'Guardami', supplicò, stringendomi il mento verso di lui.
'Di cosa si tratta?' chiese.
Ho spinto bruscamente la mano che mi asciugava le lacrime e mi alzai, allontanandomi da lui.
'Hai ragione, non si tratta di essere via. Riguarda la pressione che mi hai fatto per rimanere incinta! '
Sto urlando, adesso. La mia fronte è fiammeggiante e la mia mano inizia a tremare.
'Non vuoi bambini?' Jimin sembrava così ferito ma non mi lasciava andare se non lo guardassi negli occhi e gli spezzassi il cuore.
'Non voglio i tuoi figli.'
È stato doloroso pronunciare quelle parole. Mentre mi lasciavano le labbra e raggiungevano Jimin, e vedevo il dolore delle mie parole riflesse sul suo viso, sentii un coltello scivolargli in gola.
'Non ho mai saputo che ti sentissi così.' Disse a bassa voce.
Respirò profondamente.
'Se i bambini sono qualcosa che non vuoi, allora possiamo risolverli. Non dobbiamo farlo adesso. Potresti cambiare idea in futuro. '
'Non cambierò mai idea di Jimin. Questo è solo il punto di svolta nella nostra relazione. Non posso più stare con te.
'S / N ascoltami. Cercherò di prendermi più tempo libero o forse di lavorare di più, quindi non devo esercitarmi così tardi. Parlerò ai miei dirigenti di noi che ci prendiamo più tempo libero. Non menzionerò nemmeno i bambini a meno che tu non lo avvii o non sia pronto. Per favore, non lasciarmi.
Mi allontanai da lui e lui si alzò per abbracciarmi da dietro.
'Per favore, S / N. So che possiamo farcela. Non ho mai avuto intenzione di farti pressione.
L'ho spazzato via, più duro questa volta.
'Non importa se volevi o no; l'hai fatto. Non posso stare con qualcuno che deve cambiare per me. Non ho bisogno che tu aspetti che io sia pronto per qualcosa che non sarò mai. Sono stati fatti Jimin. '
Mi avvicinai alla porta principale, la aprii e la aprii.
Jimin rimane congelato al suo posto.
'Lascia Jimin.'
Cammino e prendo la giacca dal divano e lo spingo fuori dalla porta. Le lacrime gli scorrono rapidamente sulle guance.
Finalmente fuori dalla sua confusione, i suoi occhi guizzano e inizia a farsi prendere dal panico, rendendosi conto che sono serio.
'S / N, non farci questo-'
Raccolgo le sue scarpe, le lancio ai suoi piedi, sbattendo la porta in faccia e interrompendolo a metà frase.
È silenzioso dopo. Aspetto che la sua ombra scompaia e il suono dei suoi passi si spenga prima che mi permetta di raggomitolarmi sul pavimento e piangere.
-
Sono passate due settimane da quando ho rotto con Jimin e le cose sono state tutt'altro che buone. Mia sorella ha detto che ho perso molto peso e non sono mai stata davvero fuori casa. Tutto mi ricorda lui. L'odore del caffè mi ricorda il tempo in cui ha portato il mio intero personale Starbucks perché stavamo lavorando fino a tardi. La pioggia mi ricorda il tempo in cui avevamo programmato di andare al parco divertimenti ma non potevamo a causa di una tempesta, quindi abbiamo appena costruito un forte nel nostro salotto e abbiamo guardato film degli anni '80 tutto il giorno. Parlando di film degli anni '80, non ho potuto nemmeno guardare il mio preferito perché mi ha ricordato il tempo in cui Jimin aveva un teatro lo proiettava privatamente per noi durante il nostro secondo anniversario.
Il solo fatto di pensare a lui fa male perché comincio a ricordare il modo in cui appariva l'ultima volta che l'ho visto, quando gli ho spezzato il cuore.
Ricevo una notifica sul mio telefono che mi attira dai miei pensieri. È il mio promemoria mestruale. Sono in ritardo di sei giorni.
All'inizio ho pensato che fosse stress a causa di tutto quello che è successo con Jimin e non rimanere incinta, ma ora una pletora di 'what ifs' mi viene in mente.
Mi precipito in bagno e frugo nella mia credenza e cerco il test di gravidanza in più che ho comprato circa un mese fa.
Prendo il test e cinque minuti dopo, sono accolto da un segno più rosso sul bastone bianco.
Trattengo il respiro e torno sul muro del bagno. Cosa ho fatto?
'Jimin ..' sussurro.
-
Mi avvio a fatica verso la porta del dormitorio del Bangtans. Mi tremano i piedi nelle scarpe e mi agitano le mani mentre contemplo bussare alla porta.
Sono terrificato. Jimin probabilmente mi odia. Non posso biasimarlo. Sono stato crudele con lui, buttandolo fuori di casa con parole così odiose.
