Tutte le note BTS: ordine cronologico

STAI LEGGENDO


Tutte le note BTS: ordine cronologico

Casuale

HYYH, Young Forever, Youth, Wings, Love Yourself Ogni singola nota tradotta e messa in ordine cronologico. La serie di voci di diario di ogni personaggio dell'universo immaginario nei video musicali di BTS, evidenziando bobine e cortometraggi. ** IMPOR ...

#albumnotes #bangtansonyeondan #BTS #btsarmy #btsboys #btsenglish #btshyyh #btsjhope #btsjimin #btsloveyourself #btsnotes #btsrapmonster #btsseokjin #btssuga #btstaehyung #btswings #btsyoongi #cronologico #Epifania #jin #loveyourselfanswer #loveyourselfher #loveyourselftear #Appunti

Anno 10-19

21.5K 224 39 Writer: saranderose di saranderose
di guarisci Segui Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia
Invia Invia ad un amico Condividi
  • Condividi via e-mail
  • Segnala la storia

-

Hoseok


linksadss

23 luglio, anno 10

Quando ho contato fino a tre, ho sentito il suono delle risate come un'allucinazione. Il momento seguente il giovane me passò tenendo la mano di qualcuno. Ho guardato indietro rapidamente, ma non c'era nessuno tranne i miei compagni di classe che mi fissavano.

l'insegnante ha chiamato il mio nome. Solo allora mi sono reso conto di dove fossi. È stata una gita di classe. Stavo contando i frutti che sono stati disegnati nel libro di testo. Cinque. Sei. Continuavo a contare, ma mentre facevo la mia voce tremava e le mie mani diventavano sudate. Il ricordo di quel tempo continuava a emergere.

bob esponja y patrick citas

Non riuscivo a ricordare chiaramente che le mie madri affrontassero quel giorno. Mi sono ricordato solo della barretta di cioccolato che mi ha dato mentre ci guardavamo intorno nel parco divertimenti.

Hoseok-ah. Conta fino a dieci e poi apri gli occhi. ' Quando ho finito di contare e ho aperto gli occhi, mia madre non c'era più. Ho aspettato e atteso, ma lei non è mai tornata. Ne avevo contati solo nove. Se ne avessi contato ancora uno sarebbe andato bene, ma la mia voce non sarebbe uscita. Le mie orecchie suonavano e i miei dintorni si annebbiarono. L'insegnante continuava a indicare, dicendomi di continuare a contare. I miei amici mi stavano fissando. Non riuscivo a ricordare la faccia di mia madre. Sembrava che se ne avessi contato un altro, mia madre non sarebbe mai tornata per me.

Proprio così, sono crollato a terra.

---

Taehyung

29 dicembre, anno 10

citas de lockhart de gilderoy

Entrai in soggiorno dopo essermi tolto le scarpe e aver lasciato cadere la borsa, e mio padre era dentro. Non pensavo a quanto tempo fosse passato dall'ultima volta che l'ho visto, o dove fosse stato. Ho appena incontrato il suo abbraccio. Non riesco a ricordare chiaramente cosa sia successo dopo. Ho sentito prima l'odore dell'alcool, l'ho sentito imprecare contro di me o sono stato schiaffeggiato da lui? Non sapeva cosa stesse realmente accadendo. Puzzava di alcol, il suo respiro era duro e aveva l'alito cattivo. Aveva gli occhi iniettati di sangue e la barba spettinata. Poi ha usato la sua grande mano per colpirmi, mi ha chiesto cosa stavo guardando e mi ha colpito di nuovo. Poi mi ha sollevato in alto in aria. Sebbene i suoi occhi iniettati di sangue fossero spaventosi, non potevo piangere perché ero troppo spaventato.

Quello non era mio padre. No, lo era, ma non ne aveva voglia. Ho calciato la gamba a mezz'aria. Nel momento successivo, la mia testa ha colpito il muro e sono caduto a terra.

Mi sembrava che la mia testa sarebbe esplosa.

La mia vista divenne sfocata e gradualmente si oscurò, e tutto ciò che potevo sentire nella mia mente fu il respiro di mio padre.

---

Jimin

6 aprile, anno 11

Sono uscito da solo all'ingresso dell'arboreto. Il tempo era nuvoloso e un po 'freddo, ma si sentiva ancora bene. Sebbene fosse il giorno del picnic, i miei genitori erano ancora impegnati. Quindi, all'inizio, ero un po 'triste. Ma nel concorso di disegno floreale, ho ricevuto un complimento, i miei amici mamme hanno detto che ero affidabile. E così da allora, ho pensato di essere un po 'più figo.

Jimin-ah, aspetta qui. L'insegnante arriverà presto. ' Dopo il picnic, mentre dovevamo lasciare l'arboreto, l'insegnante mi ha avvertito ma non ho aspettato. Ero fiducioso di poterlo fare da solo.

Ho afferrato saldamente le cinghie dello zaino con entrambe le mani e ho camminato di proposito. Sembrava che tutti mi stessero fissando, quindi ho raddrizzato di più le spalle. Passò molto tempo dopo che la pioggia aveva iniziato a cadere. I miei amici e le loro mamme erano già andati, non c'era nessuno a prendermi cura di me e le gambe mi facevano male. Ho usato lo zaino per coprirmi la testa e mi sono accovacciato sotto un albero. La pioggia è caduta più forte e non c'erano persone che passavano. Alla fine, ho finito per correre sotto la pioggia. Non riuscivo a vedere una casa o un negozio. E il posto in cui sono arrivato era l'ingresso posteriore dell'arboreto. Il cancello laterale era aperto e potevo vedere qualcosa di simile a uno spazio di archiviazione al suo interno.

La storia continua di seguito

Storie promosse

Ti piacerà anche