Spero che diavolo capisca da dove vengo. Ma allo stesso tempo, mi sento come se non lo meritassi. Ero disposto a rinunciare a noi e ora che le cose sono come le voglio, lo rivoglio indietro. Merita qualcuno più forte di me.
Mi giro per andarmene quando la porta si apre. È Jungkook.
'Y / N. Cosa stai facendo qui?' Dice freddamente.
Incrocia le braccia sul petto. Di solito Jungkook è sempre così gentile con me. Probabilmente è il membro a cui sono più vicino. Era il più vicino a.
'Devo parlare con Jimin.'
'Non vuole vederti. Dovreste andare. Adesso.' La sua voce è autorevole anche se ho due anni più di lui.
Taehyung appare sulla soglia e si sposta accanto a Jungkook, creando una barriera tra me e il dormitorio.
'S / N, hai un sacco di nervi che appaiono qui.' Taehyung sogghigna.
'Volevo solo vedere J-jimin, balbetto.
'Chi è là?'
'Hyung non è nessuno, Jungkook dice di trasferirsi per impedire a Jimin di vedermi.
Taehyung mi fa segno di andarmene, ma non posso. Jimin deve sapere che sto portando suo figlio.
'Jimin, sono io.'
Lancio un'occhiata a Taehyung e se gli sguardi potessero uccidere, sarei sotto di sei piedi.
Jimin supera Jungkook per vedermi. Sembra stanco e sfinito. Mi sento così in colpa a guardarlo. Potrebbe aver perso ancora più peso di me.
'S / N ..' Respira. Per una frazione di secondo penso che sia felice di vedermi, ma poi la sua espressione si sposta e le sue labbra si serrano.
'Hyung, non devi parlarle.' Dice Jungkook, mettendo una mano sul braccio di Jimins.
'Andare all'interno.' Dice severamente Jimin, senza distogliere lo sguardo da me.
Taehyung e Jungkook obbediscono e rientrano, chiudendo la porta dietro di loro, lasciando Jimin e io in piedi in un corridoio vuoto.
'Perché sei qui?' Dice Jimin. La sua voce è bassa e distante.
Tiro fuori una scatola blu che ho legato con un nastro bianco e glielo tendo.
Jimin mi toglie la scatola dalla mano e la fa roteare.
'Che cazzo dovrebbe essere? Un regalo? Sei fottutamente stupido? Rompi con me e poi torni con una scatola e ti aspetti che tutto vada bene?
'Jimin non è quello che pensi che sia ...'
'Stai zitto S / N. Sono su di te. Come hai detto, avevano finito. A quelle ultime due parole Jimin lancia la scatola ai miei piedi, come ho fatto con le sue scarpe.
Si trasferisce per tornare in casa, quindi apro rapidamente la scatola e tiro fuori il test di gravidanza.
'Sono incinta!'
Jimin si ferma sulle sue tracce, la mano congelata sul pomello della porta. Gira lentamente la testa per affrontarmi.
Si avvicina a me, mi prende il bastone dalla mano e lo esamina.
'Io-non capisco. L'hai detto tu-'
'Lo so. Ho controllato quel giorno e mi ha detto che non lo ero, ma immagino che fosse sbagliato o difettoso. Ho rotto con te così duramente che non mi avresti aspettato. Mi sentivo come se ti trattenessi dall'avere ciò che volevi davvero e ti amo così tanto e non avrei mai voluto che dovessi rinunciare a qualcosa di così importante per te. Mi dispiace tanto Jimin, non ho mai voluto ferirti. Capisco se non vuoi mai più vedermi ...
Il mio grido sconclusionato viene interrotto dalle labbra di Jimins. Le sue mani tengono il mio viso al suo mentre filma le sue labbra contro le mie. Sento che le nostre lacrime si mescolano quando mi sciolgo nel bacio e gli lancio le braccia attorno.
Si allontana dopo ciò che sembra per sempre e mi tiene al petto.
Non dice nulla e nemmeno io. Il nostro silenzio è tutto.
-QUATTRO MESI DOPO
Jimin fa oscillare la mano nella sua mentre camminiamo nell'elaborato negozio per bambini.
'Questo elefante è carino. Corrisponderà al tema degli animali che stiamo affrontando. ' Jimin dice ma sono a miglia di distanza da questa conversazione.
Mi sto fissando allo specchio. Più specificamente, sto fissando il mio stomaco sporgente.
Jimin mi prende e mi abbraccia da dietro. Mi canticchia nel collo.
'A cosa stai pensando?' Chiede, posandomi un bacio sulla spalla.
'Su tutti i vestiti che non riuscirò a trovare.' Sospiro.
'A cosa stai pensando?' Chiedo.
'Che sei carino con un pancione.'